MELONI E SCHLEIN SI SPARTISCONO L’ITALIA – FRATELLI D’ITALIA È IL PRIMO PARTITO IN QUATTRO CIRCOSCRIZIONI SU CINQUE: NELL’ITALIA MERIDIONALE, A SORPRESA, VINCE IL PD (M5S NON PERVENUTO) – I DEM TENGONO NELLE REGIONI ROSSE, TOSCANA ED EMILIA E VOLANO IN CAMPANIA E PUGLIA, TERRE DEI CACICCHI DE LUCA E DECARO-EMILIANO – FDI SFONDA NELLE EX ROCCAFORTI LEGHISTE LOMBARDIA E VENETO – NELLE CITTÀ PIÙ GRANDI, LA MELONA VINCE SOLO A ROMA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Paolo Decrestina per www.corriere.it

 

GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN - MEME BY EDOARDO BARALDI GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN - MEME BY EDOARDO BARALDI

Partiamo dal grande e arriviamo al dettaglio. Se si considerano le 5 circoscrizioni, Fratelli d’Italia è il primo partito in quattro: Nord-Ovest, Nord-Est, Centro e Isole. Davanti a tutti al Sud il Partito Democratico. Quando mancano ancora delle sezioni da scrutinare (a Roma), nel duello  tra Meloni e Schlein, si registra il grande risultato del partito della premier in particolare al centro e al Nord-Est, dove raggiunge picchi di preferenze ben al di sopra della soglia del 40%.

 

Nello specifico, FdI è a quota 31,9 nel Nordest (secondo il Pd staccato di oltre 6 punti), è a quota 30,9 nel Nord- Ovest (il Pd è fermo a quota 23%), raggiunge il 31,2 nel centro (Pd a 26,5). Più aperta la partita anche se sempre in vantaggio i meloniani nelle isole: FdI 21,25% e seconda questa volta Forza Italia, (che proprio in Sicilia registra una performance eccezionale).

 

GIORGIA SULLE SCHEDE ELETTORALI DELLE EUROPEE GIORGIA SULLE SCHEDE ELETTORALI DELLE EUROPEE

Come detto il partito di Elly Schlein è in testa nella circoscrizione del Sud, dove tocca quota 24,3 per cento, davanti a FdI che si attesta a quota 23,5. Se in tutto questo andiamo invece a vedere il raffronto con le scorse Europee, si rileva che Fratelli d’Italia ha conquistato tutte le aree che erano leghiste. Mentre il Pd strappa il Sud al Movimento 5 Stelle, che deve passare la mano a FdI anche nelle Isole.

 

Il partito della premier conferma un radicamento più forte nel Centro-Nord, con il risultato massimo a Viterbo (42,5%). Da registrare anche picchi nel Triveneto: Pordenone, Rovigo, Vicenza, Verona, Padova, Treviso, Belluno tutte sopra il 36%. Se poi si paragonano i risultati con le precedenti Politiche di neanche due anni fa, si vede l’evoluzione di un quadro già stabile: FdI andava fortissimo nel Lazio e nel Veneto ma in nessuna provincia il partito di Giorgia Meloni aveva raggiunto il 40%.

 

SPARTIZIONE REGIONI ITALIANE ALLE EUROPEE TRA FDI E PD SPARTIZIONE REGIONI ITALIANE ALLE EUROPEE TRA FDI E PD

[…] analizziamo i dati dei partiti regione per regione e partiamo dal Nord-Ovest. In Valle d’Aosta davanti FdI con il 24,3, seguito dal Pd al 19,9. In Liguria invece, investita dalla maxi inchiesta sul porto di Genova, c’è un sostanziale pareggio: 26% per Meloni e Schlein. Interessante il dato lombardo, con FdI primo partito al 31% in quella che era una regione a forte trazione leghista […]. Il partito di Salvini è terzo a quota 13%, mentre il Pd è secondo al 22%. In Piemonte, infine, là dove si è votato anche per le Regionali, FdI è al 30,4 e il Pd sfiora il 23%.

 

Passiamo ora al Nord-Est: il Veneto come detto è targato Meloni. FdI è al 37,5% e stacca nettamente la Lega, un tempo padrona della regione zaiana. Salvini si ferma a quota 13%, sorpassato anche dal Pd, che raggiunge quota 18,8%. In Trentino l’Svp è davanti a FdI e Pd (rispettivamente al 19 e al 15%). In Friuli Venezia-Giulia,  FdI al 33,9 e Pd al 20,9 mentre si ribalta la situazione in Emilia-Romagna, da sempre a trazione rossa ma dal risultato non più così scontato da diversi anni. Nella regione amministrata da Bonaccini il Pd è primo con il 36,1 %, FdI si ferma al 28%.

 

GIORGIA MELONI VS ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI VS ELLY SCHLEIN

Scorriamo il Paese e arriviamo al centro: la Toscana, così come l’Emilia-Romagna si conferma roccaforte del centrosinistra. Il Pd infatti è oltre il 31%, con FdI fermo al 27,4. Meloniani però davanti in tutte le altre Regioni della circoscrizione: nel Lazio è al 33,9% (Pd 21,8), nelle Marche è al 32,9% (Pd 25,5) e in Umbria è al 32,6% (Pd al 26,3).

 

Nella circoscrizione del Sud il Pd è il primo partito, dicevamo, vediamo il dettaglio delle regioni: l’Abruzzo conferma il dato delle recenti regionali: FdI primo con il 33,3%, staccando il Pd di 10 punti. Meloniani avanti anche in Basilicata (25,5% contro il 23,1 dei democratici). Da registrare l’exploit di Azione (al 9,2) per l’effetto Pittella.

 

AVS AL 40 PER CENTO TRA I FUORI SEDE AVS AL 40 PER CENTO TRA I FUORI SEDE

In Calabria ancora FdI davanti con il 20,5, ma in questo caso il podio non vede il partito di Schlein. Seconda infatti c’è Forza Italia, partito del governatore Occhiuto, con il 17,9%, seguito al terzo posto dal M5S a quota 16%. E’ in Campania che il campo progressista raccoglie la migliore performance: con il Pd primo a quota 22,2%, secondo il M5S al 20,2% e solo terzo FdI (19,4). Anche in Puglia il Pd guida il gruppo con il 33,5%, secondo FdI con il 26,9% e terzo il M5S fermo al 14,1. C’è infine il Molise, che vede primo FdI con il 26,7%, seguito dal Pd al 17,9. Buona qui la prova della Lega per l’effetto Patriciello (terza con il 17,1% e primo partito nella provincia di Isernia).

 

Infine le isole: qui la parte del leone la fa il centrodestra: in Sicilia il primo partito è quello di Tajani. Forza Italia infatti guida il gruppo con il 23,7%, seguito da FdI al 20,1 e dal M5S, che […]si ferma al 16%. In Sardegna, infine, i meloniani sono in testa con 24,7% con dietro il Pd al 24,1. 

 

schlein conte schlein conte

Dalle circoscrizioni, alle Regioni: ora le città. […]A Milano città vince il centrosinistra: il Pd è il primo partito con 31,3%, staccato di quasi 10 punti Fratelli d’Italia. Terzo Avs a quota 10,5. A Torino anche vice il Pd: i democratici si attestano al 29,8%, secondo FdI al 22%. A Roma (quando mancano ancora diverse sezioni da scrutinare) il primo partito è Fratelli d’Italia con il 29%. Secondo il Pd al 27,5% e terzo Avs a circa l’11%. A Napoli invece è testa a testa Pd-M5S con i democratici che vincono di poco: sono al 26,6%, a fronte del 26,5 dei contiani. Infine Palermo: qui vincono i pentastellati che toccano quota 22%. Seconda FI con il 19,5%.

ELLY SCHLEIN - GIUSEPPE CONTE - MEME BY EDOARDO BARALDI ELLY SCHLEIN - GIUSEPPE CONTE - MEME BY EDOARDO BARALDI ELLY SCHLEIN - GIUSEPPE CONTE - MEME BY USBERGO ELLY SCHLEIN - GIUSEPPE CONTE - MEME BY USBERGO

SCRUTINIO ELEZIONI EUROPEE. SCRUTINIO ELEZIONI EUROPEE. SCHLEIN MELONI SCHLEIN MELONI SANTA GIORGIA MURALE BY ALEXSANDRO PALOMBO SULLA MELONI DOPO LE EUROPEE SANTA GIORGIA MURALE BY ALEXSANDRO PALOMBO SULLA MELONI DOPO LE EUROPEE URSULA VON DER LEYEN DOPO LE ELEZIONI EUROPEE URSULA VON DER LEYEN DOPO LE ELEZIONI EUROPEE matteo renzi carlo calenda - meme by osho matteo renzi carlo calenda - meme by osho tweet elezioni europee 2024 1 tweet elezioni europee 2024 1 PD PRIMO TRA GLI ITALIANI ALL ESTERO PD PRIMO TRA GLI ITALIANI ALL ESTERO elezioni europee elezioni europee elezioni europee elezioni europee matteo reni - elezioni europee - vignetta by vukic matteo reni - elezioni europee - vignetta by vukic brigitte macron con emmanuel - meme by osho brigitte macron con emmanuel - meme by osho tweet elezioni europee 2024 8 tweet elezioni europee 2024 8 tweet elezioni europee 2024 9 tweet elezioni europee 2024 9 tweet elezioni europee 2024 2 tweet elezioni europee 2024 2 tweet elezioni europee 2024 3 tweet elezioni europee 2024 3 tweet elezioni europee 2024 5 tweet elezioni europee 2024 5 BRUNO VESPA INCAZZATO PER IL MANCATO DUELLO MELONI SCHLEIN BRUNO VESPA INCAZZATO PER IL MANCATO DUELLO MELONI SCHLEIN DUELLO TV - IL GIORNALONE - LA STAMPA DUELLO TV - IL GIORNALONE - LA STAMPA matteo renzi - carlo calenda - meme by osho matteo renzi - carlo calenda - meme by osho MEME SULLA SCONFITTA DI MATTEO RENZI ALLE EUROPEE - 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA MEME SULLA SCONFITTA DI MATTEO RENZI ALLE EUROPEE - 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN GIORGIA MELONI - ELLY SCHLEIN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA