MATTARELLA, FATTI PIU’ ALLAH! – LA SECONDA CARICA DELLO STATO, ’GNAZIO LA RUSSA, INTERVIENE A GAMBA TESA SUL CASO DELLA SCUOLA DI PIOLTELLO CHE CHIUDERÀ PER LA FINE DEL RAMADAN: “NON NE FACCIO UNA QUESTIONE IDEOLOGICA, MA DI REGOLE. SE NON SI PUÒ, NON SI PUÒ” – PECCATO CHE IL CAPO DELLO STATO SIA SU TUTT’ALTRA POSIZIONE: POCHI GIORNI, HA RINGRAZIANDO LA DIRIGENTE SCOLASTICA E I DOCENTI PER IL LAVORO “PREZIOSO E PARTICOLARMENTE IMPEGNATIVO” – IL PRESIDENTE DEL SENATO SI SCHIERA CON VALDITARA E CON SALVINI SULLA PROPOSTA DI IMPORRE UN NUMERO LIMITATO DI STRANIERI NELLE SCUOLE: “IN UNA CLASSE A PREVALENZA DI STUDENTI NATI IN ITALIA SI LAVORA MEGLIO”

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Federico Capurso e Simone Rosellini per “La Stampa”

 

SERGIO MATTARELLA IGNAZIO LA RUSSA SERGIO MATTARELLA IGNAZIO LA RUSSA

«Non ne faccio una questione ideologica, ma di regole. Se non si può, non si può». Il presidente del Senato Ignazio La Russa si schiera con il ministro dell'Istruzione Giuseppe Valditara e censura la decisione della scuola di Pioltello di chiudere per la giornata conclusiva del Ramadan, il prossimo 10 aprile. Una scelta, quella della dirigente scolastica Maria Rendani, presa a fronte del prevedibile alto tasso di assenza tra gli alunni, in larghissima parte di fede islamica.

 

La Russa è in vacanza nella Riviera di Levante ligure, nella sua casa di Zoagli e di fronte al delicato e complesso tema dell'integrazione dei ragazzi di origine straniera nelle scuole, preferisce la strada forse più semplice, di certo quella più corta: «Io sono per il rispetto delle regole e se le regole consentissero di fare festa per il Ramadan, sarebbe stato giusto farla», ribadisce [...]

 

ISTITUTO IQBAL MASIH PIOLTELLO ISTITUTO IQBAL MASIH PIOLTELLO

«Il ministro Valditara mi dice che, allo stato attuale, non si possono aggiungere ulteriori giorni di sospensione della didattica, oltre a quelli già a disposizione delle scuole. Quindi non si sarebbe dovuto fare, a meno che non si sbagli Valditara. Se poi si vorrà - prosegue - si potrà discutere se cambiare le regole e introdurre la possibilità di feste ulteriori, allora anche di altre religioni, non solo quella islamica».

 

Un pensiero che sembra prendere direzioni distanti da quelle del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il Capo dello Stato solo pochi giorni fa aveva infatti ridotto il caso di Pioltello a un «fatto di lieve entità», ringraziando anzi la dirigente scolastica e i docenti per il lavoro «prezioso e particolarmente impegnativo» che svolgono.

 

giorgia meloni ignazio la russa sergio mattarella parata 2 giugno giorgia meloni ignazio la russa sergio mattarella parata 2 giugno

Da destra, invece, continuano a piovere critiche, nonostante l'istituto abbia persino deciso di compensare la chiusura del 10 aprile, rinunciando ai due giorni di ponte del 29 e 30 aprile, agganciati alla festa dei Lavoratori. Ma in fondo anche dietro le regole - soprattutto dietro le regole - c'è sempre un'ideologia.

 

Come dimostra il dibattito lanciato in vista delle Europee da Matteo Salvini, in tandem con Valditara, sull'introduzione di un tetto massimo del 20 o 30 per cento di studenti stranieri nelle classi. Tetto che si applicherebbe a quegli studenti che non padroneggiano a sufficienza la lingua italiana. E anche La Russa trova che «questa sia una questione di evidente opportunità: in una classe a prevalenza di studenti nati in Italia si lavora meglio e avviene meglio l'integrazione».

 

GIUSEPPE VALDITARA - MATTEO SALVINI GIUSEPPE VALDITARA - MATTEO SALVINI

È in vacanza nella Riviera di Levante ligure, ma ieri mattina ha fatto capolino a Rapallo, a pochi chilometri di distanza dalla sua casa al mare di Zoagli, per visitare il banchetto organizzato dal circolo cittadino di Fratelli d'Italia in vista delle elezioni europee ed amministrative. Strette di mano, pacche sulle spalle.

Certo, preferirebbe evitare altre domande: «Fatemi fare il presidente del Senato», chiede per evitare di prestare il fianco alle opposizioni che da tempo lo accusano di intervenire troppo su questioni politiche ed essere poco super partes, come il ruolo richiede […]

ISTITUTO IQBAL MASIH PIOLTELLO ISTITUTO IQBAL MASIH PIOLTELLO sergio mattarella ignazio la russa giorgia meloni sergio mattarella ignazio la russa giorgia meloni ignazio la russa lorenzo fontana giorgia meloni sergio mattarella ignazio la russa lorenzo fontana giorgia meloni sergio mattarella

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)