MACRON VUOLE MARIO DRAGHI SEGRETARIO DELLA NATO A GIUGNO – IL RETROSCENA DI “REPUBBLICA”: L’ELISEO HA IN PROGRAMMA DI PROPORRE AL PREMIER ITALIANO DI PRENDERE IL POSTO DI STOLTENBERG. MA DA ROMA C’È FREDDEZZA. IL PREMIER ITALIANO NON PARE INTERESSATO AD AVERE ALTRI INCARICHI DOPO PALAZZO CHIGI. OGGI ALLE 19 È IN PROGRAMMA ALL’ELISEO UNA CENA TRA MACRON E MARIOPIO – L’IPOTESI DELLA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA

-

Condividi questo articolo


Da open.online

 

mario draghi emmanuel macron mario draghi emmanuel macron

Il presidente della Francia Emmanuel Macron vuole proporre a Mario Draghi il posto di segretario generale della Nato. Anche se il premier italiano non pare interessato ad avere altri incarichi dopo Palazzo Chigi. Oggi alle 19 è in programma all’Eliseo una cena tra i due. Che nelle intenzioni di Draghi dovrebbe essere «un gesto di cortesia e di congedo». Ma la possibilità di prendere il posto di Jens Stoltenberg a giugno, non soltanto su proposta francese, è sul tavolo.

 

A parlarne oggi è un retroscena di Repubblica, che segnala anche la possibilità di arrivare ai vertici dell’Europa. Visto che il voto per l’europarlamento è vicino e subito dopo si dovrà assegnare la poltrona di presidente della Commissione Europea. Ma questo accadrà soltanto se le elezioni porteranno una maggioranza che gradisca l’ex presidente della Banca Centrale Europea.

 

 

Segretario generale dell’Alleanza Atlantica

mario draghi abbraccia emmanuel macron mario draghi abbraccia emmanuel macron

I rapporti tra Francia e Italia in questi ultimi mesi sono stati altalenanti. Il premier si è complimentato con il presidente francese per la rielezione ed è andato con lui a Kiev. I due insieme hanno spesso fatto coppia. Ma la sua ministra Boone ha fatto arrabbiare la premier in pectore Giorgia Meloni per la frase sulla vigilanza riguardo i diritti civili e per il paragone con Ungheria e Polonia. Macron pranzerà a Roma con Sergio Mattarella durante l’evento di Sant’Egidio per la pace in programma per il 23 e il 24 ottobre.

 

Per quella data Meloni potrebbe aver già ricevuto l’incarico di formare il nuovo governo. Poco prima è in programma il consiglio Ue che dovrebbe varare il price cap per il gas. Sarà l’ultimo atto di governo di Draghi e a SuperMario piacerebbe che si trasformasse in un successo. Ma un accordo totale pare molto improbabile.

mario draghi emmanuel macron mario draghi emmanuel macron emmanuel macron mario draghi emmanuel macron mario draghi

 

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...