LA MALEDIZIONE DI BAT-MORATTI - LA PROCURA DI MILANO CHIEDE IL RINVIO A GIUDIZIO PER GABRIELE MORATTI, FIGLIO DI LETIZIONA - IL FIGLIOLO BURLONE DELL’EX SINDACO DI MILANO AVEVA TRASFORMATO DEI CAPANNONI INDUSTRIALI IN UNA CASA ISPIRATA A BATMAN, CON TANTO DI PALESTRA, PISCINA, CUCINA, SOGGIORNO E CAMERE DA LETTO - ORA È ACCUSATO DI ABUSIVISMO EDILIZIO E DI FALSO IDEOLOGICO INSIEME AD ALTRE TRE PERSONE…

Condividi questo articolo
La batcasa di Gabriele MorattiLa batcasa di Gabriele MorattiGabriele e Letizia MorattiGabriele e Letizia Moratti

(ANSA) - La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per Gabriele Moratti, figlio dell'ex sindaco di Milano, e altre tre persone per l'ormai nota vicenda della 'Bat-casa' del giovane. Gabriele Moratti è accusato di abusivismo edilizio e di concorso in falso ideologico per aver trasformato cinque capannoni industriali in via Ajraghi, periferia nord-ovest di Milano, in una villa ispirata a quella di Batman.

La richiesta di processo, al termine delle indagini condotte dalla Gdf milanese e coordinate dall'aggiunto Alfredo Robledo, riguarda anche Fabrizio Santuccio progettista e direttore dei lavori, Ezio Malvi, l'esecutore degli stessi lavori e un ex tecnico del Comune dipendente dello Sportello Unico per l'edilizia, che si è occupato del procedimento amministrativo per la trasformazione dei cinque capannoni nella casa ispirata all'eroe dei fumetti. Tutti sono accusati, a vario titolo, di abusivismo edilizio e di falso ideologico.

Letizia e Gabriele MorattiLetizia e Gabriele Moratti La batcasa di Gabriele MorattiLa batcasa di Gabriele Moratti

Ora la richiesta di processo dovrà essere valutata da un gup, in un'udienza preliminare ancora da fissare. Le indagini di investigatori e inquirenti avevano permesso di accertare che nei cinque capannoni alla periferia di Milano erano state eseguite opere edili senza il permesso a costruire. Gli accertamenti delle Fiamme Gialle, in particolare, avevano consentito di verificare che all'interno della cosiddetta 'Bat-Casa' erano state realizzate una palestra, una piscina, oltre alla cucina, al soggiorno e alle camere da letto.

Per la trasformazione dei capannoni e la modifica della loro destinazione d'uso da laboratorio in residenziale, era stata però riscontrata, secondo l'accusa, la presentazione di false attestazioni e omissioni durante i sopralluoghi da parte del personale preposto ai controlli. Quattro dei cinque capannoni, stando alle indagini, erano stati uniti in un solo grande spazio.

La batcasa di Gabriele MorattiLa batcasa di Gabriele Moratti IL PROCURATORE AGGIUNTO DI MILANO ALFREDO ROBLEDOIL PROCURATORE AGGIUNTO DI MILANO ALFREDO ROBLEDO

I fatti contestati risalgono all'agosto del 2009 e avevano suscitato, una volta emersi, scalpore proprio perché riguardavano il figlio dell'allora sindaco di Milano, Letizia Moratti. Nell'aprile del 2011 poi gli interni della casa 'stile Batman' erano stati smantellati dallo stesso giovane, su input della Procura di Milano che aveva chiesto al figlio dell'allora primo cittadino di ripristinare le condizioni dei capannoni in via Ajraghi, come erano prima dell'intervento, cioé ad uso commerciale.

 

 

Condividi questo articolo

politica

“C’È UN MOVIMENTO ORGANIZZATO PER PORTARE IMMIGRATI IN EUROPA PER AVERE MANODOPERA A BASSO COSTO E DESTRUTTURARE LA SOCIETÀ” - L’IMMIGRAZIONE SECONDO GIORGIA MELONI: “PERCHÉ I VENEZUELANI NON LI ABBIAMO PRESI E ABBIAMO PRESO I NIGERIANI E I PAKISTANI? PERCHÉ MOLTI VENEZUELANI SONO DI ORIGINE ITALIANA, EUROPEA, SONO CRISTIANI, QUINDI NON SONO DISTANTI DA NOI E NON INTERESSANO A CHI VUOLE PORTARE AVANTI QUEL MODELLO - NOI RISPETTO ALLA LEGA SIAMO PIÙ SERI E COERENTI”