“LA SVOLTA GREEN A CUI ASPIRA L’EUROPA? UNA REITERAZIONE DEL COMUNISMO CHE SI TINGE DI VERDE" – IL GENERALE VANNACCI DA PORRO A "QUARTA REPUBBLICA" SCAZZA CON L'ATTIVISTA ECOLOGISTA BENEDETTA SCUDERI, PORTAVOCE DEI GIOVANI DEI VERDI EUROPEI: “L’AMBIENTALISMO È UN LUSSO CHE SOLO I PAESI RICCHI SI POSSONO PERMETTERE. È DIFFICILE CHE L'UE RIUSCIRÀ A REALIZZARE IN TOTO IL 'GREEN DEAL'. LA VIA D’USCITA È IL NUCLEARE CHE È INESAURIBILE”

-

Condividi questo articolo


Estratto da liberoquotidiano.it

il generale roberto vannacci e benedetta scuderi il generale roberto vannacci e benedetta scuderi

"Una reiterazione del comunismo che si tinge di verde": il generale Roberto Vannacci, ospite di Nicola Porro a Quarta Repubblica su Rete 4, lo ha detto a proposito della svolta green a cui l'Europa aspira. Il suo riferimento, in particolare, era ad alcune delle ultime decisioni prese a Bruxelles su questo tema. 

 

(...)

 

In ogni caso, secondo Vannacci, è difficile che l'Ue riuscirà a realizzare in toto il Green Deal: “Questa capacità non l’abbiamo perché attualmente la maggior parte della componentistica verde è prodotta in Cina. La via d’uscita è il nucleare che è inesauribile", ha detto il generale. Di tutt'altro avviso l'attivista ecologista Benedetta Scuderi, portavoce dei giovani dei Verdi Europei e co-fondatrice dei Giovani Verdi Italiani, pure lei ospite della trasmissione. “Dobbiamo iniziare la transizione energetica perchè noi abbiamo le capacità”, ha detto.

il generale roberto vannacci e benedetta scuderi il generale roberto vannacci e benedetta scuderi

 

 

Vannacci, però, ha sottolineato come l’ambientalismo sia "un lusso che solo i paesi ricchi si possono permettere", dal momento che in alcuni casi scelte green comportano comunque dei costi. Ma, di nuovo, la Scuderi si è detta contraria: “Le nostre aziende devono diventare aziende del futuro grazie alla transizione ecologica".

roberto vannacci foto di bacco (7) roberto vannacci foto di bacco (7) Benedetta Scuderi Benedetta Scuderi Benedetta Scuderi Benedetta Scuderi ROBERTO VANNACCI ROBERTO VANNACCI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA