“SI REGISTRA UN ARRETRAMENTO DELLA DEMOCRAZIA” - DOPO ESSERSI BECCATO DELL’ERETICO DA UN ANZIANO PRETE ORTODOSSO (ALLONTANATO) PAPA FRANCESCO A ATENE AFFONDA IL COLPO: “C'È UNO SCETTICISMO PROVOCATO DALLA DISTANZA DELLE ISTITUZIONI, DAL TIMORE DELLA PERDITA DI IDENTITÀ, DALLA BUROCRAZIA” – E POI CITA DE GASPERI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Franca Giansoldati per il Messaggero

 

PAPA FRANCESCO PAPA FRANCESCO

Sotto i colpi di maglio della pandemia, le facili rassicurazioni dei leader populisti e il malcontento diffuso tra gli europei, l'istituto della democrazia sta pericolosamente vacillando. Un malessere che riguarda il Vecchio Continente ma pure il resto del mondo. Si tratta di un male impercettibile e carsico, capace di disgregare dall'interno. Il risultato prodotto è la sfiducia e l'allontanamento della gente.

 

Papa Francesco ieri mattina è arrivato ad Atene - seconda tappa del suo viaggio europeo - e proprio dalla culla del pensiero occidentale ha dato fiato alle sue inquietudini più profonde. Si capisce che è fortemente allarmato quando dice che «si registra un arretramento della democrazia». Non esita a fare uso di parole pesanti davanti alla presidentessa greca Katerina Sakellaropoulou, alle autorità elleniche e agli ambasciatori. «C'è uno scetticismo provocato dalla distanza delle istituzioni, dal timore della perdita di identità, dalla burocrazia».

papa francesco 3 papa francesco 3

 

IL SOGNO EUROPEO Davanti al palazzo presidenziale si vede bene l'Acropoli che invita ad allargare lo sguardo, a fare memoria di quello che insegnava Aristotele, che l'uomo ha preso coscienza di essere un animale politico e vedere negli altri non dei sudditi ma dei cittadini con i quali organizzare assieme una polis. Il filo del discorso ha così portato all'Unione Europea e al suo sogno di fraternità e di pace.

 

Il Papa ha citato anche uno dei padri fondatori, Alcide De Gasperi quando in un discorso del 1949 diceva alla folla: «Si parla molto di chi va a sinistra o a destra, ma il decisivo è andare avanti e andare avanti vuol dire andare verso la giustizia sociale». La buona politica, per Francesco, si può racchiudere in poche parole che indicano il sentiero da percorrere con l'abbandono della partigianeria e il rafforzamento della partecipazione. «Dal parteggiare, al partecipare».

 

papa francesco 2 papa francesco 2

Su vari fronti. Tanto per cominciare la lotta climatica, quella alle povertà diffuse, il mercato comune, l'immigrazione, il multilateralismo, la pandemia. Sull'emergenza migratoria. Francesco punta l'indice e rimarca come in questi anni si sia misurata la frattura tra Nord e Sud. Anche la Grecia, come Cipro o l'Italia, è stata lasciata sola a gestire un fenomeno crescente. «Il temporeggiare europeo perdura: la Comunità Europea lacerata da egoismi nazionalistici, anziché essere traino di solidarietà, alcune volte appare bloccata e scoordinata». 

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, CHISSÀ SE DOPO L'AVVISO DI GARANZIA AL LORO BENEFATTORE GRILLO, I GRILLINI E TRAVAGLIO SI SCOPRIRANNO "GARANTISTI". NON MI STUPIREI SE INIZIASSERO A PENSARE DI VOTARE BERLUSCONI… - DI FRONTE AGLI IPOCRITI, AI CALCOLATORI, AI FURBASTRI CHE SI ACQUATTANO COME CONIGLI NELLA TANA DEI MESSAGGI CRIPTICI, DELLE ALLUSIONI, DEI TATTICISMI, ECC. ECC. UNO COME BERLUSCONI CHE (PIACCIA O MENO) ROMPE GLI SCHEMI ED ESCE ALLO SCOPERTO ALLA LUCE DEL SOLE APPARE UN LEONE…

 

“CHI È POSITIVO AL COVID DEVE POTER VOTARE”. DA FRATELLI D’ITALIA AI 5 STELLE, SALE IL PRESSING PER FAR VOTARE I GRANDI ELETTORI CONTAGIATI: LE AUTORITÀ SANITARIE POSSONO AUTORIZZARE GLI SPOSTAMENTI DA UN DOMICILIO A UN ALTRO, CON MEZZI SPECIALI PER GARANTIRE LA MASSIMA TUTELA – I DEM CHIUDONO: “NON CI SONO LE CONDIZIONI” – ESCLUSO IL VOTO A DISTANZA, PROPOSTO UN COVID HOTEL DAVANTI A MONTECITORIO PER VOTARE POI NEL CORTILE DELLA CAMERA. ATTUALMENTE I POSITIVI TRA CAMERA E SENATO SONO UNA QUARANTINA…

DATE TUTTO IL CANONE ALLA RAI E NESSUNO ROMPERÀ PIÙ LE PALLE - L'AD DELLA TV PUBBLICA, CARLO FUORTES, È ANDATO A PROTESTARE IN SENATO PERCHÉ LA RAI PERCEPISCE SOLO L'86% DEI 90 EURO CHE NOI PAGHIAMO: "SE NELLE CASSE ARRIVASSE L'INTERO CANONE MOLTI DEI DISCORSI CHE STIAMO FACENDO NON SAREBBERO FATTI E IL RICAVO SAREBBE SUFFICIENTE PER GESTIRE L'AZIENDA" - OGNI ANNO VENGONO REGISTRATE MENO RISORSE, PARI A 240 MILIONI DI EURO - COI NOSTRI SOLDI FINANZIAMO PURE TV, GIORNALI E RADIO COMMERCIALI LOCALI DI CUI IGNORIAMO L'ESISTENZA...