“SE LA UE CI IMPONE DI AUMENTARE LA TASSA SULLA CASA SI ATTACCA” - MATTEO SALVINI È IN DIFFICOLTÀ NEI SONDAGGI E TORNA A FARE L’ANTI-EUROPEISTA D’ACCATTO: “SIAMO IN GRADO DI GOVERNARCI DA SOLI, SE LA RICHIESTA È MASSACRARE I LAVORATORI, LE IMPRESE E I RISPARMIATORI ITALIANI, LA RISPOSTA SARÀ NO” - COME RISPOSTA, IL VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE, FRANZ TIMMERMANS, ATTACCA “GLI AMICI DI PUTIN” (SENZA FARE NOMI..)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Montanari per “la Repubblica”

 

matteo salvini foto mezzelani gmt057 matteo salvini foto mezzelani gmt057

La Lega di nuovo all'attacco di Bruxelles. «Siamo in grado di governarci da soli». Reagisce così Matteo Salvini alle raccomandazioni della Commissione europea, (documento anticipato ieri da Repubblica ) sull'attuazione del Pnnr e al pressing sul taglio dell'Irpef, delle tasse sul lavoro, ma anche sulla revisione del catasto.

 

Il leader della Lega è categorico. «Se la Ue ci impone di aumentare la tassa sulla casa si attacca. La casa per gli italiani è sacra. E' tassata, supertassata e non c'è bisogno di una nuova imposizione fiscale sulla casa. Ascoltare è lecito, rispondere è cortesia. Se la richiesta della Ue è massacrare i lavoratori, le imprese e i risparmiatori italiani la risposta sarà no».

 

SALVINI CONTRO L EURO SALVINI CONTRO L EURO

[…] Salvini parla dal palco della Scuola di politica della lega, che solo ventiquattro ore prima ha ospitato Matteo Renzi, che ha raccolto gli applausi dei leghisti affermando: «Non sono qui per lisciarvi il pelo», e «sul catasto abbiamo posizioni diverse ». Il leader della Lega, invece, insiste.

 

matteo salvini alla scuola di formazione politica della lega matteo salvini alla scuola di formazione politica della lega

«In tempi di pandemia e di guerra l'Unione Europea si occupi di pace e di lavoro senza dare pagelline o fare richiamini burocratici ». Per giustificare la sua tesi, ricorda all'Ue «che negli ultimi anni gli italiani hanno versato nelle casse della Ue cento miliardi di euro in più rispetto a quelli che sono tornati indietro. I consigli sono interessanti però gli italiani sono in grado di autogestirsi e autogovernarsi e se qualcuno ci chiede di tornare a tassare la prima casa si attacca al tram».

 

matteo salvini alla scuola di formazione politica della lega matteo salvini alla scuola di formazione politica della lega

[…] Nel frattempo, interviene anche il vicepresidente esecutivo della Commissione Europea Frans Timmermans, che ospite di Mezz' ora in più su Rai 3, attacca gli «amici di Putin», anche «in Italia», che ora, con la guerra in Ucraina, stanno «molto zitti», nascosti «sotto al tavolo », mentre dovrebbero soltanto «chiedere scusa» agli italiani.

 

FRANS TIMMERMANS FRANS TIMMERMANS

Timmermans non fa nomi, ma si capisce che allude proprio a Salvini, che, al contrario, sostiene che «Bisogna trattare con tutti quando c'è una guerra in corso. Bisogna fare il possibile e l'impossibile per fermare i morti, le armi e il conflitto ».

frans timmermans frans timmermans la libreria di matteo salvini europee edition la libreria di matteo salvini europee edition

 

[…]

SALVINI CONTRO L EURO SALVINI CONTRO L EURO SALVINI CONTRO L EURO SALVINI CONTRO L EURO matteo salvini con la maglietta di putin al parlamento europeo matteo salvini con la maglietta di putin al parlamento europeo

 

Condividi questo articolo

politica

TRA I VOLTAGABBANA DEI NOSTRI TEMPI C’E’ ANCHE MASSIMO CACCIARI – OSPITE DI “OTTO E MEZZO”, DOPO I NUMEROSI ATTACCHI AL GOVERNO DRAGHI (ACCUSATO DI ESSERE IL GOVERNO SERVO DEGLI AMERICANI, DEL PENSIERO UNICO, FEROCE OPPRESSORE DELLE NOSTRE LIBERTÀ CON IL GREEN PASS), IL FILOSOFO SI E’ ILLUMINATO ALL’IMPROVVISO: “SENZA DRAGHI NOI NON STAREMMO MEGLIO, STAREMMO 10 MILIARDI DI VOLTE PEGGIO. SENZA DI LUI, L’EUROPA NON CI AVREBBE DATO I SOLDINI E BENE O MALE CI STA PARANDO DALLE VARIE EMERGENZE, PRIMA LA PANDEMIA E POI LA GUERRA” – CHISSA’ SE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DI CACCIARI SI DEVE ALLA DEFLAGRAZIONE DEL M5S A CUI HA TIRATO LA VOLATA NEGLI ULTIMI ANNI…

GRILLO CANCELLA CANCELLERI – IL SOTTOSEGRETARIO GRILLINO NON SARÀ CANDIDATO ALLE PRIMARIE IN SICILIA: IL TEMPO STA PER SCADERE E SENZA DEROGA AL LIMITE AI DUE MANDATI, NON PUÒ SCENDERE IN CAMPO. BEPPE-MAO NON HA INTENZIONE DI CEDERE E LE TRATTATIVE VANNO A OLTRANZA, MA ORMAI LO STESSO CANCELLERI HA CAPITO CHE DOVRÀ FARE PIPPA – L’ELEVATO HA LA MEMORIA LUNGA: “LO CONOSCIAMO, IN PASSATO MI HA ATTACCATO PIÙ VOLTE E IO LO AVEVO ACCOLTO COME UN FIGLIO. DELLA SUA RICANDIDATURA NON SE NE PARLA”

ALTRO CHE MALATTIA: IL VIAGGIO DI BERGOGLIO IN AFRICA È SALTATO PERCHÉ TROPPO PERICOLOSO! – FILIPPO DI GIACOMO: “QUANDO IL PONTEFICE PROGRAMMA UN VIAGGIO, PRIMA CHE LA NOTIZIA VENGA RESA PUBBLICA, I LUOGHI DA VISITARE VENGONO ISPEZIONATI DA UNA COMMISSIONE CHE INCLUDE ANCHE ESPERTI DELLA SICUREZZA. COSA HANNO VISTO DURANTE I LORO SOPRALLUOGHI? IL VIAGGIO, ANNUNCIATO A FINE MARZO E UFFICIALIZZATO A FINE MAGGIO, È STATO SEMPRE ACCOMPAGNATO DALLE NOTIZIE SULLA RIPRESA DELLE OSTILITÀ NELLA REGIONE. POI, SONO ARRIVATI I DOLORI ALLA GAMBA DEL PONTEFICE E LA REALTÀ HA RIAVUTO VOCE...”

POSTA! - CARO DAGO, IL CROLLO DEI VOTI A FAVORE DEI 5 STELLE È L'OVVIA CONSEGUENZA PER QUANTO DIMOSTRATO POLITICAMENTE (NULLA) IN QUESTI ANNI DALL'AVVENTO AL POTERE. LA COSA PREOCCUPANTE È CHE ESSENDO, IL MOVIMENTO, L'ESPRESSIONE DEL CITTADINO COMUNE VUOL DIRE CHE MEDIAMENTE SAPPIAMO TANTO PARLARE MA NULLA FARE. SAI CHE ALLEGRIA! - LA PRESIDENTE DELLA BCE, CHRISTINE LAGARDE: "NON CREDO CHE TORNEREMO A UNA SITUAZIONE DI BASSA INFLAZIONE". È LA STESSA SIGNORA CHE NEL 2021 DICEVA "INFLAZIONE TRANSITORIA, SCENDERÀ NEL 2022"?