MADIA RETTA A NOI, LASCI PERDERE IL CAMPIDOGLIO! – LA MARIANNA DEL NAZARENO, PERSO IL DUELLO CON LA SERRACCHIANI PER FARE LA CAPOGRUPPO DEM ALLA CAMERA, PUO’ ESSERE LA CARTA ROSA DA GIOCARSI NELLE PRIMARIE DEL CENTROSINISTRA PER IL CAMPIDOGLIO – QUALCUNO DICA A ENRICO LETTA CHE ANCHE NEL RISIKO DEI CAPIGRUPPO SI CONFERMA IL POTERE DOMINANTE DELLE CORRENTI (E DEGLI EX RENZIANI) CONFERMATO DAL FATTO CHE VICE DELLA SERRACCHIANI SARA’ PIERO DE LUCA DI "BASE RIFORMISTA"

-

Condividi questo articolo


Mario Ajello per "il Messaggero"

MARIANNA MADIA MARIANNA MADIA

 

La «terapia choc» di femminismo nel Pd, voluta da Enrico Letta, si compone di un altro tassello. Quello della presidenza del gruppo alla Camera: donna contro donna, ha vinto Debora Serracchiani su Marianna Madia: ma comunque fosse andata, sempre l'opzione femminile si sarebbe imposta. Serracchiani ha prevalso con 66 voti contro i 24 della Madia.

 

La quale subito dopo l'esito della gara - preceduta nei giorni scorsi dalle polemiche sull'uscente Delrio e sulla cooptazione come metodo di carriera nel Pd - ha commentato: «Buon lavoro a Debora Serracchiani, nostra nuova capogruppo. C'è tanto da costruire insieme». La soddisfazione di Letta, che già ha spinto con successo la settimana scorsa per una donna capogruppo al Senato, Simona Malpezzi, è così: «Sarò felice di lavorare insieme a Serracchiani e Malpezzi. Due donne determinate, di qualità e competenti».

 

MADIA SERRACCHIANI MADIA SERRACCHIANI

Siccome però il Pd prima ancora che un partito di donne è un partito di correnti, a considerarsi super vincitore è il gruppo degli ex renziani di Base Riformista, guidati da Guerini e Lotti. «Abbiamo dei dirigenti più bravi degli altri, evidentemente», così gioiscono quelli e quelle di Br. Nel senso che la Serracchiani, al contrario della Malpezzi, non aderisce alla corrente Guerini-Lotti (semmai è vicina a Delrio) ma gli ex renziani, oltre ad aver vinto la partita per il capogruppo dei senatori, alla Camera hanno avuto in cambio del sostegno a Debora uno dei loro come vicecapogruppo vicario: ossia Piero De Luca, figlio del presidente della Campania.

 

MADIA SERRACCHIANI MADIA SERRACCHIANI

EQUILIBRI La Serracchiani ha un percorso che va da segretaria di circoscrizione a vicesegretaria del partito con Renzi e vicepresidente con Zingaretti. Nel 2009 si lanciò con un'arringa da rottamatrice ante litteram, anche se già c'era chi segnalava la sua vicinanza a Franceschini che lei avrebbe sostenuto alle successive primarie. Ma soprattutto: da eurodeputata ha preso 10mila voti più di Berlusconi, poi è diventata presidente a del Friuli. Vince insomma il fattore donna e le correnti non c'entrano? Certo che c'entrano. Serracchiani ha avuto tra l'altro il sostegno dell'area franceschiniana, che è molto pesante. Letta - che ieri è stato ricevuto da Giorgia Meloni per il primo incontro tra il Pd e la leader dell'opposizone - si è messo in posizione win win nella partita capigruppo. Della serie l'importante è che siano donne.

PIERO DE LUCA PIERO DE LUCA

 

 E ora dice: «La situazione del Pd è incrostata di un maschilismo per il rompere il quale c'è bisogno di gesti forti. Quando mi hanno chiamato per invitarmi a fare il segretario, ho detto: scegliete piuttosto un segretario donna. C'è bisogno di una cura shock per un sistema anchilosato». Si pensa anche per la corsa al Campidoglio a una figura femminile forte da schierare alle primarie. Insiste su questo la deputata Patrizia Prestipino insieme ad altre e ieri si sono aggiunte su questa opzione la consigliera regionale Leonori e la Alfonsi presidente del I Municipio. Ed è partito il tam tam: perché non proporre la carta Madia?

simona malpezzi simona malpezzi renzi marcucci renzi marcucci enrico letta enrico letta marianna madia all'abbazia di contigliano marianna madia all'abbazia di contigliano

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)