MA CHE BEL CLIMA HA CREATO PINELLI NEL CSM! – IL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA HA INTITOLATO LA PROPRIA SEDE, OVVERO “PALAZZO MARESCIALLI”, AL PROFESSOR VITTORIO BACHELET, ASSASSINATO NEL 1980 DALLE BRIGATE ROSSE. OGGI ERA PREVISTA LA CERIMONIA UFFICIALE, ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA - MA MATTARELLA HA PREFERITO FAR SLITTARE L’EVENTO, DOPO IL MERDONE PESTATO DAL VICEPRESIDENTE, FABIO PINELLI, CHE AVEVA ACCUSATO LA PRECEDENTE GESTIONE ERMINI DI “AVER DERAGLIATO DALLE SUE FUNZIONI” (PUNTANDO IL DITO INDIRETTAMENTE ANCHE CONTRO IL CAPO DELLO STATO)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giovanni Bianconi per il “Corriere della Sera”

 

FABIO PINELLI SERGIO MATTARELLA FABIO PINELLI SERGIO MATTARELLA

Quarantaquattro anni fa, il 12 febbraio 1980, veniva assassinato dalle Brigate rosse il professor Vittorio Bachelet, vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura. «Il più grave delitto consumato in Italia dal terrorismo», disse l’allora capo dello Stato e presidente dello stesso Csm Sandro Pertini, «perché si è voluto colpire il vertice della magistratura, il pilastro fondamentale della democrazia».

 

Per celebrare la ricorrenza, su iniziativa dell’attuale vicepresidente Fabio Pinelli l’organo di governo autonomo delle toghe ha deciso di intitolare la propria sede al giurista che fu una delle vittime più emblematiche dell’attacco del terrorismo alla Repubblica.

 

FABIO PINELLI E SERGIO MATTARELLA FABIO PINELLI E SERGIO MATTARELLA

Così l’ex «palazzo dei Marescialli» di mussoliniana memoria ora si chiama «palazzo Bachelet»: un esercizio di memoria civile e collettiva apprezzato e condiviso dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella; al quale doveva accompagnarsi, fissata per oggi, una cerimonia alla presenza del capo dello Stato. Che però è saltata per sopravvenuti impegni istituzionali.

Rinviata a data da destinarsi.

 

Una decisione dovuta alla contemporanea visita in Italia del neopresidente argentino Javier Milei, ma anche (vista la non immediata fissazione di un altro orario o di un’altra data) al clima teso che si respira nel Consiglio. Conseguenza della conferenza stampa del mese scorso nella quale Pinelli (di estrazione leghista) scivolò sulla rivendicazione di una recuperata «funzione di organo di alta amministrazione, non volto a un’impropria attività di natura politica» che in passato il Csm aveva a suo dire perso, diventando una sorta di «terza Camera».

 

uccisione di Vittorio Bachelet - 12 febbraio 1980 uccisione di Vittorio Bachelet - 12 febbraio 1980

Affermazione che ha rischiato di provocare un incidente con il Quirinale, che quell’impropria attività avrebbe tollerato, evitato grazie all’immediata precisazione dello stesso vicepresidente; ma che ha determinato una crepa nei suoi rapporti con vecchi e nuovi consiglieri (togati e laici). […]

 

Ne è derivato un certo nervosismo all’interno dell’istituzione, che il successivo discorso di Pinelli all’inaugurazione dell’anno giudiziario sulla legittimazione dei magistrati derivante dalla fiducia del cittadino «giudice del giudice» (concetto che ha provato a meglio calibrare l’altro giorno davanti all’Unione delle camere penali, citando Leonardo Sciascia) non ha contribuito a placare.

 

FABIO PINELLI SERGIO MATTARELLA FABIO PINELLI SERGIO MATTARELLA

Determinando un contesto nel quale un evento alla presenza del capo dello Stato poteva diventare l’occasione per dare spunto a possibili strumentalizzazioni, o ulteriori inquietudini. Che Mattarella — preoccupato di un ordinato e armonioso funzionamento dell’organo che presiede, a prescindere dalle fisiologiche divisioni — ha preferito evitare.

 

Anche a costo di far slittare un appuntamento denso di significato come il battesimo del nuovo «palazzo Bachelet»; slittamento deciso prima del discorso di Pinelli in Cassazione e confermato dopo. Meglio far decantare la situazione, con l’auspicio di rifissare quanto prima l’evento disdetto.

 

VITTORIO BACHELET 1 VITTORIO BACHELET 1

E sarà stato un caso, ma mercoledì scorso al momento di discutere dell’intitolazione dell’edificio al Csm è improvvisamente mancato il numero legale, a causa dell’assenza di qualche componente laico del blocco di centrodestra. Subito dopo alcuni sono rientrati, consentendo l’approvazione di una delibera che rimuovendo la vecchia denominazione legata ai fasti coloniali del Ventennio, nelle intenzioni del vicepresidente conteneva in sé pure un richiamo ai valori dell’antifascismo.

 

Che forse il consigliere indicato da Fratelli d’Italia intervenuto nel breve dibattito ha voluto bilanciare, ricordando come il professor Bachelet fu vittima di «un atto di violenza comunista». È seguito il voto unanime. […]

VITTORIO BACHELET 19 VITTORIO BACHELET 19 SERGIO MATTARELLA FABIO PINELLI SERGIO MATTARELLA FABIO PINELLI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP