MACRON TRABALLA SU BENALLA – VI RICORDATE DEL NERBORUTO ALEXANDRE BENALLA, EX CAPO DELLA SICUREZZA DEL PRESIDENTE FRANCESE CON LA PASSIONE PER IL MANGANELLO? IL 1 MAGGIO 2018 FU BECCATO A MASSACRARE DI BOTTE ALCUNI MANIFESTANTI. E ORA È STATO CONDANNATO A TRE ANNI DI CARCERE – ALTRO SMACCO PER IL PRESIDENTE: DOPO AVER APERTO ALL’AUTONOMIA DELLA CORSICA, ORA ANCHE LE ALTRE REGIONI INSORGONO…

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Matteo Ghisalberti per “La Verità”

 

benalla macron benalla macron

L’immagine del presidente francese Emmanuel Macron ha preso ieri due brutti colpi. Nel giro di poche ore, sono tornati alla ribalta due vecchi dossier: l’affaire Benalla e la questione dell’autonomia della Corsica.

 

La Corte d’appello di Parigi ha condannato ieri l’ex collaboratore dell’Eliseo, Alexandre Benalla, a tre anni di carcere per aver aggredito violentemente alcuni manifestanti, durante la festa del 1° maggio 2018.

BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON

 

Tutta la vicenda era nata dopo la diffusione di alcuni spezzoni di un video che mostrava colui che era, all’epoca, uno dei membri della cerchia presidenziale, intento a picchiare alcuni partecipanti alle manifestazioni della festa del lavoro. […]

 

Insieme a lui, sempre nel video, si vedeva anche Vincent Crase, un altro personaggio della galassia macronista che, in quel periodo, era dipendente de La République En Marche, il partito fondato da Macron poi ribattezzato Rénaissance. Benalla si era ritrovato al centro di un’inchiesta parlamentare e di procedimenti ulteriori giudiziari.

 

Attualmente colui che è stato uno dei protagonisti della sicurezza di Macron è sotto processo anche per uso improprio di passaporti diplomatici, per aver dichiarato il falso in una lettera volta ad ottenere un passaporto di servizio, nonché per il porto illegale d’armi.

 

benalla casco benalla casco

[…] Tornando al processo per i fatti del 1° maggio 2018, l’ex collaboratore dello staff presidenziale francese ha detto di aver compiuto dei gesti «fatti male» dal punto di vista tecnico. Inoltre ha definito le sue azioni come un modo per «fermare» degli «aggressori» di agenti delle forze dell’ordine. Benalla ha anche spiegato che il suo comportamento era dettato da un «riflesso civico».

 

Come detto, l’immagine dell’attuale capo dello Stato francese ieri è stata oscurata anche da un colpo di coda inatteso. Per comprendere meglio bisogna tornare a giovedì, durante la visita ufficiale di Macron in Corsica. Davanti al parlamentino regionale dell’isola, il leader transalpino aveva dichiarato di essere aperto alla «costruzione di un’autonomia alla corsa».

 

BENALLA BRIGITTE E MACRON BENALLA BRIGITTE E MACRON

[…] Quello che […] non immaginava Macron, mentre pronunciava il discorso davanti ai corsi, era che altre regioni transalpine prendessero la palla al balzo per ottenere maggiore autonomia. Ieri, la prima a muoversi è stata la Bretagna per voce del suo presidente Loig Chesnais-Girard. Il numero uno di questa regione, con una forte identità nonché una cultura e una lingua simile a quelle dei popoli celtici, ha dichiarato di aver «sentito il presidente della Repubblica parlare di più libertà, di autonomia per la Corsica, per agire in ambiti importanti come la politica abitativa, le lingue e altri temi. Ebbene, noi chiediamo la stessa cosa». Anche il presidente dell’Occitania, Carole Delga ha accolto «piuttosto positivamente» le parole di Macron […].

macron benalla macron benalla alexandre benalla alexandre benalla MACRON BENALLA 1 MACRON BENALLA 1 benalla macron benalla macron benalla casco benalla casco BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON BENALLA E MACRON MACRON BENALLA 3 MACRON BENALLA 3 MACRON BENALLA MACRON BENALLA MACRON BENALLA 2 MACRON BENALLA 2 emmanuel macron emmanuel macron

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA