“STIAMO GIÀ SVUOTANDO FORZA ITALIA” – CICCIO CALENDA ORMAI NON SI NASCONDE PIÙ E A L’ARIA CHE TIRA DICHIARA APERTAMENTE IL SUO OBIETTIVO: PRENDERSI LE SPOGLIE DEL PARTITO DI BERLUSCONI PER CREARE “UN CENTRO ATTRATTIVO”, MA SENZA ANDARE AL GOVERNO CON LA MELONI (PER ORA) – LA DIASPORA VERSO “AZIONE” È GIÀ PARTITA, E ORA IL BOCCONE PIÙ GROSSO È PAOLO BARELLI, EX CAPOGRUPPO ALLA CAMERA, FATTO FUORI DALLA RONZULLI IN QUANTO TAJANEO…

-

Condividi questo articolo


Alessandra Arachi per il “Corriere della Sera”

 

CARLO CALENDA CARLO CALENDA

Carlo Calenda ha buttato lì una frase, come suo solito e, inevitabilmente, ha gettato ben più del semplice scompiglio. Perché l'ha detta ieri mattina in tv, all'Aria che Tira , su La 7. E perché lo ha fatto ripetendo, assertivo, la domanda che gli era stata posta: «Svuotare Forza Italia? La stiamo già svuotando».

 

Il leader di Azione ha parlato con convinzione, ma subito dopo ha anche voluto specificare: «Il fatto che Azione stia svuotando Forza Italia non vuol dire che abbiamo intenzione di andare al governo con la Meloni».

 

paolo barelli foto di bacco paolo barelli foto di bacco

Inevitabile, come già detto, la reazione degli azzurri. Ha cominciato Licia Ronzulli, presidente dei senatori di Forza Italia. Un sarcasmo pungente inviato via Twitter: «Non so se a Calenda faccia più male la pioggia in motorino o la foglia d'alloro in testa.

Di certo, vaneggia come un novello Nerone». Poi Ronzulli ha affondato: «Calenda perde pezzi con le dimissioni in massa della classe dirigente romana del suo partitino e parla di svuotare i partiti di altri».

 

licia ronzulli silvio berlusconi licia ronzulli silvio berlusconi

Il leader di Azione ha continuato a spiegare le intenzioni del suo partito: non andare dalla parte del governo, ma creare un centro attrattivo. Ha detto infatti: «Svuotare Forza Italia vuol dire una cosa molto diversa, vuol dire cercare per la prima volta un centro riformista in Italia per far ritrovare insieme persone divise da un bipolarismo sempre più estremo».

Giorgio Mulé, deputato di Forza Italia, ha risposto a Calenda a stretto giro, dai microfoni di Un giorno da pecora su Radio 1 Rai.

 

meloni berlusconi salvini ronzulli meloni berlusconi salvini ronzulli

Anche Mulé è stato sarcastico e diretto: «Alla mattina dice una cosa, al pomeriggio un'altra e alla sera un'altra ancora, è uno instabile politicamente ecco, per questo dovrebbe farsi delle enormi iniezioni di tranquillanti».

 

Dai microfoni della radio Mulé ha anche svelato un retroscena: «Calenda mi ha bloccato su Twitter anche se io non gli ho mai scritto nulla di offensivo o sconveniente.

L'ho scoperto per caso quest' estate, senza che fosse successo niente. So che gli sto sulle scatole, non a caso ho saputo che in certe trasmissioni tv se sa che ci sono io lui non viene».

 

CARLO CALENDA ARRIVA A PALAZZO CHIGI PER L INCONTRO CON GIORGIA MELONI CARLO CALENDA ARRIVA A PALAZZO CHIGI PER L INCONTRO CON GIORGIA MELONI

Intanto è il sondaggista Renato Mannheimer che fa i conti sul futuro della federazione del Terzo polo e anche lui insiste su una questione caratteriale. Ha spiegato infatti il sondaggista: «Il futuro del Terzo polo dipende da Renzi e Calenda, innanzitutto dal loro carattere, perché sicuramente uno spazio c'è. Molto dipenderà però anche da cosa succederà al Pd». Per questo l'esito delle prossime elezioni, le Europee del 2024, è impossibile da calcolare: «Abbiamo visto succedere di tutto in questi mesi, difficile fare previsioni da qui ad allora. Basta guardare il Movimento Cinque Stelle che davamo per finito, invece Conte è riuscito a tirarlo su fortemente».

SILVIO BERLUSCONI LICIA RONZULLI SILVIO BERLUSCONI LICIA RONZULLI giorgio mule foto di bacco giorgio mule foto di bacco CARLO CALENDA - BLUTO ANIMAL HOUSE CARLO CALENDA - BLUTO ANIMAL HOUSE

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...

FERMI TUTTI: IL PROGRESSISTA MICHELE SERRA È D’ACCORDO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA NORDIO SULLE INTERCETTAZIONI – “DAI TEMPI DI TANGENTOPOLI LA SINISTRA HA SPOSATO UNA SPECIE DI SCORCIATOIA GIUDIZIARIA. CIÒ CHE NON POTEVA ESSERE AFFRONTATO POLITICAMENTE TROVAVA UNA INSPERATA SOLUZIONE GIUDIZIARIA” – LA STOCCATA AI COLLEGHI GIORNALISTI ACCUSATI DI VOYEURISMO: “LE INTERCETTAZIONI SONO UNO STRUMENTO DI VIOLENZA MEDIATICA. SE IL COLPEVOLE FINISCE IN GALERA O SPUTTANATO SUI GIORNALI, PER LUI QUELLO È RISCHIO D'IMPRESA. MA SE SUCCEDE ALL'INNOCENTE, QUELLO È UN UOMO MORTO…”

COME MAI TUTTA ‘STA PREMURA PER L’ALGERIA? – IN UN ANNO CI SONO STATE BEN QUATTRO CERIMONIE IN ONORE DELL’AMICIZIA TRA L’ITALIA E IL PAESE AFRICANO: DRAGHI, MELONI E MATTARELLA SONO STATI BEN ATTENTI A INCENSARE IL PRESIDENTE TEBBOUNE. LA CONVENIENZA È RECIPROCA. NOI ABBIAMO UN DRAMMATICO BISOGNO DI GAS E LORO DI ARMI - DITE A MELONI & C. CHE LA GEOPOLITICA EUROPEA VUOLE CHE IL PRIMO ACCORDO DEBBA ESSERE FATTO CON LA FRANCIA E L'ALGERIA NON E' BEN VISTA DALLE PARTI DELL'ELISEO...