“SCORDATEVI CAPODANNO, LA LUCE ALLA FINE DEL TUNNEL È LONTANA” – DITE A “GIUSEPPI” DI STUDIARE LE CONFERENZE DELLA MERKEL, INVECE DI FARE ANNUNCI E PROMESSE A CASACCIO. LA CANCELLIERA AMMETTE IL DISASTRO MA NON DICE CHE TRA DUE MESI SAREMO TUTTI VACCINATI. ANZI: “ABBIAMO QUATTRO MESI INVERNALI LUNGHI DAVANTI A NOI. NON SARÀ UN NATALE IN SOLITUDINE, MA NON CREDO CHE CI POTRANNO ESSERE GRANDI E RUMOROSE FESTE DI CAPODANNO”

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Merkel, pandemia come questa capita una volta ogni secolo

angela merkel in conferenza stampa 1 angela merkel in conferenza stampa 1

(ANSA) - BERLINO, 02 NOV - "Dobbiamo essere coscienti del fatto che ci troviamo in una pandemia, e che si tratta di un evento particolare. Si può probabilmente dire che si tratta di un evento che avviene una volta ogni secolo".

 

Lo ha detto Angela Merkel a Berlino, in conferenza stampa, rispondendo alle domande nel giorno in cui in Germania è scattato il semi-lockdown.

    "Abbiamo quattro mesi invernali lunghi davanti a noi" e "la luce alla fine del tunnel è abbastanza lontana", ha detto ancora Merkel sottolineando che "questa è come una catastrofe naturale". (ANSA).

angela merkel e giuseppe conte by osho angela merkel e giuseppe conte by osho

 

Angela Merkel: "Non sarà un Natale in solitudine, ma non ci saranno grandi feste a Capodanno"

Da www.huffingtonpost.it

 

 

“Se ci comporteremo secondo ragione, allora potremo permetterci più libertà a Natale. Non credo che ci potranno essere grandi e rumorose feste di Capodanno. Sarà invece un Natale condizionato dal coronavirus, ma non dovrà essere un Natale in solitudine”. Parla così Angela Merkel in conferenza stampa a Berlino, nel giorno in cui in Germania è scattato il semi-lockdown.

 

“Abbiamo quattro mesi invernali lunghi davanti a noi” e “la luce alla fine del tunnel è abbastanza lontana” ammette la cancelliera. “Questa è come una catastrofe naturale”, ha aggiunto, spiegando che la situazione non dipende dalla politica.

 

angela merkel starnutisce angela merkel starnutisce

Merkel ha affermato di non voler “speculare sul 30 novembre”, quando si prevede che finisca il periodo attuale di semilockdwon. Prima c’è un decisivo appuntamento a metà mese, ha ricordato, per vedere l’efficacia delle misure scattate oggi. Obiettivo delle misure è tornare sotto la soglia dei 50 contagi su 100 mila abitanti in sette giorni.

angela merkel angela merkel angela merkel incazzata angela merkel incazzata ANGELA MERKEL LARS FELD ANGELA MERKEL LARS FELD angela merkel in conferenza stampa angela merkel in conferenza stampa ANGELA MERKEL EMMANUEL MACRON ANGELA MERKEL EMMANUEL MACRON

 

Condividi questo articolo

politica

AMATO-MELILLO, CHE DUELLO SULL’ANTIMAFIA! ALL’AUDITORIUM DI ROMA, DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALESSANDRO BARBANO, IL DOTTOR SOTTILE CHE DA EX PREMIER FIRMÒ LE LEGGI SPECIALI CONTRO LA MAFIA HA AMMESSO CHE L’ORDINAMENTO GIUDIZIARIO HA “PASSATO IL SEGNO”. TOTALMENTE OPPOSTA LA POSIZIONE DEL PROCURATORE NAZIONALE, CONTRARIO ALL’IDEA DI COMPRIMERE L’AZIONE DEGLI INQUIRENTI – IN PLATEA ANCHE GIANNI LETTA, PAOLO SAVONA, CARLO CALENDA, MARIA ELENA BOSCHI, MATTEO RICHETTI, RENATO BRUNETTA…

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)