UN LUIGINO DI TRAVERSO TRA CONTE E LETTA - DI MAIO PLAUDE ALL’INTESA TRA PD E M5S, MA CI TIENE A CORREGGERE LA LINEA DI PEPPINIELLO APPULO, CHE CONTINUA A EVOCARE IL VOTO TRA GLI ISCRITTI. L’OBIETTIVO DI CONTE È NON DARE L’IMPRESSIONE DI ANDARE A RIMORCHIO DEI DEM? E ALLORA IL MINISTRO DEGLI ESTERI INVITA AD ALLARGARE IL DIALOGO SUL COLLE AL CENTRODESTRA - ANCHE LA MELONI È PRUDENTISSIMA SUL QUIRINALE E FA RETROMARCIA SUI “PATRIOTI”: “NON SONO SOLO A DESTRA”

-

Condividi questo articolo


giuseppe conte enrico letta giuseppe conte enrico letta

Marco Conti per “il Messaggero”

 

Il centrodestra oscilla visibilmente tra la fedeltà alla candidatura di Silvio Berlusconi e «una scelta la più condivisa possibile», come dice Matteo Salvini, o la constatazione di Giorgia Meloni secondo la quale i patrioti non esistono solo a destra.

 

I CORTEI

La leader di FdI invita a fare i nomi «non dei passati ma dei presenti».

 

meme del presepe con matteo salvini giorgia meloni silvio berlusconi meme del presepe con matteo salvini giorgia meloni silvio berlusconi

Il riferimento è alla foto di Sandro Pertini che è iniziata a girare anche nelle chat dei leader del centrosinistra. Anche se neppure la Meloni fa esplicitamente nomi quando viene sollecitata, si muove con estrema cautela quando affronta la possibilità che a succedere a Mattarella sia l'attuale presidente del Consiglio.

 

Lapidario il governatore della Campania Vincenzo De Luca: «I patrioti in Italia sono quelli che hanno fatto la vaccinazione, non quelli che facevano i cortei contro il vaccino a via del Corso, quelli combattevano a viso a aperto la stupidità e l'irresponsabilità dei no vax».

 

LE MOSSE

Nell'attesa che i leader escano dai tatticismi, è da notare quanto accaduto ieri nel cda Rai che ha tagliato l'edizione notturna della Tgr con 4 voti su 7 e i consiglieri in quota Lega e FI che hanno votato insieme all'ad Carlo Fuortes, mentre i due di Pd e M5S si sono astenuti.

 

House of Crucci - Berlusconi, Meloni, Salvini, Renzi, Mattarella House of Crucci - Berlusconi, Meloni, Salvini, Renzi, Mattarella

E' presto per dire se la decisione di dem e grillini dall'ad, nominato da Palazzo Chigi, rappresenti una sorta di presa di distanza, ma è la conferma che i due partiti ormai procedono in tandem.

 

Tra i dem è Stefano Ceccanti, deputato e costituzionalista, a confermare la linea del Nazareno sostenendo che se Draghi venisse eletto al Quirinale si verrebbe a creare «uno scenario problematico».

 

Intervistato da Radio Radicale, Ceccanti spiega che nel caso di elezione di Draghi «il presidente del Consiglio» «è di fatto costretto a dimettersi: sono due cariche su cui va segnata una cesura. Non c'è la decadenza, ma una logica per cui deve dimettersi subito». Nel frattempo si moltiplicano i king maker, come sottolinea Osvaldo Napoli, deputato di Coraggio Italia.

STEFANO CECCANTI STEFANO CECCANTI

 

Salvini annuncia di aver avuto il via libera per la convocazione di un tavolo di confronto tra i leader tra Natale e Capodanno, e l'azzurro Antonio Tajani continua a tenere alto il nome di Berlusconi anche perché «la stagione dei tecnici non è infinita».

 

giuseppe conte enrico letta 2 giuseppe conte enrico letta 2

Luigi Di Maio plaude all'intesa Conte-Letta ma invita i due ad «ascoltare tutti» perchè quando si arriverà al punto «il ragionamento poi «va allargato per coinvolgere tutte le forze politiche», compreso «il centrodestra».

 

Una linea, quella del ministro degli Esteri, che quantomeno corregge la linea di Conte che continua a evocare il voto tra gli iscritti anche per prendere tempo e non dare l'impressione di voler chiudere l'accordo a rimorchio dei dem.

 

«La corrispondenza di amorosi sensi» che il leader del M5S vede tra Iv e centrodestra, emersa a suo dire sul caso Open, cementa l'asse con il Pd nel tentativo di sbarrare la strada a Draghi. Nelle dichiarazioni dei leader si consolida la constatazione che la scelta dovrà coinvolgere tutte le forze politiche.

giuseppe conte e luigi di maio giuseppe conte e luigi di maio

 

Non solo perché nessuno dei due antichi schieramenti ha la maggioranza, ma perchè ogni segretario sa di dover scontare nel proprio partito un dissenso interno. Ovviamente, se questo è il criterio, la candidatura di Berlusconi è molto complicata così come quelle di esponenti dalla forte appartenenza politica.

giorgia meloni con la sorella arianna atreju giorgia meloni con la sorella arianna atreju letta conte letta conte giorgia meloni atreju 2021 1 giorgia meloni atreju 2021 1

mattarella meloni mattarella meloni beppe grillo giuseppe conte luigi di maio beppe grillo giuseppe conte luigi di maio

 

giuseppe conte enrico letta giuseppe conte enrico letta enrico letta giuseppe conte giancarlo giorgetti enrico letta giuseppe conte giancarlo giorgetti tommaso greco enrico letta giuseppe conte tommaso greco enrico letta giuseppe conte

 

Condividi questo articolo

politica

"QUANDO CALENDA IL SOL DELL’AVVENIR..." – TWEET DOPO LA ROTTURA CON IL PD! IL CHURCHILL BULLO "HA INIZIATO LA SUA CAMPAGNA ELETTORALE X CONSEGNARE L’ITALIA ALLA DESTRA ALLEATA DI PUTIN E ORBAN" – "HO FOTOGRAFATO L’ITALIA DALLO SPAZIO MA SI VEDE SOLO L’EGO DI CALENDA" - LA PERCULATA DELL’EUROPARLAMENTARE LEGHISTA RINALDI: "UN SENTITO E SINCERO RINGRAZIAMENTO AL DUO CALENDA-LETTA DA TUTTO IL CENTRODESTRA PER IL MIGLIOR SUPPORTO ELETTORALE POSSIBILE" "CALENDA HA ROTTO L'ALLEANZA E PURE LA MINCHIA..."