MAL DI SPAGNA! IL PREMIER, PEDRO SANCHEZ, HA ANNUNCIATO LE SUE DIMISSIONI: SI VA A ELEZIONI ANTICIPATE IL 23 LUGLIO – IL PARTITO SOCIALISTA DEL PRIMO MINISTRO SPAGNOLO HA PRESO UNA CLAMOROSA SCOPPOLA ALLE AMMINISTRATIVE, CHE SI SONO RIVELATE UN TRIONFO PER IL PARTITO POPOLARE E L'ESTREMA DESTRA DI VOX - IL BEL PEDRO ORA CERCHERÀ DI SPOSTARSI AL CENTRO, ESSENDO TERRORIZZATO DALL'ALLEANZA TRA CENTRODESTRA E NEOFRANCHISTI....

-

Condividi questo articolo


PEDRO SANCHEZ PEDRO SANCHEZ

DAGONOTA

Il premier spagnolo, Pedro Sanchez, annuncia in un colpo solo dimissioni ed elezioni anticipate. Il Paese torna al voto dopo la clamorosa batosta del Psoe alle amministrative, che hanno segnato la vittoria dell’asse tra Partito Popolare e Vox: dove sono andati uniti, hanno vinto.

 

Sanchez è terrorizzato che l’alleanza si riproponga anche alle elezioni nazionali. Per questo, cercherà di spostare al centro il suo programma, per provare a scongiurare l’arrivo al potere degli estremisti di destra di Vox (che in Europa sono alleati della Meloni nel gruppo dei conservatori). L’alleanza tra PP e neo-franchisti potrebbe essere però una sorta di grande prova dell’accordo tra PPE e Conservatori e riformisti, alle europee del prossimo anno.

 

SPAGNA, PEDRO SANCHEZ SCIOGLIE LE CAMERE E CONVOCA LE ELEZIONI ANTICIPATE: SI VOTERÀ IL 23 LUGLIO

Estratto da www.open.online

pedro sanchez pedro sanchez

 

Il premier spagnolo Pedro Sanchez ha sciolto il parlamento e convocato le elezioni anticipate il 23 luglio. La decisione arriva all’indomani delle elezioni amministrative, che hanno visto i popolari e la destra di Vox strappare diversi territori ai socialisti e alle forze di sinistra.

 

Il Partito popolare, guidato da Alberto Núñez Feijóo, ha conquistato non solo il tradizionale feudo conservatore di Madrid, ma anche città importanti come Valencia e Siviglia, controllati nell’ultima legislatura da partiti progressisti. A Barcellona, sconfitta la sindaca di sinistra uscente Ada Colau, che verrà sostituita dall’indipendentista – e anche lui ex sindaco – Xavier Trias. […]

 

ELEZIONI IN SPAGNA, IL PARTITO POPOLARE CRESCE IN TUTTO IL PAESE: AYUSO TRIONFA A MADRID, COLAU PERDE BARCELLONA

Estratto dell’articolo di Alessandro Oppes per www.repubblica.it

 

la vittoria di isabel diaz ayuso 1 la vittoria di isabel diaz ayuso 1

Cresce il Partito Popolare in tutta la Spagna, recuperando importanti quote di potere locale dopo il disastroso risultato delle amministrative di quattro anni fa. Il Psoe del premier Pedro Sánchez perde la battaglia anche nel conteggio globale dei voti a livello nazionale (30 per cento contro 28 a favore del Pp secondo i dati parziali), mentre sembra fallire la speranza di ottenere il risultato più atteso: la riconquista, dopo 11 anni, della città di Barcellona con il suo candidato Jaume Collboni, superato dal leader degli indipendentisti di orientamento conservatore, Xavier Trias, con l’attuale sindaca, Ada Colau, che non va oltre il terzo posto.

 

In bilico fino all’ultimo alcune delle amministrazioni regionali e comunali più importanti, con serie possibilità di ribaltone a favore dei popolari. Un duro colpo per il Psoe che nel 2019 aveva conquistato 9 delle 12 regioni in cui si è votato ieri (e il Pp solo 2).

 

SANTIAGO ABASCAL GIORGIA MELONI SANTIAGO ABASCAL GIORGIA MELONI

I socialisti perdono Siviglia, la città più importante che amministravano finora, e rischiano di andare all’opposizione a Valencia, tanto al comune come alla regione. A rischio per la sinistra anche l’Aragona, mentre il Psoe potrebbe mantenere la presidenza di Estremadura e Castiglia La Mancha.

 

Il successo, scontato, della destra alle regionali di Madrid con Isabel Diaz Ayuso, lanciata verso la maggioranza assoluta, è completato anche dalla vittoria alle comunali del sindaco uscente José Luis Martinez Almeida, che punta a una inattesa maggioranza assoluta.

 

Ma, nella capitale come nella maggior parte delle amministrazioni che hanno la possibilità di riconquistare, i popolari dipenderanno dall’ultradestra di Vox. Un alleato molto scomodo, come si è rivelato nelle poche giunte locali in cui fino ad ora è risultato determinante.

 

[…] Un dato è particolarmente significativo: per la prima volta i popolari conquistano tutti capoluoghi di provincia dell’Andalusia, una delle regioni più popolose di Spagna (che quindi manda molti deputati al Parlamento) e che per decenni era stata un feudo inespugnabile del Partito socialista. […]

 

isabel diaz ayuso e pablo casado isabel diaz ayuso e pablo casado

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?