MATTARELLA NON NE FA PIÙ PASSARE UNA AL GOVERNO "DUCIONI" – PRIMA LE MANGANELLATE DI PISA, POI L’EMERGENZA CARCERI, INFINE IL CASO PIOLTELLO E LA CHIAMATA A ROBERTO SALIS: IL CAPO DELLO STATO, COME DAGO-DIXIT, FA SENTIRE LA SUA PRESENZA ALLA MELONI IN OGNI CIRCOSTANZA POSSIBILE – I FRATELLI D’ITALIA E I LEGHISTI INSOFFERENTI VERSO L’INTERVENTISMO DELLA “MUMMIA” SICULA, CHE RITIENE IL VOTO EUROPEO CRUCIALE PER IL PAESE: NON A CASO, NELLE ULTIME SETTIMANE, SI È SENTITO SPESSO CON MACRON…

Condividi questo articolo


SERGIO MATTARELLA E GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA E GIORGIA MELONI

DAGOREPORT - LA MANO DEL COLLE SULLA MELONI - DOPO L’ELOGIO AI DIRIGENTI DELLA SCUOLA DI PIOLTELLO CHE HANNO DECISO DI CHIUDERE L’ISTITUTO IN SEGNO DI RISPETTO PER LA FINE DEL RAMADAN, MATTARELLA FARÀ SENTIRE LA SUA PRESENZA AL GOVERNO IN OGNI CIRCOSTANZA POSSIBILE - IL CAPO DELLO STATO RITIENE IL VOTO EUROPEO PIU' IMPORTANTE DELLE POLITICHE: DAL RISULTATO DEL 9 GIUGNO DIPENDERÀ LA NOSTRA FUTURA POLITICA ESTERA, ECONOMICA E DI DIFESA. NON A CASO NELLE ULTIME SETTIMANE SI SONO INTENSIFICATI I COLLOQUI TELEFONICI CON MACRON

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/dagoreport-mano-colle-meloni-dopo-rsquo-elogio-389589.htm

 

SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI MEME SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI MEME

DA PIOLTELLO A BUDAPEST I MALUMORI A DESTRA VERSO IL QUIRINALE

Estratto dell’articolo di Emanuele Lauria per “la Repubblica”

 

È un’insofferenza che […] viaggia silenziosa. Giorgia Meloni non fa trapelare posizioni ufficiali e l’indicazione ai suoi parlamentari, nei giorni caldi del caso Salis culminati con la telefonata di Mattarella al padre dell’attivista detenuta in Ungheria, è stata quella di non commentare in alcun modo.

 

LA NOTA DI SERGIO MATTARELLA SULLE MANGANELLATE DELLA POLIZIA A PISA LA NOTA DI SERGIO MATTARELLA SULLE MANGANELLATE DELLA POLIZIA A PISA

Ma gli ultimi interventi del Capo dello Stato hanno segnato una distanza sensibile fra il Colle e la maggioranza. Finendo per allargare un solco che si era già aperto lentamente in questi mesi, con il richiamo del Presidente a Piantedosi per i manganelli contro gli studenti di Pisa e poi con l’allarme sull’emergenza carceri. Meloni, nel primo caso, non aveva nascosto pubblicamente l’irritazione, e non era mancato un chiarimento istituzionale.

 

Le perplessità sono riaffiorate con la solidarietà di Mattarella alla preside della scuola di Pioltello […]. Nelle stesse ore la notizia che il capo dello Stato aveva chiamato al telefono Roberto Salis, una mossa fatta mentre il governo auspicava il massimo riserbo per non “politicizzare” il caso e non inasprire lo scontro con Orban. […]

 

GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA

Dietro c’è […] una maggioranza spiazzata e poco entusiasta di queste prese di posizione del Colle vissute come bacchettate. Nel gruppo di Fratelli d’Italia alla Camera […] è stato notato il «cambio di passo» nell’atteggiamento di Mattarella, passato da un silenzio operoso a pubbliche uscite più frequenti.

 

Più esplicite le considerazioni che giungono da Forza Italia e Lega. «Ho il massimo rispetto per i richiami del Presidente ma non credo in una sacralità del ruolo che non possa consentire i commenti - premette il capogruppo di FI al Senato Maurizio Gasparri - Io penso che l’invito alla prudenza, in alcune situazioni come quella di Salis, valga per tutti.

 

ROBERTO E ILARIA SALIS ROBERTO E ILARIA SALIS

Anche perché il Capo dello Stato deve tenere conto dell’interpretazione che può essere data alle sue parole. Nel caso della scuola di Pioltello, ad esempio, non credo che sfugga che alcune decisioni come quella di una sospensione delle lezioni per il Ramadan vengono prese sulla base di intese fra confessioni religiose diverse. Questo La Russa ha voluto dire ed ha assolutamente ragione».

 

giorgia meloni ignazio la russa sergio mattarella parata 2 giugno giorgia meloni ignazio la russa sergio mattarella parata 2 giugno

E la Lega fa quadrato intorno al suo ministro Giuseppe Valditara […]. L’economista Claudio Borghi, uno dei deputati più vicini a Salvini, non si nasconde: «Un eccesso di interventismo di Mattarella? Io - attacca Borghi - non lo definirei neppure così: il suo attivismo è noto dai tempi in cui poneva veti su un ministro come Savona per nominarne uno decisamente meno capace come Gualtieri. La verità è che se non c’è il Pd al governo il suo scrutinio diventa più attento. Ma avrà tempo per redimersi».

 

Dichiarazioni piuttosto nette che tradiscono nervosismo e, appunto, insofferenza. Ma che per l’opposizione sono la dimostrazione che il Capo dello Stato sta toccando nervi scoperti. […]

ignazio la russa lorenzo fontana giorgia meloni sergio mattarella ignazio la russa lorenzo fontana giorgia meloni sergio mattarella COLLE OPPIO CONTRO IL COLLE - VIGNETTA BY ELLEKAPPA COLLE OPPIO CONTRO IL COLLE - VIGNETTA BY ELLEKAPPA LA RUSSA GASPARRI LA RUSSA GASPARRI sergio mattarella e giorgia meloni alla scuola nazionale dell amministrazione 2 sergio mattarella e giorgia meloni alla scuola nazionale dell amministrazione 2 ignazio la russa sergio mattarella giorgia meloni ignazio la russa sergio mattarella giorgia meloni SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI IL 25 APRILE DI MATTARELLA E MELONI - VIGNETTA BY GIANNELLI IL 25 APRILE DI MATTARELLA E MELONI - VIGNETTA BY GIANNELLI mattarella meloni 2 mattarella meloni 2 MATTARELLA E GIORGIA MELONI MATTARELLA E GIORGIA MELONI sergio mattarella giorgia meloni sergio mattarella giorgia meloni riunione del Consiglio Supremo di Difesa riunione del Consiglio Supremo di Difesa GIORGIA MELONI - LAURA E SERGIO MATTARELLA GIORGIA MELONI - LAURA E SERGIO MATTARELLA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)