“TRUMP? LEI MI DISSE CHE ERA POCO DOTATO E MOLTO VELOCE” - AXEL BRAUN, AMICO DI STORMY DANIELS, LA PORNOSTAR CHE HA FATTO INCRIMINARE TRUMP, A “UN GIORNO DA PECORA” RIVELA: “ERA UNA SERATA, UNA SCAPPATELLA. LEI VOLEVA FARE ‘THE APPRENTICE’ E SI ERANO CONOSCIUTI PER QUELLO. STORMY, DOPO IL RAPPORTO, NON ERA CONTENTA CHE NON GLIELO AVESSE FATTO FARE - ERA REPUBBLICANA, FINO A QUANDO TRUMP SI È CANDIDATO ALLA PRESIDENZA ERA UNA SUA SUPPORTER...”

-

Condividi questo articolo


 

Da “Un Giorno da Pecora” – Rai Radio1

 

stormy daniels oggi 1 stormy daniels oggi 1

“Stormy Daniels? E' stata sotto contratto con la Wicked per 20 anni e io sono stato lì per 12 anni, quindi abbiamo lavorato spesso insieme, la conosco molto bene, è una brava attrice e una brava regista”.  Lo racconta a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, il regista e produttore di film hard Axel Braun, in realtà italiano nato e cresciuto a Milano ma da trent’anni residente a Los Angeles, dove ha conosciuto e lavorato con Stormy Daniels, protagonista del ‘sexgate’ legato a Donald Trump.

 

Quali film avete fatto insieme? “Diversi, tra gli altri anche una parodia della Bella Addormentata”. Stormy Daniels le ha mai parlato della sua presunta relazione con Donald Trump? “Con Stormy lavoro dal 2012 ma la conoscevo dal 2002, la storia di Trump era un segreto pubblico nella nostra industria, lo sapevano tutti, ma a quel tempo Trump aveva un programma tv, era un personaggio pubblico ma non certo politico”.

 

stormy daniels oggi stormy daniels oggi

Erano fidanzati? “No. Io sapevo che lei voleva andare a fare ‘The Apprentice’ e si erano conosciuti per quello - ha spiegato il produttore a Un Giorno da Pecora -, sapevamo che era stato con lui quella volta ma credo che sia stato una volta sola. Non era una relazione in nessun senso, era una serata, una scappatella, credo fosse lui che voleva andare con lei”. Lei cosa gli raccontava degli incontri con un uomo così importante? “Non è che fosse una cosa clamorosa ai tempi. Io mi ricordo solo un commento su di lui..."

 

Quale? "che era poco dotato e molto veloce. Per questo Stormy era assolutamente insoddisfatta, e non era contenta che non l’avesse fatto fare il programma”. L'attrice, per quel che ricorda, era una democratica o una repubblicana? “So che al tempo era repubblicana, almeno fino a quando Trump si è candidata alla presidenza era una sua supporter”. Da quanto non la sente? “Da un paio di mesi - ha concluso a Radio1 - ma tutti sapevamo che l’incriminazione di Trump era solo una questione di tempo”.

AXEL BRAUN AXEL BRAUN stormy daniels fotografata da Annie Leibovitz su "Vogue" stormy daniels fotografata da Annie Leibovitz su "Vogue" stormy daniels 2 stormy daniels 2 stormy daniels 2 (2) stormy daniels 2 (2) donald trump parla da mar-a-lago dopo l'incriminazione donald trump parla da mar-a-lago dopo l'incriminazione donald trump in tribunale per l'incriminazione donald trump in tribunale per l'incriminazione stormy daniels 6 stormy daniels 6 stormy daniels playboy 1 stormy daniels playboy 1 stormy daniels hest debutto porno 2002 stormy daniels hest debutto porno 2002 stormy daniels pornstar stormy daniels pornstar

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…