MELONI? UN “CAMALEONTE”! – MA QUANTO SI E' INCAZZATA LA DUCETTA CON I SUOI GERARCHI DI PALAZZO CHIGI! SULLE PRIME, IL GIUDIZIO DI POLITICO.EU, CHE L'HA ELETTA AL NUMERO UNO DEI “DOERS” (GLI ESECUTORI) IN EUROPA, E' STATO SBANDIERATO DAI SUOI BALILLA COME UN GRAN RICONOSCIMENTO - POI, MELONI HA  SBARRATO GLI OCCHIONI LEGGENDO L'ARTICOLO COMPLETO E HA CAPITO CHE SI TRATTAVA DI UN BEL CALCIO NEL SEDERE – MELONI È SÌ PRIMA, MA PERCHÉ È “CAMALEONTICA”: AD ESSERE APPREZZATO IN UE È IL FATTO CHE STA FACENDO ESATTAMENTE IL CONTRARIO DI QUANTO PROMESSO DURANTE GLI ANNI DELL'OPPOSIZIONE E IN CAMPAGNA ELETTORALE - È LO STESSO ARGOMENTO UTILIZZATO DA SALVINI, CHE STA PROVANDO A FARLA PASSARE DA TRADITRICE DEI SOVRANISTI, LOGORANDOLA DA DESTRA - L'ARTICOLO INTEGRALE

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

GIORGIA MELONI , IL CAMALEONTE - DA POLITICO GIORGIA MELONI , IL CAMALEONTE - DA POLITICO

A Palazzo Chigi stamani c’era un clima di euforia. Non appena i balilla della Presidenza del Consiglio hanno letto che Giorgia Meloni era al primo posto nella classifica dell’influente edizione brussellese del sito Politico, nella sezione “Doers” (coloro che “fanno”, gli esecutori), lo staff della Ducetta ha gongolato, strepitando contro i “gufi” della sinistra che strepitano dell’irrilevanza dell’Italia.

 

Poi, Meloni ha preso in mano l'articolo e ha avuto un travaso di bile: già dal titolo, il pezzo parlava della Ducetta come di “Camaleonte”. E la gioia della premier si è trasformata in incazzatura.

 

La sintesi dell’articolo di Politico è che la Ducetta, rispetto ai governi malconci di Macron e Scholz, è sì “l’esecutrice” numero uno in Europa ma in virtù del fatto che fa esattamente il contrario di quanto ha promesso negli anni all’opposizione.

 

“Sembra aver subito una trasformazione nell'ultimo anno di potere – si legge su Politico -. Mentre prima chiedeva che l'Italia abbandonasse l'euro e prendeva ripetutamente di mira ‘i burocrati di Bruxelles’, la Meloni di oggi sembra essere in buoni rapporti con la presidente della Commissione europea.

 

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

Si temeva che la Meloni avrebbe usato la sua premiership per indebolire l'accesso all'aborto. Ma […] non ha toccato la disposizione costituzionale che consente l'aborto entro 90 giorni a determinate condizioni”. In politica estera, “la Meloni, il camaleonte politico per eccellenza, si è reinventata come una dura sostenitrice della Russia”.

 

matteo salvini e giorgia meloni matteo salvini e giorgia meloni

Insomma, è l’euro-imborghesimento, la mutazione da urlante a dialogante a farla apprezzare in Ue. Cioè esattamente quello che le rimprovera Matteo Salvini, impegnato nel tentativo di rubare voti a destra a Fratelli d’Italia.

 

Il ministro delle Infrastrutture lavora ai fianchi della Ducetta: il 3 dicembre radunerà a Firenze tutta l’estrema destra europea, da Wilders a Le Pen, passando per i cripto-nazi tedeschi di Afd. Il senso del suo messaggio è: noi siamo fedeli alle promesse della campagna elettorale, non come Giorgia, che ha “tradito” per entrare nella stanza dei bottoni.

 

GIORGIA MELONI, IL CAMALEONTE

Traduzione da www.politico.eu

 

giorgia meloni ursula von der leyen giorgia meloni ursula von der leyen

L'ascesa di Giorgia Meloni alla premiership italiana lo scorso anno ha fatto correre un brivido lungo la schiena dei centristi di tutto il Continente e non solo. Bruxelles si è preparata a vedere un membro di un partito post-fascista sedersi (e votare) ai suoi tavoli più alti, rafforzando i ranghi dei bambini problematici dell'UE.

 

Kiev si preparava a vedere l'Italia staccarsi dal gruppo e cercare di ammorbidire il sostegno all'Ucraina e di ridurre le sanzioni alla Russia. Ma un anno dopo essere diventata leader della terza economia dell'UE, la Meloni ha sfidato le aspettative e si è costruita un significativo (anche se cauto) fan club.

 

L ARTICOLO DI POLITICO SU GIORGIA MELONI CAMALEONTE L ARTICOLO DI POLITICO SU GIORGIA MELONI CAMALEONTE

La Meloni si è mossa per attuare riforme costituzionali che rafforzerebbero in modo significativo i poteri del primo ministro. E continua a offrire molta carne rossa alla sua base di estrema destra: ha vietato i rave, ha inveito contro l'immigrazione, ha ordinato alle autorità locali di smettere di registrare le coppie omosessuali come genitori, ha criminalizzato la maternità surrogata e ha introdotto una serie di politiche che avrebbero dovuto migliorare la sorte delle donne a basso reddito (anche se ci sono dubbi sul fatto che si siano effettivamente ritorte contro).

 

Ma la Meloni, una fan sfegatata del "Signore degli Anelli" che, secondo quanto riferito, si definiva la “Draghetta di Undernet" nelle chat online quando aveva vent'anni, sembra aver subito una trasformazione nell'ultimo anno di potere.

 

GIORGIA MELONI DRAGHETTA DI UNDERNET GIORGIA MELONI DRAGHETTA DI UNDERNET

Mentre prima chiedeva che l'Italia abbandonasse l'euro e prendeva ripetutamente di mira "i burocrati di Bruxelles", la Meloni di oggi sembra essere in buoni rapporti con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, e ha persino lavorato a stretto contatto con lei e con il primo ministro olandese Mark Rutte per trovare un accordo sfortunato con la Tunisia per limitare le partenze dei migranti.

LA DRAGHETTA - MEME MELONI DRAGHI LA DRAGHETTA - MEME MELONI DRAGHI

 

Si temeva che la Meloni avrebbe usato la sua premiership per indebolire l'accesso all'aborto. Ma mentre i membri della sua coalizione hanno redatto una legge che dà valore legale al feto fin dal concepimento (sollevando il timore che siano in arrivo ulteriori restrizioni), la Meloni non ha toccato la disposizione costituzionale che consente l'aborto entro 90 giorni a determinate condizioni.

 

scherzo telefonico giorgia meloni - joe biden - vignetta by osho scherzo telefonico giorgia meloni - joe biden - vignetta by osho

Le sorprese più grandi sono arrivate in politica estera. Prima di diventare primo ministro, la Meloni sembrava essere un'altra delle compagne di estrema destra del presidente russo Vladimir Putin: si è opposta alle sanzioni contro Mosca dopo l'annessione illegale della Crimea nel 2014 e nel 2018 si è congratulata con Putin per la sua "rielezione", dicendo che rappresentava "l'inequivocabile volontà del popolo russo".

 

JOE BIDEN E GIORGIA MELONI JOE BIDEN E GIORGIA MELONI

Nel 2022, poco prima che Putin lanciasse la sua invasione su larga scala dell'Ucraina, Meloni ha dichiarato in un'intervista che l'Italia ha bisogno di "una pace laica con la Russia" e ha accusato il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, la cui amministrazione aveva lanciato avvertimenti urgenti sull'imminente offensiva, di "usare la politica estera per coprire i problemi che ha in casa". Non c'è da stupirsi che l'ascesa al potere della Meloni abbia preoccupato la Casa Bianca.

 

giorgia meloni volodymyr zelensky giorgia meloni volodymyr zelensky

Eppure questi timori non si sono realizzati. La Meloni, il camaleonte politico per eccellenza, si è reinventata come una dura sostenitrice della Russia. Poco dopo l'invasione su larga scala, ha denunciato "l'inaccettabile atto di guerra su larga scala della Russia di Putin contro l'Ucraina", per poi recarsi a Kiev all'inizio di quest'anno in segno di solidarietà. A maggio, in occasione del vertice del G7 in Giappone, la Meloni ha piacevolmente sorpreso i funzionari statunitensi per il suo desiderio di costruire una forte relazione con Biden; due mesi dopo, ha visitato la Casa Bianca, dove ha ricevuto un trattamento VIP completo.

 

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

La trasformazione della Meloni in falco della sicurezza è stata completa quando ha deciso di ritirare l'Italia dalla Belt and Road Initiative cinese, dopo che il Paese era diventato l'unica nazione del G7 ad aderire al controverso programma nel 2019. Con l'Italia destinata ad assumere la presidenza del G7 a gennaio, l'inversione di rotta della Meloni ha suscitato sollievo da entrambe le sponde dell'Atlantico.

 

Tuttavia, non è andato tutto liscio come l'olio: All'inizio dell'anno, la 46enne ha subito un notevole imbarazzo dopo essere stata registrata mentre diceva a due burloni russi che si fingevano funzionari dell'Unione Africana che i leader europei sono "stanchi" della guerra in Ucraina. Detto questo, la Meloni non è certo il primo politico di alto profilo ad essere caduto nel tranello: Anche l'ex cancelliere tedesco Angela Merkel e l'ex primo ministro britannico Boris Johnson sono stati ingannati.

meme sullo scherzo telefonico dei comici russi vladimir kuznetsov e aleksej staljerov a giorgia meloni 3 meme sullo scherzo telefonico dei comici russi vladimir kuznetsov e aleksej staljerov a giorgia meloni 3

 

Il prossimo anno elettorale sarà cruciale per Meloni, che è anche presidente dei Conservatori e Riformisti a livello europeo, una famiglia politica che comprende il partito nazionalista polacco Diritto e Giustizia e i Democratici di Svezia di estrema destra. Con gli elettori di tutta l'UE che si recheranno alle urne a giugno e con Fratelli d'Italia della Meloni che sembra più forte che mai, non è un segreto che il Partito Popolare Europeo di centro-destra abbia corteggiato il leader italiano, forse con l'obiettivo di un pareggio post-elettorale che potrebbe ridisegnare il panorama politico europeo.

giorgia meloni al senato giorgia meloni al senato

lotta continua meme su giorgia meloni e matteo salvini by edoardo baraldi lotta continua meme su giorgia meloni e matteo salvini by edoardo baraldi LA DRAGHETTA - BY EMAN RUS LA DRAGHETTA - BY EMAN RUS MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI - MEME BY IL GRANDE FLAGELLO MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI - MEME BY IL GRANDE FLAGELLO matteo salvini e giorgia meloni matteo salvini e giorgia meloni

MEGLIO FIGLI UNICI CHE FRATELLI DITALIA - MEME MEGLIO FIGLI UNICI CHE FRATELLI DITALIA - MEME

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP