“I SINDACI SONO DEGLI EROI, L’ANAC LI AMMIRA” – IL PRESIDENTE DELL’AUTORITÀ ANTICORRUZIONE CORREGGE IL TIRO SUL CODICE DEGLI APPALTI, DOPO AVER SCATENATO L’IRA DELLA LEGA (CHE NE HA CHIESTO LA TESTA). E SUBITO DAL MINISTERO DEI TRASPORTI, GUIDATO DA SALVINI, MANIFESTANO “GRANDE SODDISFAZIONE” PER “L'EVIDENTE CORREZIONE DI ROTTA” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Busia, sindaci non sono corrotti ma eroi, Anac li ammira

GIUSEPPE BUSIA A L'ARIA CHE TIRA GIUSEPPE BUSIA A L'ARIA CHE TIRA

(ANSA) - "Amministratori corrotti? No, nel modo più assoluto. I sindaci, soprattutto nei piccoli comuni, oggi sono degli eroi. Svolgono una funzione essenziale, importantissima, pagati pochissimo e si assumono grandi responsabilità".

 

Così il Presidente di Anac Giuseppe Busìa, a "L'Aria che tira" su La Sette. "Verso i sindaci Anac nutre solo ammirazione", ha aggiunto sottolineando poi che "controllabilità e trasparenza si possono conciliare" e che fare le gare per gli appalti "in sé non è il grosso del tempo che si spende. Se non si fa neanche un avviso le imprese migliori sono penalizzate", e sono quelle "incapaci" a "provocare ritardi".

 

meme su Matteo Salvini e il ponte sullo stretto meme su Matteo Salvini e il ponte sullo stretto

"Verso i sindaci - ha detto Busia - Anac nutre solo ammirazione, come pure verso i funzionari pubblici. Sono persone nella stragrande maggioranza che servono l'istituzione e lavorano per fare bene. La fiducia che Anac dà ai sindaci è piena. Non solo. Anac si affianca alle amministrazioni che stipulano con noi un protocollo d'intesa, e le aiutiamo controllando gli atti prima e durante la gara, per ridurre il contenzioso".

 

A proposito della criminalità negli appalti, Busia - nel corso dell'intervista a "L'Aria che tira" su La Sette - ha sottolineato che "purtroppo ci sono settori in cui la criminalità è presente. Dovendo spendere grandi risorse in tempi stretti, i rischi sono alti".

 

PONTE SULLO STRUTTO - BY EMILIANO CARLI PONTE SULLO STRUTTO - BY EMILIANO CARLI

Ad avviso del presidente dell' Anac, però, "controllabilità e trasparenza si possono conciliare con la rapidità del fare, attraverso il digitale. Non si perde tempo. La gara in sé non è il grosso del tempo che si spende. Se non si fa neanche un avviso le imprese migliori sono penalizzate. E se si scelgono imprese incapaci, sono queste a provocare ritardi", ha concluso Busia.

 

Fonti Mit, bene la correzione di rotta di Busia su appalti

GIUSEPPE BUSIA GIUSEPPE BUSIA

(ANSA) - "Grande soddisfazione e sollievo per l'evidente correzione di rotta del presidente Anac che ora ha definito i sindaci eroi da ammirare": ad esprimerli sono fonti del Mit guidato da Matteo Salvini, commentando le precisazioni di Giuseppe Busia. Dal Mit evidenziano che i contatti tra Salvini e Busia "non sono mai venuti meno, nemmeno nelle ultime ore. Il ministro non si sottrae al confronto costruttivo per il bene del Paese e al fianco degli amministratori locali", affermano. Le prime parole di Busia avevano invece scatenato le durissime reazioni della Lega: "Evidentemente, sono servite per un chiarimento", concludono le stesse fonti.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

GIUSEPPE BUSIA GIUSEPPE BUSIA GIUSEPPE BUSIA A L'ARIA CHE TIRA GIUSEPPE BUSIA A L'ARIA CHE TIRA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH – IL VERO GRANDE SCONFITTO DELLE AMMINISTRATIVE È…GENNARO SANGIULIANO! EIKE SCHMIDT, A FIRENZE, E FABIO ROMITO A BARI, SONO STATI CANDIDATI, SPONSORIZZATI E SOSTENUTI STRENUAMENTE DA “GENNY”. LA DISCESA IN CAMPO DEL CRUCCO È STATO UNA SUA IDEA, INSIEME A QUEL FENOMENO DI DONZELLI - NELLA CITTÀ PUGLIESE, AVEVA ADDIRITTURA PROMESSO CHE SAREBBE DIVENTATO ASSESSORE IN CASO DI VITTORIA DI ROMITO. ED È ANDATO PIÙ VOLTE SIA A BARI CHE A FIRENZE. RISULTATO? HANNO PERSO MALAMENTE ENTRAMBI…

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…