MAROGNA IN LIBERTÀ (ORA QUANTE NE DIRÀ?) – DOPO 17 GIORNI A SAN VITTORE, SCARICATA DA TUTTI, LA MATA HARI DI BECCIU HA UN DIAVOLO PER CAPELLO – I SUOI AVVOCATI METTONO IN MEZZO IL SEGRETARIO DI STATO PIERO PAROLIN PER LA LIBERAZIONE DI 3 RELIGIOSI RAPITI IN COLOMBIA DA OTTENERE CON MEZZO MILIONE DI EURO DEL VATICANO CHE, INVECE, PER L'ACCUSA AVREBBE IN PARTE SPESO IN BORSETTE FIRMATE E ALTRI BENI DI LUSSO - DUBBI SULL’ESTRADIZIONE IN VATICANO 

-

Condividi questo articolo

Giuseppe Guastella per il “Corriere della Sera”

 

CECILIA MAROGNA CECILIA MAROGNA

Il no della Corte d' appello di Milano al carcere per Cecilia Marogna mette anche in dubbio la possibilità di un' estradizione in Vaticano della cagliaritana protagonista della vicenda che ha travolto l' ex numero due della Segreteria di Stato Angelo Becciu, il quale per questa storia si è visto togliere dal Papa la porpora cardinalizia.

 

La donna lascia San Vittore dopo 17 giorni perché non è stata dimostrata la «necessità» del carcere per una madre «di una figlia minorenne» molto radicata in Italia. Per scongiurare una fuga allora è sufficiente che si presenti tre volte la settimana ai Carabinieri per i giudici che, accogliendo le richieste dei difensori, scrivono che ci sono «profili di apprezzabile sostenibilità» della loro tesi secondo la quale i Patti Lateranensi che regolano i rapporti tra Italia e Santa Sede non consentono che un cittadino italiano sia estradato in Vaticano. Questione che per la magistratura vaticana sarebbe, invece, superabile grazie alla convenzione Onu contro la corruzione sottoscritta dai due Stati.

parolin e bergoglio parolin e bergoglio

 

«È un atto di giustizia», esultano gli avvocati Maria Cristina Zanni e Fabio Federico, che fanno parte dello studio dell' avvocato Massimo Dinoia, denunciando che Marogna non ha ancora potuto leggere il mandato di cattura straniero per il quale è stata arrestata con l' accusa di appropriazione indebita aggravata contro la Santa Sede, perpetrata utilizzando in modo illecito somme di denaro concessele per uso istituzionale, cospirando con altri individui». 

 

giovanni angelo becciu giovanni angelo becciu

La difesa ha insistito sull' assenza delle esigenze cautelari ironizzando sulla rapidità della procedura Oltretevere: in «soli quattro (dicasi quattro!) giorni» ci sono stati in Vaticano deposito dell' informativa della Gendarmeria sulla vicenda, esame della magistratura e ricerche infruttuose della donna che, però, tra il 9 e il 12 ottobre era a casa a Milano per il fine settimana. 

 

 

Sarebbe bastato chiedere informazioni ai suoi «referenti», Becciu e il Segretario di Stato Piero Parolin, che in quei giorni erano in contatto con lei, affermano gli avvocati. Il 7 ottobre Marogna scrive un' email a Parolin chiedendo un incontro per informarlo «degli sviluppi delle attività svolte» affermando di aver «raggiunto la definizione della risoluzione pacifica delle 3 persone (incarico affidatomi dal precedente Generale Capo), l' ultima decade di agosto e immediatamente informato della fase ultima il rappresentante attualmente in carica al vertice dell' apparato estero dei Servizi di Sicurezza (Aise) il Gen. Caravelli, ma da parte sua non ho più ricevuto notizie». 

CECILIA MAROGNA CECILIA MAROGNA

 

Si riferisce alle trattative per la liberazione di una suora rapita in Colombia e di altri due religiosi da ottenere con mezzo milione di euro del Vaticano che, invece, per l' accusa avrebbe in parte speso in borsette firmate e altri beni di lusso. «Può contattarmi per telefono per concordare data e orario incontro», conclude.

 

La riposta di Parolin arriva il 12 ottobre, 24 ore prima del mandato di arresto: «La ringrazio per la sua email del 7 ottobre u.s., della quale ho preso nota con ogni attenzione. Circa la sua richiesta di incontro, tuttavia, non sono in grado per il momento di venirle incontro».

ANGELO BECCIU E PAPA BERGOGLIO ANGELO BECCIU E PAPA BERGOGLIO becciu becciu

 

Condividi questo articolo

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209