GLI “SPIFFERI” DI FERRONI – IL CUORE DI CARLO FUORTES BATTE SEMPRE FORTE PER IL TEATRO DELL’OPERA DI ROMA, CHE HA GUIDATO PER ANNI: PER RIPRENDERE GLI SPETTACOLI IN SCENA HA SPEDITO I NUOVISSIMI CAMION GRIFFATI RAI, APPENA IMMATRICOLATI, PER LE RIPRESE IN 4K – GUZZETTI DA CIMBRI AL FORUM “WELFARE, ITALIA”. IL CAPO DI UNIPOL RIVELA IL MOTIVO PER CUI (UNICA ITALIANA) HA PARTECIPATO ALL’INVESTIMENTO DI MUSK SU TWITTER

-

Condividi questo articolo


I CAMION RAI NUOVISSIMI INVIATI DA FUORTES AL TEATRO DELL'OPERA I CAMION RAI NUOVISSIMI INVIATI DA FUORTES AL TEATRO DELL'OPERA

Gianfranco Ferroni per “Verità&Affari”

 

FUORTES, CAMION RAI NUOVI DI ZECCA PER L’OPERA

Ora si trova a guidare la Rai, ma il cuore di Carlo Fuortes batte sempre forte per il Teatro dell’Opera, che ha ha guidato per anni.

 

E così, per l’istituzione culturale di piazza Beniamino Gigli, Fuortes dà ogni volta il massimo, per immortalare gli spettacoli in scena: basta andare a via Torino, la strada che costeggia il teatro, e vedere camion griffati Rai, nuovissimi, appena immatricolati, targa GH, con gli impianti tecnologici per le riprese “4k Ultra Hd”. Un trattamento di riguardo, non c’è alcun dubbio.

carlo fuortes foto di bacco carlo fuortes foto di bacco

 

***

 

CIMBRI, TRA WELFARE E TWITTER

"Il calo della natalità è il tema principale. Senza popolazione attiva non è sostenibile il nostro livello di welfare, sia a livello di spesa pensionistica, sia per l'assistenza sanitaria e sociale", ha detto il presidente di Unipol Carlo Cimbri nel forum "Welfare, Italia" allestito nel romano Palazzo Brancaccio.

 

GUZZETTI DA CIMBRI GUZZETTI DA CIMBRI

Per Cimbri, "abbiamo tante persone che emigrano e non rientrano, e questo è un altro tema su cui riflettere, perché il nostro deve tornare a essere un paese attrattivo per le scelte di lavoro e di vita. Siamo un paese con un'alta qualità della vita, dobbiamo essere anche un paese con un'alta qualità del lavoro". Al dibattito ha partecipato Giuseppe Guzzetti, che ha elogiato la politica di welfare adottata da anni da Intesa Sanpaolo.

 

GUZZETTI DA CIMBRI GUZZETTI DA CIMBRI

Non poteva sfuggire l’occasione di una battuta su Elon Musk: “Twitter? E' una piccola operazione di investimento dalla quale ci aspettiamo un ritorno. È un'operazione legata alla capacità che avrà l'imprenditore che guida la piattaforma social di trasformarla in qualcosa di più ampio e complesso, offrendo altri servizi e facendo leva sul numero di utenti attuali".

 

Unipol è l'unico soggetto italiano e tra i pochi in Europa, che parteciperà al club deal di investitori internazionali che affianca Musk nell'acquisizione da 44 miliardi di dollari di Twitter. “Abbiamo avuto l’opportunità di un investimento e l’abbiamo fatto.

 

È, però, una piccola cosa per noi in termine economici, anche se capisco che ha fatto molto rumore, ma è un investimento non tanto fatto sulla valutazione del settore tecnologico quanto piuttosto sull’imprenditore e sul progetto, e magari sarà più facile essere ascoltati se emergeranno evoluzioni tecnologiche utili anche per noi”.

 

ELON MUSK TWITTER MEME ELON MUSK TWITTER MEME

All’incontro romano erano presenti i vertici di Unipol, con gli strateghi Riccardo Giay e Matteo Laterza in pole position. Brindisi, alla fine, con i vini prodotti dal gruppo: il Vermentino di Toscana Pian di Seta della Tenuta di Monterufoli, biologico, e il Sauvignon de la Tour di Villa Russiz, entrambi apprezzatissimi.

 

***

 

PIERO DE LUCA PER LA PRIVACY DEI CONSUMATORI

Basta con le chiamate a casa per promuovere beni e servizi: ci ha pensato il Pd Piero De Luca, promotore e primo firmatario della proposta di legge per trasformare il registro delle opposizioni alle telefonate commerciali in registro delle autorizzazioni, ponendo un argine alla violazione della privacy dei consumatori che l’attuale normativa non riesce a salvaguardare.

 

PIERO DE LUCA PIERO DE LUCA

De Luca, che ha presentato l’iniziativa ieri pomeriggio nella sala stampa della Camera dei Deputati, rileva che “dal 2010 esiste un registro delle opposizioni alle chiamate di carattere commerciale, che prevede però un elenco molto limitato, con un’operatività limitata e che nonostante sanzioni molto gravose nella sostanza non riesce ad assicurare una tutela reale ai consumatori italiani.

 

Oltre il 60 per cento degli iscritti al registro continuano a ricevere telefonate indesiderate, con una violazione della privacy insopportabile. Il nostro sistema semplificherebbe e darebbe tutele reali”.

 

I CAMION RAI NUOVISSIMI INVIATI DA FUORTES AL TEATRO DELL'OPERA I CAMION RAI NUOVISSIMI INVIATI DA FUORTES AL TEATRO DELL'OPERA

Il “sistema De Luca” si presenta davvero efficace, ed è il cosiddetto ‘opt-in’ rispetto alle telefonate commerciali per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale: recentemente adottato in Olanda e Repubblica Ceca, prevede il divieto di effettuare telefonate di natura commerciale verso numeri telefonici fissi o mobili appartenenti a soggetti che non abbiano preventivamente fornito il loro consenso a ricevere tali comunicazioni. In secondo luogo, la proposta di legge intende rafforzare la qualità e l’efficacia dei servizi di assistenza telefonica ai consumatori. Applausi.

vincenzo e piero de luca vincenzo e piero de luca elon musk alla festa di halloween di heidi klum elon musk alla festa di halloween di heidi klum

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)

AMATO-MELILLO, CHE DUELLO SULL’ANTIMAFIA! ALL’AUDITORIUM DI ROMA, DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALESSANDRO BARBANO, IL DOTTOR SOTTILE CHE DA EX PREMIER FIRMÒ LE LEGGI SPECIALI CONTRO LA MAFIA HA AMMESSO CHE L’ORDINAMENTO GIUDIZIARIO HA “PASSATO IL SEGNO”. TOTALMENTE OPPOSTA LA POSIZIONE DEL PROCURATORE NAZIONALE, CONTRARIO ALL’IDEA DI COMPRIMERE L’AZIONE DEGLI INQUIRENTI – IN PLATEA ANCHE GIANNI LETTA, PAOLO SAVONA, CARLO CALENDA, MARIA ELENA BOSCHI, MATTEO RICHETTI, RENATO BRUNETTA…