“SALVINI AL VIMINALE? SE NE DISCUTERÀ DOPO IL VOTO” – GIORGIA MELONI CONTINUA A FRENARE IL “CAPITONE”, SMANIOSO DI OTTENERE DA SUBITO L’INDICAZIONE COME MINISTRO DELL’INTERNO PER POTER FARE CAMPAGNA ELETTORALE SULLA PELLE DEI MIGRANTI (È L’UNICA COSA CHE RIESCE A CAVALCARE) – TROVATA L’INTESA SU ATLANTISMO E POLITICA ESTERA, MA ANCORA CI SONO DIVERGENZE SULL’ECONOMIA…

-

Condividi questo articolo


Antonio Bravetti per “La Stampa”

 

matteo salvini e giorgia meloni matteo salvini e giorgia meloni

La squadra di governo può attendere, se ne parlerà «dopo il voto». Così come di un ritorno di Matteo Salvini al Viminale: «Se ne discuterà sulla base del risultato». Giorgia Meloni non concede nulla.

 

Ospite di "Controcorrente" su Rete 4, la leader di Fratelli d'Italia dei suoi alleati dice «mi voglio fidare», ma dice anche che l'unico modo per evitare «inciuci» e governi a geometrie variabili «è votare Fratelli d'Italia». Camicetta celeste confetto e orecchini in tinta, Meloni si sottrae al gioco del toto-ministri.

 

GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI E MATTEO SALVINI

«Le squadre di governo si fanno sulla base del risultato elettorale - sottolinea - magari uno o due ministri si possono decidere, ma non credo si possa definire tutto l'esecutivo». Salvini può attendere: «È già stato ministro dell'Interno - ricorda Meloni - è una persona capace, ma sono materie che si discutono sulla base del risultato». Dalla Lega la risposta arriva in pochissimi minuti: «Bene che anche Giorgia promuova il progetto di anticipare qualche ipotesi di ministro, come suggerito dalla Lega. Avanti, uniti e con le idee chiare».

Non parlarmi, non ti sento.

 

Oggi Salvini sarà a Lampedusa, mentre Meloni ospite del caffè della Versiliana, a Marina di Pietrasanta. Una donna a palazzo Chigi infastidisce più a destra o a sinistra? «Dà più fastidio ai maschi», replica secca. Si muove su internet, invece, Silvio Berlusconi. Anche ieri l'ex premier ha diffuso sui social un video di tre minuti con le proposte di Forza Italia in vista del voto. Ringalluzzito dalla sua nona campagna elettorale, Berlusconi rispolvera un suo vecchio e fortunato slogan, promettendo «un nuovo miracolo italiano».

MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

 

Intanto vanno avanti i lavori tecnici del centrodestra, riunioni continue per parlare di collegi e programma. Ci sono da assegnare i nomi ai 232 collegi uninominali. Qualche problema con i centristi dell'Udc, seccati dall'offerta di 4-5 seggi nelle liste di Forza Italia, dove dovrebbero però rinunciare al simbolo. La proposta non va giù a Cesa e De Poli, sempre più attirati dall'idea di correre in proprio, con tanto di scudo crociato.

 

A ingarbugliare un po' la situazione c'è che oggi, per la prima volta da settimane, Italia al centro di Giovanni Toti è tornata a partecipare alle riunioni del centrodestra. Sul tavolo delle trattative i collegi «sicuri» sono segnati in blu (con tre sfumature, a seconda della contendibilità), mentre quelli a rischio sono rossi, con altrettante gradazioni di colore.

 

SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI SILVIO BERLUSCONI - GIORGIA MELONI - MATTEO SALVINI

Il responsabile nazionale dei Dipartimenti di Forza Italia, Alessandro Cattaneo, fa un bilancio positivo del lavoro sul programma: «Siamo già entrati nella definizione dei contenuti: da flat tax e cuneo fiscale sino alla revisione del reddito di cittadinanza». Meloni conferma: «La sinistra ha difficoltà sulle grandi questioni, noi sulle sfumature. Tutti d'accordo sull'abbassare le tasse, poi ognuno ha la sua ricetta».

 

La Lega vuole una flat tax al 15%, Forza Italia al 23% mentre FdI pensa a una flat tax «incrementale». Passi avanti anche sulla politica estera, assicura Meloni: «Non ho dubbi sulla nostra collocazione atlantica, non ci sono problemi nemmeno con gli alleati, i miei sherpa mi dicono che non ci sono resistenze su questo punto». Anche Tajani promette: «Nel programma comune del centrodestra sarà scritto nero su bianco "Non cambia la politica estera del governo precedente"».

SALVINI MIGRANTI SALVINI MIGRANTI matteo salvini matteo salvini

 

Condividi questo articolo

politica

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA