MANCANO QUATTRO GIORNI AL VOTO E CALENDA PASSA IL TEMPO A LITIGARE CON I WU-MING SU TWITTER - L'EX MINISTRO CHIEDE A GRAN VOCE UN CONFRONTO CON IL COLLETTIVO DI SCRITTORI, CHE PARLA A UN ELETTORATO CHE PREFERIREBBE FARE HARAKIRI PIUTTOSTO CHE VOTARE CARLETTO DI MONTI PARIOLI - WU-MING PER COLPIRLO PUBBLICA UNA SUA FOTO CON BANNON, DELLA SERIE: GUARDATE CHE AMICI FREQUENTA (MA ERA UNO SCONTRO). È TUTTO FINITO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

Nicolò Zuliani per www.termometropolitico.it 

 

Carlo Calenda ha litigato su Twitter coi Wu Ming. Provate a pronunciare questa frase ad alta voce, poi provate a dire “oggi il ministro della difesa Andreotti ha litigato su Twitter con Pier Paolo Pasolini”. La prima suona ridicola, la seconda stona non solo per motivi storici, ma soprattutto estetici.

 

CARLO CALENDA VS WU MING CARLO CALENDA VS WU MING

Mi sono reso conto che se dovessi dire senza pensare quali sono gli unici politici che ancora fanno dichiarazioni da politici, cioè da rappresentanti del paese o aspiranti tali, direi Berlusconi. E non l’ho mai votato in vita mia. Oggi quando guardo i rappresentanti di governo vedo gente in maniche di camicia che pronuncia sceriffate da paesino. Litigano sui social con dialettica e slogan da liceo. 

 

È uno spettacolo miserabile, ma forse sono io.

Dopotutto Salvini ha un enorme successo tra il popolo e gira in felpa, parlando come un avventore del bar sport di Badoere. Di Maio, che invece a essere un politico ci prova, quando parla sembra la Venezia di Las Vegas. È tutto finto, dall’abolizione della povertà alla stoffa dei suoi completi. Gli intellettuali fanno lo stesso effetto. Sono slavati, sciapi, privi di autorità o credibilità. Guardate Calvino che parla. Oppure Pasolini. Ungaretti. Umberto Eco (mentre dice che Internet fa male ai poveri e fa bene ai ricchi). Si vede che riflettono, danno un peso alle loro parole. Percepisci l’importanza di quello che dicono anche attraverso il mezzo.

 

 

Parlare a caso svilisce.

 

BANNON CALENDA ANNUNZIATA BANNON CALENDA ANNUNZIATA

Forse la fiducia degli italiani verso i suoi rappresentanti è scarsa anche per questo. Si può prendere sul serio uno che parla a vanvera sui social network come un adolescente? Gli dà prestigio, affidabilità, rispettabilità? Mi piacerebbe che il mio rappresentante facesse dichiarazioni con gli organi preposti, cioè la stampa e i media. Non vederlo twittare “fascio” a tizi anonimi. Le parole sono come le foglie, più ce ne sono e più è difficile trovarci il frutto nascosto.

 

 

Inoltre, giusto per essere prosaico: cosa significa “e lasciami divertire che oggi ho avuto una giornata infernale”? Cioè, l’ex ministro dello sviluppo economico per rilassarsi e divertirsi flamma con la gente su Twitter? Erano più dignitose le olgettine. 

?

 

wu ming wu ming wu ming wu ming carlo calenda a milano coi sovranisti 4 carlo calenda a milano coi sovranisti 4 LA CAMPAGNA SOCIAL DI SALVINI CONTRO CALENDA LA CAMPAGNA SOCIAL DI SALVINI CONTRO CALENDA carlo calenda a milano coi sovranisti 3 carlo calenda a milano coi sovranisti 3 carlo calenda a milano coi sovranisti 2 carlo calenda a milano coi sovranisti 2 carlo calenda a milano coi sovranisti 1 carlo calenda a milano coi sovranisti 1

 

 

Condividi questo articolo

politica