“TRUZZU, IL CANDIDATO IMPOSTO DALLA MELONI E’ STATO VISSUTO COME UNO SCHIAFFO DALLA SARDEGNA” - LORENZO PREGLIASCO, FONDATORE DI "YOUTREND", RAGIONA SULLA VITTORIA AL FOTOFINISH DELLA TODDE: “IL VOTO DISGIUNTO, DI PARTE DEGLI ELETTORI DELLA LEGA DI SALVINI E DEL PARTITO SARDO D’AZIONE DI CHRISTIAN SOLINAS, HA FATTO PERDERE TRUZZU – CRIPPA, IL VENTRILOQUO DI SALVINI, INCOLPA LA MELONI: “UN ERRORE CANDIDARE TRUZZU, SOLINAS AVREBBE VINTO”

-

Condividi questo articolo


Giovanna Casadio per la Repubblica - Estratti

 

LORENZO PREGLIASCO LORENZO PREGLIASCO

«Il formidabile testacoda della Sardegna è questo: il centrodestra come coalizione ha vinto ma il voto disgiunto, presumibilmente di parte degli elettori della Lega di Salvini e del Partito sardo d’azione di Christian Solinas, ha fatto perdere Paolo Truzzu». Lorenzo Pregliasco, fondatore di YouTrend, ragiona sui risultati al fotofinish che hanno assegnato la vittoria ad Alessandra Todde, e sui probabili flussi.

 

Il voto disgiunto ha quindi pesato nella sconfitta di Truzzu?

«Certamente c’è stato. La conferma inoppugnabile deriva dal fatto che Truzzu ha preso meno voti assoluti del complesso delle liste che lo appoggiavano: circa 5 mila voti in meno. Alessandra Todde ha preso 40 mila voti in più delle “sue” liste».

 

È un dato molto rilevante?

«Sì, abbastanza. Significa che una buona quantità di elettori presumibilmente della Lega di Salvini o del Partito sardo d’azione di Solinas hanno votato per Renato Soru o per Todde come candidati presidenti».

 

giorgia meloni matteo salvini paolo truzzu giorgia meloni matteo salvini paolo truzzu

Ma nelle regionali è frequente il cosiddetto voto disgiunto?

«C’è, ma è in genere un fenomeno marginale. È soprattutto la differenza tra il voto alla lista e quello al candidato: si vota il candidato e non si vota la lista».

 

(...)

CRIPPA: UN ERRORE CANDIDARE TRUZZU, SOLINAS AVREBBE VINTO

(ANSA) "Il nostro è stato un buon risultato, se sommiamo la lista della Lega a quella del Partito sardo d'Azione siamo al 9%: faremo subito il gruppo comune in Consiglio regionale.

SARDEGNA, PENSATI LIBERA SARDEGNA, PENSATI LIBERA

 

Dall'altra parte FdI ha perso dieci punti rispetto alle Politiche". E' quanto sostiene in un colloquio col Fatto Quotidiano il vicesegretario della Lega Andrea Crippa. Rispetto alle accuse mosse alla Lega di aver spinto il voto disgiunto, Crippa risponde: "Ma com'è possibile? Truzzu ha perso di 20 punti a Cagliari e Sassari. Il voto disgiunto l'hanno fatto anche quelli di FdI con il proprio candidato se la sconfitta in queste città è così ampia. La verità è che c'è stato un errore nella scelta del candidato: non si può catapultare da Roma un candidato senza ascoltare e conoscere il territorio.

 

crippa salvini crippa salvini

Tanto più che Salvini è stato 8 volte in Sardegna prima del voto e Meloni una sola". Fratelli d'Italia dice che Solinas avrebbe perso lo stesso: "Secondo me, invece, i sardi avrebbero capito la continuità. La coalizione va governata come faceva Berlusconi, che era molto generoso e concedeva qualcosa a tutti e non si vince da soli -continua il vicesegretario - uno può rivendicare anche un proprio candidato, ma si devono avere degli uomini all'altezza. Noi li abbiamo, sono ottimi amministratori sul territorio e infatti è proprio per questo che chiediamo il terzo mandato per Zaia.

 

Mi auguro di poter ricandidare uno che ha il 70% dei voti in Veneto. Alle elezioni regionali i nostri candidati, come Zaia e Fedriga, hanno sempre preso più voti rispetto alle proprie liste". La Basilicata? "Noi abbiamo fatto un sacrificio in Sardegna, Fratelli d'Italia in Sicilia: ora tocca a FI".

andrea crippa salvini andrea crippa salvini le faccine di giorgia meloni al comizio per paolo truzzu le faccine di giorgia meloni al comizio per paolo truzzu

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA