LETTA E’ NEI GUAI: HA TROPPI CULI DA ACCOMODARE - SONDAGGI ALLA MANO, TRA CAMERA E SENATO, I POSTI A DISPOSIZIONE DEL PD SARANNO DIFFICILMENTE PIÙ DI 110: POCHISSIMI PER L'AFFOLLATA TRIBÙ DEM - ECCO PERCHE’ L’ACCORDO CON CALENDA, FRATOIANNI, BONELLI E DI MAIO FA STORCERE IL NASO: TOGLIE SEGGI AI TANTI AMBIZIOSI DEL PD - “MOLTI DI NOI SI CHIEDONO QUALE SIA L'APPORTO REALE DI ALCUNE SIGLE, DAI SOCIALISTI A DEMOS: SI RISCHIANO DI SACRIFICARE CANDIDATURE NOSTRE ECCELLENTI PER FARE POSTO A CHI NON SI SA BENE QUANTI VOTI PORTI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di F. Mal. per “il Messaggero”

enrico letta foto di bacco (4) enrico letta foto di bacco (4)

 

«Qualunque cosa faccia scontenta qualcuno». A sintetizzare la difficile posizione di Enrico Letta in questi giorni è un big del Nazareno. Il malumore tra i dem infatti, inizia a diventare consistente.

 

Del resto a guardare l'ultima settimana del segretario del Pd con gli occhi degli aspiranti candidati si vedrebbe un accordo chiuso con Carlo Calenda con una formula del 70/30 (quando le proiezioni dei sondaggisti stimavano una rilevanza di Azione/+Europa al 18%), le promesse a Roberto Speranza e Articolo1 (almeno 5 posti nelle liste Pd), i rimbrotti di Luigi Di Maio (che rifiuta il diritto di tribuna e spinge per 3 o 5 posizioni buone) e una probabile intesa con Sinistra Italiana ed Europa Verde in nome di qualche ulteriore spartizione. Tutte soluzioni […] che decimano […] le ambizioni di volti […] dem.

 

ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA

Anche perché il segretario è stato chiaro in direzione nazionale: ci saranno diverse new entry. […] In altri termini, sondaggi alla mano, tra Camera e Senato i posti a disposizione saranno difficilmente più di 110. Pochi, pochissimi per l'affollato proscenio dem.

 

Tant'è che ancora ieri, poco prima che Letta incontrasse Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli, il timore reale che serpeggia nel Partito Democratico non è una loro possibile fuga d'amore con il Movimento 5 stelle - non ci crede realmente nessuno - ma il costo di questa operazione. […]

Enzo Maraio Enzo Maraio

 

Le perplessità sono le stesse che arrivano dai territori. «Molti di noi si chiedono quale sia l'apporto reale di alcune sigle, dai socialisti a Demos...Si rischiano di sacrificare candidature nostre eccellenti, personalità di esperienza, per fare posto a chi non si sa bene quanti voti porti», è la riflessione di diversi dem. Le ultime indiscrezioni infatti parlano di uno schema che vedrebbe un paio di eletti sicuri nei listini anche per socialisti (uno certo per il segretario Enzo Maraio), altrettanto per Demos (a partire dal leader Paolo Ciani).

Paolo Ciani Paolo Ciani ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE