LETTA SCOPIAZZA MONTI E VA IN PELLEGRINAGGIO AL “FINANCIAL TIMES” E “WALL STREET JOURNAL”

Thorne se ne va, e se ne va anche Gubitosi (fratello), sostituito da Davide Cefis alla guida della sezione romana dell’American Chamber of Commerce - Apollonj Ghetti raduna Polito, Vendola e fachiri (fasulli) - Invendute le ville stupende della contessa Vacca Agusta e di Fiorani…

Condividi questo articolo

A cura di Carlo Cinelli e Federico De Rosa per il "CorrierEconomia - Corriere della Sera"

marco gubitosimarco gubitosi

1 - LETTA VOLA NELLA CITY. E VA IN REDAZIONE
L' aveva fatto Mario Monti. Adesso è il turno di Enrico Letta. Nell'agenda del premier preparata per la missione a Londra che inizierà domani, oltre all'incontro di rigore a Downing Street con David Cameron e a quello alla House of Commons con il leader laburista Ed Miliband, l'attenta addetta stampa, Monica Nardi, avrebbe infilato due visite «non ufficiali». Ma altrettanto importanti, più dal punto di vista dell'immagine forse che della politica. Prima di rientrare in Italia, Letta è atteso al «Financial Times» e poi al «Wall Street Journal».

davide cefisdavide cefis

2 - SE NE VA THORNE, SE NE VA GUBITOSI (FRATELLO)
Il cambio della guardia a Palazzo Taverna tra David Thorne e il nuovo ambasciatore americano John R. Phillips ha rimesso in movimento la rete delle diplomazie economiche dei due Paesi. E, con un tempismo perfetto, l'American Chamber of Commerce in Italy si è già mossa. Il presidente, nonché ceo in Italia della McKinsey, Vittorio Terzi, ha cambiato la guida della sezione romana sostituendo l'avvocato Marco Gubitosi (fratello di...), con un manager dal cognome (non casualmente) evocativo, più che noto: Davide Cefis.

Americano di nascita (Chicago), Cefis è stato capo delle relazioni esterne di Microsoft e Bnl prima di approdare dai cacciatori di teste di Eric Salomon, di cui è partner. Adesso, forse, un po' meno a tempo pieno.

3 - PANE, FACHIRI E FELICITÀ PER APOLLONJ GHETTI
«Pane e felicità». Di questi tempi ci sarebbe bisogno di entrambi, anche se ai quasi 200 ospiti che giovedì hanno risposto all'invito del patron di Teleperformance, Lucio Apollonj Ghetti, sulla terrazza dell'Associazone Civita, non sembrava mancare nè l'una nè l'altra.

Enrico LettaEnrico Letta

Certamente il bizzarro titolo scelto (in tempi di crisi nera) per la festa a tema, ma soprattutto il dibattito tra Antonio Polito e Claudio Velardi, animato in platea dall'ex ministro Paolo Gentiloni, Niki Vendola, Paolo Messa e Chicco Testa, hanno contribuito a creare la giusta atmosfera per gli invitati. Tra i quali si notavano il numero uno italiano di Gdf Suez Energie, Valerio Camerano, l'amministratore delegato di Consip, Domenico Casalino e Giuliano Frosini di Terna, ipnotizzati dalle incredibili performance dei fachiri ingaggiati da Apollonj Ghetti.

FINANCIAL TIMESFINANCIAL TIMES

4 - INVENDUTA LA VILLA DI FIORANI A CAP MARTIN
Anche quest'anno Villa Altachiara resterà chiusa. La splendida dimora arrampicata sulla collina di Portofino, teatro della tragica scomparsa della contessa Francesca Vacca Agusta, è rimasta invenduta. Ma c'è un'altra magione estiva, a pochi chilometri di distanza, che questa estate rimarrà disabitata. E' la villa di Giampiero Fiorani a Cap Martin, tornata nella proprietà del Banco Popolare dopo l'uscita di scena dell'ex banchiere di Lodi. Le offerte non mancherebbero, e sarebbero anche allineate ai 15 milioni richiesti. Ma il numero uno del Banco, Pierfrancesco Saviotti, non ha ancora deciso cosa fare.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

FLASH! - BORSINO DELLA CRISI - A STASERA (SEMBRAVA IMPOSSIBILE POCHI GIORNI FA) MA SALVINI SEMBRA PROPRIO CUCINATO. L’ALTERNATIVA CHE SI PROSPETTA È AL 45% UN GOVERNO 5STELLE-PD E AL 45% UN GOVERNO ‘’URSULA’’ CON DENTRO ANCHE FORZA ITALIA E CENTRISTI VARI - GOVERNO LANCIATO DA PRODI CHE SPERA ARRIVI FINO ALL’ELEZIONE DEL SUCCESSORE DI MATTARELLA (CHE PENSA ESSERE LUI, OVVIAMENTE) - RESTA UN 10% PER LA REMOTA POSSIBILITÀ CHE SI RICOSTITUISCA UN NUOVO GOVERNO GIALLOVERDE SENZA CONTE

LA COALIZIONE URSULA È UNA SÒLA – LE SPORTELLATE DI MACALUSO CONTRO PRODI, RENZI E ZINGARETTI, CHE CORRONO FELICI VERSO L'ABBRACCIO MORTALE CON IL M5S: “VORREI CHIEDERE A CHI ABBIANO FATTO OPPOSIZIONE IN QUESTO ANNO. TUTTE LE LEGGI CONTRO CUI IL PD HA VOTATO SONO STATE AVALLATE DALL’INTERO GOVERNO” - “CONTE È UN GALANTUOMO, MA È STATO LUI A CONSENTIRE A SALVINI DI FARE LEGGI RAZZISTE. SE AVEVA QUESTE QUALITÀ CHE GLI RICONOSCONO OGGI, ALLORA PERCHÉ NON LE HA FATTE VALERE?