“TOGLIERE LA MASCHERINA? ANCORA UN PAIO DI MESI…” – QUELLA DI MARIO DRAGHI IERI CON I FOTOGRAFI ERA SOLO UNA BATTUTA, MA I NUMERI DEI VACCINATI INIZIANO A ESSERE TALI DA INDURRE ALL’OTTIMISMO – L’APERTURA SULLO STOP AI BREVETTI, LE LICENZE TEMPORANEE, I MAGGIORI FONDI AL COVAX: COSA C’È NELL’INTESA SULLA DICHIARAZIONE DI ROMA AL “GLOBAL HEALTH SUMMIT” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Alessandro Barbera per “La Stampa”

 

URSULA VON DER LEYEN MARIO DRAGHI - GLOBAL HEALTH SUMMIT URSULA VON DER LEYEN MARIO DRAGHI - GLOBAL HEALTH SUMMIT

«Ancora un paio di mesi», dice a voce alta Mario Draghi al fotografo che gli chiede di levare la mascherina per la photo opportunity a Villa Pamphili. Saranno davvero due mesi? I numeri degli immunizzati con almeno una dose in Europa e Stati Uniti inducono all' ottimismo, ma che ne sarà nel frattempo di quei Paesi che non si possono permettere di acquistare i vaccini o nei quali non vengono nemmeno prodotti? Il problema lo pone il rapporto pubblicato ieri dalla Commissione europea in occasione del Global Health Summit dei venti grandi del pianeta. «La possibile traiettoria per il SarsCoV2 è di diventare endemica con focolai stagionali.

 

mario draghi ursula von der leyen 1 mario draghi ursula von der leyen 1

Nuove ondate epidemiche sono possibili soprattutto nei Paesi con bassa copertura vaccinale. L' equità nell' accesso alle risorse è sia un imperativo morale che un' esigenza critica per il controllo della pandemia». Nella relazione introduttiva al summit, Mario Draghi spiega la dimensione del problema. Finora sono stati somministrati un miliardo e mezzo di vaccini in 180 Paesi del mondo. Con un enorme ma: oltre l' 85 per cento sono concentrati nei Paesi più ricchi, lo 0,3 in quelli poveri. C' è un problema di accesso alle risorse, e di protezionismo. «L' Unione europea ha esportato 200 milioni di dosi in 90 Paesi, circa metà della sua produzione totale.

 

Pfizer Pfizer

Tutti gli Stati devono fare lo stesso. Dobbiamo revocare i divieti di esportazione, soprattutto nei Paesi più poveri». Draghi non può fare nomi, ma la battuta è rivolta ai due più grandi produttori mondiali di sieri contro il Covid: Stati Uniti e Gran Bretagna, che finora hanno tenuto nei rispettivi confini il 95 per cento delle dosi.

 

Al vertice di Porto della scorsa settimana i Ventisette si erano trovati concordi nel giudicare ipocrita l' annuncio americano di voler liberalizzare i brevetti sui vaccini: se oltre alle dosi è vietata persino l' esportazione dei componenti essenziali a produrli (negli Stati Uniti è in vigore una severissima legge), la proposta serve solo a raccogliere applausi superficiali.

URSULA VON DER LEYEN MARIO DRAGHI - GLOBAL HEALTH SUMMIT URSULA VON DER LEYEN MARIO DRAGHI - GLOBAL HEALTH SUMMIT

Non a caso la Germania, dove il vaccino Pfizer è stato inventato, è apertamente contraria alla linea americana.

 

A Draghi e alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (l' unica fisicamente a Villa Pamphili per il vertice) tocca la mediazione. Il primo parla di «sospensioni limitate e temporanee», la seconda è ancora più criptica: «Le licenze volontarie sono il miglior modo per assicurare il necessario trasferimento di tecnologie e know how insieme ai diritti di proprietà intellettuale.

 

ursula von der leyen mario draghi ursula von der leyen mario draghi

Ma gli accordi di Trips (il trattato internazionale in vigore sul tema, ndr) e la Dichiarazione di Doha del 2001 prevedono le licenze obbligatorie come legittimo mezzo per i governi da usare nelle crisi». A metà giugno la Commissione proporrà all' Organizzazione mondiale del commercio una «terza via» per rendere libere le formule dei vaccini.

 

Ce la faranno? C' è da scommettere che la pandemia si esaurirà molto prima di un accordo. Ecco perché il vertice pone le basi per soluzioni più pragmatiche: le aziende americane produttrici dei tre vaccini più usati (Pfizer, Moderna, Johnson and Johnson) hanno preso l' impegno a vendere ai Paesi poveri tre miliardi e mezzo di dosi a prezzo di costo entro la fine del 2022. Per quest' anno Pfizer promette più di un miliardo di dosi, Johnson and Johson 200 milioni, Moderna 100 milioni. «Mettono in gioco anche la loro reputazione», sottolinea Draghi.

 

mario draghi ursula von der leyen 2 mario draghi ursula von der leyen 2

L' Unione europea ha promesso di donare cento milioni di dosi, Francia e Germania trenta milioni, l' Italia quindici milioni, la Spagna 7,5 milioni. Il decreto «Sostegni bis» destina poi 300 milioni di euro per il programma Covax. Nell' anno della pandemia non c' è diplomazia più efficace dei vaccini: la Cina ha promesso 300 milioni di dosi, il Fondo monetario 50 miliardi di dollari in generici finanziamenti contro la pandemia.

 

mario draghi ursula von der leyen mario draghi ursula von der leyen

La soluzione passa per il continente africano: 1,2 miliardi di persone e il 99 per cento delle dosi importate. Il presidente francese Emmanuel Macron, sostenuto da Draghi, si è fatto promotore di un' iniziativa dell' Unione che dovrebbe permettere un miliardo di euro di investimenti necessari a impiantare in loco aziende per la produzione dei vaccini. La chiave per il successo è il multilateralismo. Draghi dice che «la dichiarazione di Roma potrebbe presto diventare un Trattato». Oggi - spiega von der Leyen - «diciamo un chiaro no al nazionalismo sanitario, al blocco dell' export e all' interruzione delle catene di approvvigionamento».

 

Condividi questo articolo

politica

DOPO LE ELEZIONI, CHE FARA’ MARIO DRAGHI? – PER LUI CI SONO QUATTRO STRADE APERTE: SEGRETARIO DELLA NATO, PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EUROPEA, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO. LA QUARTA È UNA NOVITÀ: MEDIATORE TRA UCRAINA E RUSSIA - LA FIGURA DELL'INVIATO SPECIALE SULLA CRISI UCRAINA È QUELLA CHE QUALCHE MESE ERA STATA PENSATA PER LA MERKEL E CHE ORA MELONI POTREBBE RISPOLVERARE PER MARIOPIO - NATO, COMMISSIONE E CONSIGLIO UE SONO NOMINE CHE SI GIOCHERANNO ALLA SCADENZA DEI MANDATI ATTUALI TRA 2023 E 2024 – E POI C’E’ SEMPRE IL SOGNO QUIRINALE…

L'ORA DEL DESTINO PER SALVINI: SE FA FLOP FINISCE ALLA GRIGLIA – I GOVERNATORI DEL NORD, DA ZAIA A FEDRIGA, SONO PRONTI A DEFENESTRARE IL “CAPITONE” SE LA LEGA DOVESSE CROLLARE SONO IL 10% (E FAREBBERO UN GRAN FAVORE A GIORGIA MELONI CHE NON VEDE L’ORA DI SBARAZZARSI DI SALVINI) – AL SEGRETARIO DEL CARROCCIO VIENE RIMPROVERATA UNA LINEA NON-SENSE, DA ALCUNE PRESE DI POSIZIONI AUTONOME SULLA PANDEMIA (IL PENTIMENTO PER IL SÌ FORNITO DALLA LEGA ALLE RESTRIZIONI ANTI-COVID) ALLE MATTANE IN POLITICA ESTERA, CON IL SUO RAPPORTO CON LA RUSSIA…

“QUEL CHE SEMBRA LATITARE IN TUTTI È LA FIDUCIA IN UN PD IN GRADO DI CAMMINARE SOLO SULLE SUE GAMBE” – “REPUBBLICA” TUMULA LA LEADERSHIP DI ENRICO LETTA: “SONO IN TANTI PRONTI A CANDIDARSI ALLA LEADERSHIP SE LA SEGRETERIA LETTA USCISSE MALCONCIA DAL VOTO. È GIÀ IN CORSO UNO SCONTRO TRA CHI È ANSIOSO DI RICUCIRE CON CONTE E CHI PUNTA AL VERSANTE OPPOSTO. LA SOGLIA PSICOLOGICA MINIMA È QUELLA DEL 20 PER CENTO, MA SERVIREBBERO 4-5 PUNTI IN PIÙ PER AFFRONTARE IL DOPO VOTO SENZA IL RITUALE DELL'ENNESIMO SEGRETARIO BRUCIATO”