“SE PRENDE UN VOTO IN PIÙ GIORGIA MELONI, IL PREMIER LO FA LEI” – MATTEO SALVINI È COSTRETTO AD ABBASSARE IL CAPINO E A INCORONARE ANZITEMPO “GIGIONA”: “MA SE PRENDE UN VOTO IN PIÙ SALVINI, LO FA SALVINI. PIÙ CHIARO, BELLO E LINEARE DI COSÌ NON SI PUÒ” – “IL CENTRODESTRA UNITO È UN VALORE AGGIUNTO ANCHE IN SICILIA E LOMBARDIA. FONTANA? SQUADRA CHE VINCE NON SI CAMBIA. LE PRIORITÀ PER LA LEGA IN FINANZIARIA SARANNO PACE FISCALE E AZZERAMENTO DELLA LEGGE FORNERO” (E POI ARRIVA LA TROIKA)

-

Condividi questo articolo


salvini 44 salvini 44

1 - ELEZIONI: SALVINI, SE MELONI PRENDE VOTO IN PIÙ SARÀ PREMIER

(ANSA) - "Se prende un voto in più Giorgia Meloni, il premier lo fa Giorgia Meloni. Se prende un voto in più Matteo Salvini, lo fa Matteo Salvini. Più chiaro, bello e lineare di così non si può".

 

Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini a margine di una visita alla sede di Telefono Donna Onlus nell'Asst Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano. "Questa è la democrazia - ha aggiunto - dall'altra parte invece c'è il gratta e vinci tra Letta, Renzi, Calenda, Di Maio, Bonino, Speranza, Conte, Fratoianni e chi più ne ha più ne metta".

meloni salvini meloni salvini

 

2 - ELEZIONI: SALVINI, IN FINANZIARIA PACE FISCALE E STOP FORNERO

(ANSA) - "Pace fiscale tra cittadini ed Equitalia e azzeramento della legge Fornero per aprire spazi di lavoro ai giovani nella prossima manovra economica di ottobre per la Lega saranno le due priorità".

 

Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini. Nella finanziaria ci saranno "soprattutto due temi - ha aggiunto a margine di una visita all'ospedale Niguarda di Milano - ossia lavoro e tasse".

 

Con lo stop "definitivo" alle legge Fornero "che altrimenti - ha aggiunto - rientra in vigore dal primo gennaio" e con il conseguente avvio del percorso "che nei prossimi cinque anni porterà a quota 41". E poi la pace fiscale perché "io ricevo ogni giorno centinaia di segnalazioni - ha concluso - di cittadini disperati a cui stanno arrivando cartelle di Equitalia".

 

MATTEO SALVINI LEGGE FORNERO MATTEO SALVINI LEGGE FORNERO

3 - ELEZIONI: SALVINI, PROGRAMMA CHIUSO, PREVEDE ANCHE AUTONOMIA

(ANSA) - "Il programma è sostanzialmente chiuso. L'ho letto, è ottimo e prevede tutto, anche l'autonomia", che è uno "dei primi impegni per portare merito, efficienza, premio a chi governa bene": lo ha spiegato il leader della Lega Matteo Salvini a margine di una visita alla sede di Telefono Donna Onlus nell'Asst Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano.

 

Ad ogni modo il programma della coalizione "è fatto - ha aggiunto - le candidature sono sostanzialmente definite, regione per regione. Mancano i nomi e ci arriviamo a cavallo di ferragosto". Mentre a sinistra "io non ho capito quanti sono i candidati, quali sono le alleanze - ha concluso Salvini - nel centrodestra la situazione è assolutamente tranquilla".

 

matteo salvini e attilio fontana matteo salvini e attilio fontana

4 - SALVINI, CENTRODESTRA UNITO È VALORE IN SICILIA E LOMBARDIA

(ANSA) - "Il centrodestra unito è un valore aggiunto a livello nazionale, in Sicilia e in Lombardia": è il pensiero del leader della Lega Matteo Salvini interpellato a margine della sua visita di questa mattina all'ospedale Niguarda di Milano. Quanto al candidato della Regione Lombardia Salvini ha ribadito che "squadra che vince non si cambia".

 

5 - SICILIA: SALVINI, IN SICILIA DECIDONO I SICILIANI

letizia moratti salvini letizia moratti salvini

(ANSA) - "In Sicilia decidono i siciliani, come ho sempre detto. Non i milanesi o i romani". Così il leader della Lega Matteo Salvini a margine di una visita all'ospedale Niguarda di Milano sulle elezioni regionali in Sicilia.

 

6 - LOMBARDIA: SALVINI, CONTO CHE ASSESSORI ARRIVINO A SCADENZA

(ANSA) - "Sono orgoglioso di quello che gli amministratori regionali hanno fatto e stanno facendo e conto che lo possano fare brillantemente fino alla prossima primavera": lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini a margine di una visita all'ospedale Niguarda di Milano, confermando l'impostazione del partito di non candidare esponenti regionali lombardi, come gli assessori, alle prossime politiche.

BERLUSCONI SALVINI MELONI - MEME BERLUSCONI SALVINI MELONI - MEME

 

"C'è tanto da fare in Regione, tanti progetti da portare a compimento - ha aggiunto - non c'è né agosto né ferragosto, la macchina continua a macinare chilometri". E la Lombardia "è tornata a essere la locomotiva d'Italia da tutti i punti di vista, specie dal punto di vista della creazione di lavoro".

meloni sirena tricolore meloni sirena tricolore SALVINI - BERLUSCONI - MELONI - VIGNETTA BY BENNY SALVINI - BERLUSCONI - MELONI - VIGNETTA BY BENNY

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…