“UNA SECONDA INCORONAZIONE NON È GARANTITA PER LA REGINA URSULA” – “POLITICO.EU” SI FA PORTAVOCE DEI MALUMORI DEGLI EURO-POTERI: “A DUE MESI DALLE ELEZIONI EUROPEE, SI SENTONO DIPLOMATICI E FUNZIONARI CHE AVVERTONO CHE LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE NON HA LE CARTE IN REGOLA PER UN ALTRO MANDATO” – LO SCANDALO PFIZER, IL “PIEPERGATE” E LA SBANDATA MAL-DESTRA PER OTTENERE I VOTI DI GIORGIA MELONI: ENTRERÀ DA PAPA AL CONSIGLIO EUROPEO, MA USCIRÀ DA CARDINALE?

-

Condividi questo articolo


Traduzione dell’articolo di Barbara Moens, Nicholas Vinocur e Jacopo Barigazzi per www.politico.com

 

URSULA VON DER LEYEN - CONGRESSO DEL PPE URSULA VON DER LEYEN - CONGRESSO DEL PPE

Una seconda incoronazione non è garantita per la Regina Ursula. A due mesi dalle elezioni europee di giugno, a Bruxelles si sentono diplomatici e funzionari europei che avvertono che la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen non ha le carte in regola per un altro mandato di cinque anni alla guida dell'esecutivo dell'UE.

 

Un funzionario dell'UE l'ha definita "la chiacchiera della città". "Gran parte del problema è l'arroganza del potere", ha continuato il funzionario dell'UE. "Pensava erroneamente di poterla fare franca su tutto. Così alcuni piccoli errori vengono ora usati contro di lei". Come altri funzionari citati in questo articolo, il funzionario dell'UE ha ottenuto l'anonimato per poter parlare liberamente della politica tedesca.

 

ursula von der leyen albert bourla ursula von der leyen albert bourla

Al centro della questione, ci sono due forze principali che potrebbero silurarla nella contrattazione post-elettorale.

 

La Francia - i cui rapporti con la Germania sono burrascosi - è ancora molto ambigua sul suo sostegno, probabilmente per ottenere nuove concessioni, anche se potrebbe approfittare di una decisione tardiva per riorganizzare il tavolo di comando. Se supererà il potenziale ostacolo del dissenso di Parigi, Ursula dovrà anche preoccuparsi di assicurarsi la conferma del nuovo Parlamento europeo, in cui l'estrema destra avrà probabilmente un peso maggiore rispetto a oggi. Anche il sostegno del suo partito, il Partito Popolare Europeo di centro-destra, sembra tiepido.

 

MARKUS PIEPER MARKUS PIEPER

La prospettiva di un rovesciamento sembra crescere dopo una serie di scivoloni nelle ultime settimane, hanno sottolineato funzionari e diplomatici dell'UE. Si tratta di un'inversione di tendenza rispetto all'inizio dell'anno, quando sembrava solida come una roccia.

 

"I periodici passi falsi della Von der Leyen, dal Pfizergate al suo viaggio in Israele, stanno assumendo un nuovo significato man mano che ci avviciniamo alle elezioni", ha dichiarato Alberto Alemanno, professore di diritto alla HEC business school di Parigi. "Acquisiscono uno schema".

 

"Ciò che si riduce a questo è che stiamo passando da una situazione senza alternativa (‘tina, there is no alternative’) a una più fluida, in cui stiamo essenzialmente aprendo il vaso di Pandora", ha aggiunto.

 

OLAF SCHOLZ URSULA VON DER LEYEN EMMANUEL MACRON OLAF SCHOLZ URSULA VON DER LEYEN EMMANUEL MACRON

Ciònonostante, Ursula von der Leyen, 65 anni, rimane la donna da battere. Non solo è la presidente in carica, ma il suo PPE è molto più avanti nei sondaggi rispetto alla concorrenza, il che gli dà il diritto - a loro avviso - di far rimanere von der Leyen. È anche difficile capire quale altro candidato abbia la possibilità di sostituirla quando i leader dell'UE si incontreranno quest'estate per spartirsi i posti più importanti del blocco, come la Commissione europea, il Consiglio e i capi della politica estera.  Tuttavia, come ha sottolineato un diplomatico dell'UE: "Non dovrebbe darlo per scontato".

 

emmanuel macron ursula von der leyen 5 emmanuel macron ursula von der leyen 5

Quindi, cosa è successo? Altri due funzionari hanno indicato il congresso di partito di marzo a Bucarest come un punto di svolta fondamentale nella percezione della von der Leyen.

 

All'inizio di marzo, i conservatori europei si sono riuniti nella capitale rumena per approvare ufficialmente l'ex ministro della Difesa tedesco come volto della loro campagna elettorale per l'UE. Ma alcuni, come il peso massimo dei conservatori francesi Michael Barnier, si sono rifiutati di appoggiarla.

 

Il commissario europeo Thierry Breton, che proviene dai liberali (ma lavora sotto la von der Leyen), ha pubblicamente denunciato quello che, a suo dire, è stato lo scarso sostegno ricevuto dalla von der Leyen dal suo stesso gruppo del PPE. I liberali fanno anche parte della coalizione che sostiene von der Leyen al Parlamento europeo.

 

ANTONIO TAJANI ANDREJ PLENKOVIC ANTONIO TAJANI ANDREJ PLENKOVIC

Sebbene la von der Leyen fosse l'unico nome sulla scheda elettorale del PPE quel giorno a Bucarest per essere il suo candidato principale e avesse ricevuto 400 voti a favore, con 89 contrari - su un totale di 499 voti, la percezione era chiara. Da allora, le spinte contro l'autorità della von der Leyen si sono moltiplicate.

 

In primo luogo, un'iniziativa trasversale del Parlamento europeo - che includeva il PPE della von der Leyen - ha contestato legalmente la decisione della Commissione di concedere all'Ungheria 10 miliardi di euro di fondi UE, che erano stati congelati a causa dei problemi di stato di diritto del Paese.

 

Le questioni relative allo Stato di diritto - un argomento in cui il PPE è considerato debole - sono state un punto di contesa tra von der Leyen e il Parlamento europeo, i cui voti le servono per un secondo mandato.

MANFRED WEBER - URSULA VON DER LEYEN - ROBERTA METSOLA - CONGRESSO DEL PPE MANFRED WEBER - URSULA VON DER LEYEN - ROBERTA METSOLA - CONGRESSO DEL PPE

 

La von der Leyen ha anche dovuto affrontare una ribellione interna da parte di quattro dei suoi principali commissari - provenienti dai campi socialdemocratico e liberale - dopo aver assegnato un lucroso ruolo di inviato al legislatore europeo Markus Pieper, che appartiene al suo partito conservatore tedesco.

 

Il cosiddetto "Piepergate" è arrivato pochi giorni dopo che POLITICO ha rivelato che la Procura europea aveva aperto un'indagine sul suo uso molto controverso (e follemente opaco) degli sms per negoziare importanti contratti di acquisto di vaccini durante la pandemia Covid-19.

 

THIERRY BRETON - EUROPEAN MEDIA FREEDOM ACT THIERRY BRETON - EUROPEAN MEDIA FREEDOM ACT

Nel gestire queste crisi, Ursula a volte ha messo da parte i suoi commissari o i governi nazionali, provocando malumori che potrebbero costarle la nomina da parte dei leader europei (e la successiva conferma da parte del Parlamento europeo). Nel frattempo, la stessa von der Leyen ha tardato ad avviare la sua campagna elettorale, aggrappandosi ai vantaggi dell'incarico. Ha nominato il suo team settimane dopo la sua nomina a candidato principale.

 

La scelta del capo della campagna, il suo fidato braccio destro Björn Seibert, che fino al 5 aprile era il capo dello staff della Commissione europea, ha provocato nuove critiche a Bruxelles.

 

giorgia meloni ursula von der leyen kiev giorgia meloni ursula von der leyen kiev

"Questo dimostra che può contare solo su una cerchia molto ristretta di persone fidate. Non è un segno di fiducia nel suo partito", ha dichiarato un alto funzionario parlamentare che ha chiesto di non essere nominato per commentare gli affari della Commissione.

 

Alexander Winterstein, portavoce principale della campagna della von der Leyen, ha sottolineato che la von der Leyen ha un doppio carico di lavoro come presidente e come candidata.

 

"Ursula von der Leyen si è già recata in Grecia, Germania e Lettonia per la sua campagna elettorale, e molto altro seguirà", ha dichiarato Winterstein. "Farà una campagna intensa sui tre temi che le stanno molto a cuore: democrazia, prosperità e sicurezza. In particolare, continuerà ad affrontare di petto coloro che vogliono minare la democrazia europea, sia all'esterno che all'interno dell'Europa. C'è molto in gioco in queste elezioni".

 

EMMANUEL MACRON - ESERCITO FRANCESE EMMANUEL MACRON - ESERCITO FRANCESE

Naturalmente, come ha osservato una volta un primo ministro, una settimana è un tempo molto lungo in politica. A due mesi dalle elezioni, la von der Leyen ha ancora il tempo di cambiare la percezione sul suo operato, ad esempio, facendo leva sulla sua eredità. È emersa come il presidente della Commissione più potente dai tempi di Jacques Delors, varando misure di emergenza per proteggere l'Europa durante la pandemia e poi la guerra in Ucraina.

 

Il presidente francese Emmanuel Macron, tuttavia, che è stato fondamentale per farle ottenere l'incarico nel 2019, è stato ambiguo nel suo sostegno - in quella che sembra una classica mossa di potere per avere più influenza possibile.

 

URSULA VON DER LEYEN - EMMANUEL MACRON - GIORGIA MELONI - SUMMIT EU MED 9 MALTA URSULA VON DER LEYEN - EMMANUEL MACRON - GIORGIA MELONI - SUMMIT EU MED 9 MALTA

Mentre la Germania non ha altra scelta che appoggiare l'ex ministro della Difesa tedesco per un secondo mandato - nonostante il suo partito non faccia parte della coalizione di governo - la Francia sta giocando duro.

 

In un'intervista a POLITICO, il capo del gruppo Renew al Parlamento europeo, Valérie Hayer, ha rifiutato di appoggiare von der Leyen per un secondo mandato. "Non escludo di votare di nuovo per lei, non escludo di non votare di nuovo per lei", ha detto. Diversi diplomatici dell'UE interpretano i segnali di Parigi come un modo per ottenere concessioni dalla von der Leyen per il suo secondo mandato.

 

"I francesi non vogliono che Ursula cammini su un tappeto rosso ricevendo fiori al Consiglio europeo di giugno", ha detto un altro diplomatico dell'UE. "L'idea di un presidente della Commissione tedesco che può fare quello che vuole durante un secondo mandato è un incubo per loro".  Il sostegno di Macron è fondamentale per la von der Leyen.

 

Per ottenere un secondo mandato, dovrà convincere una maggioranza qualificata di leader dell'UE al tavolo del Consiglio europeo a sostenerla. Sebbene sia probabile che ottenga il consenso dei 12 leader conservatori europei, resta da vedere quanto sostegno possa raccogliere al di là del suo partito.

 

MANFRED WEBER - URSULA VON DER LEYEN - ROBERTA METSOLA - CONGRESSO DEL PPE MANFRED WEBER - URSULA VON DER LEYEN - ROBERTA METSOLA - CONGRESSO DEL PPE

L'Ungheria e la Slovacchia sono molto critiche nei confronti delle politiche della Commissione, mentre il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez è stato ripetutamente in contrasto con il Berlaymont sulla guerra tra Israele e Hamas. Il risoluto sostegno della Von der Leyen a Israele ha scatenato una reazione da parte di Spagna, Irlanda, Belgio e voci di tutta la sinistra europea.

 

La sfida potenzialmente fatale, tuttavia, sarà il Parlamento europeo. Nel 2019, è stata insediata con il sostegno dei partiti dell'UE che si autodefiniscono europeisti: il conservatore Partito Popolare Europeo, i socialisti e il gruppo liberale Renew. Questo le ha permesso di ottenere solo una maggioranza risicata: 383 voti, leggermente superiore al minimo di 374. Con l'avanzata dell'estrema destra in Europa, la von der Leyen potrebbe faticare a ripetere questa vittoria.

 

ursula von der leyen al congresso del ppe 1 ursula von der leyen al congresso del ppe 1

A partire dal 10 giugno, von der Leyen dovrà iniziare a corteggiare i parlamentari europei neoeletti per assicurarsi i loro voti. "Sarà oggetto di enormi pressioni da parte dei legislatori per ottenere il loro sostegno", ha dichiarato un secondo funzionario dell'UE.

 

Questo rischia di limitare il suo spazio di manovra durante il secondo mandato, o addirittura di renderla una “anatra zoppa”, come ha detto un terzo funzionario dell'UE. Nel frattempo, i suoi critici hanno iniziato a lanciare altri nomi per la presidenza della Commissione europea. Alcuni provengono dal suo stesso partito, che è destinato a detenere la maggioranza dei seggi al Parlamento europeo, come la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola o il primo ministro croato Andrej Plenkovic.

 

emmanuel macron ursula von der leyen 4 emmanuel macron ursula von der leyen 4

"Entreremo nella discussione sui posti di vertice con von der Leyen come Presidente della Commissione europea", ha detto il primo funzionario dell'UE, secondo il quale von der Leyen pensava di poterla fare franca.

 

"Se alla fine sarà ancora lì, è un'altra questione".

MARKUS PIEPER MARKUS PIEPER Thierry Breton Thierry Breton

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI