MANCIA CHE TI PASSA: RIGOR MONTIS FREGA ALFANO

Finanziamenti a pioggia? No, pioggia di guai. La “legge mancia” col trucco di Rigor Montis fa tremare i partiti: ci vuole una rendicontazione dettagliatissima, pena la restituzione dei fondi ricevuti per “spese nei collegi di provenienza” - Carrozzoni in allarme: c’è pure la retroattività!…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT
Altro che legge mancia. Quando gli amici degli amici pensavano di essersi intascati senza troppi pensieri e giustificativi di spesa i finanziamenti della legge, che stanzia 70 milioni l'anno per le spese degli eletti nei collegi di provenienza (gestiti alla Camera fino a poche settimane fa con poteri assoluti dal badante di Angelino Jolie Alfano, il compaesano siculo Giuseppe Marinello) ecco che Rigor Montis ha giocato l'ultimo scherzetto.

Angelino AlfanoAngelino Alfano Giuseppe MarinelloGiuseppe Marinello

Il 27 febbraio dal Ministero dell'Economia è partita una letterina che sta arrivando in queste ore "a tutti gli enti pubblici e privati beneficiari dei contributi" firmata dal Ragionere Generale dello Stato, protocollo 13825, che riguarda "Nuove modalità di certificazione sull'utilizzo dei contributi statali assegnati".

In pratica, mentre prima arrivavano i soldi e tanti saluti a tutti su come e dove venivano spesi, ora con effetto retroattivo per tutti gli anni dal 2008 in poi, in cui si sono intascati i finanziamenti, vanno indicati i singoli fornitori, gli importi, le date di liquidazione, le opere effettivamente realizzate e la piena corrispondenza con le opere per le quali si erano richiesti i soldi.

Giuseppe MarinelloGiuseppe Marinello

Il tutto va trasmesso alle prefetture, pena restituzione dei fondi. Pare che più di qualcuno passi le giornate aggrappato al telefonino per chiedere aiuto ai parlamentari che avevano garantito le elargizioni...

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI