LA MELONI SI ALLENA. PER SCAPPARE? - PER SCARICARE TENSIONI E VELENI DELLA CAMPAGNA ELETTORALE LA "DUCETTA" VA A CORRERE CON LO STESSO PERSONAL TRAINER DI ILARY BLASI (VIDEO) - NONOSTANTE TUTTI GLI ABBIANO DETTO CHE NON SI PUÒ FARE, IL COGNATO DELLA MELONI FRANCESCO LOLLOBRIGIDA INSISTE: “IL PNRR SI PUÒ MODIFICARE" - MA A BRUXELLES DA QUELL'ORECCHIO NON CI SENTONO -  VIDEO

-

Condividi questo articolo


giorgia meloni va a correre 3 giorgia meloni va a correre 3

Per la manovra «bisognerà raccordarsi e confrontarsi fin da subito con l’attuale governo. Non si potrà fare tutto, ma bisognerà dare dei segnali puntuali rispetto alla realizzazione del programma della coalizione». Lo dice in un’intervista a La Stampa Francesco Lollobrigida, capogruppo di FdI alla Camera.

 

«Prima c’è da capire che disponibilità di cassa c’è in Italia. Ci sono questioni emergenziali e contingenti, come la vicenda energetica che richiede un impegno immediato a salvaguardia delle aziende e delle imprese che non ce la fanno a sopravvivere. Poi ci sono da diminuire i costi del lavoro». Già nelle prossime ore «cercheremo di avere maggiori informazioni con un leale confronto con chi governa la nazione».

giorgia meloni va a correre 2 giorgia meloni va a correre 2

 

Il Pnrr «nasce da una crisi economica post-pandemica, con un preciso disegno, mutato con la crisi russo-ucraina. Guardare alle nuove criticità emerse, le politiche agroalimentari ed energetiche, vuol dire valutare insieme alla Commissione Ue quali possono essere le modifiche per spendere bene le risorse». Ad esempio «un aumento delle risorse per le politiche energetiche sarebbe una cosa utile e imprescindibile».

 

FRANCESCO LOLLOBRIGIDA FRANCESCO LOLLOBRIGIDA

Con le opposizioni «auspichiamo un confronto simile a quello che abbiamo avuto noi con tutti i governi e in particolare con Draghi». Le singole forze politiche del centrodestra «agiranno insieme per realizzare il programma e ognuna tenterà di essere da stimolo alle altre per fare il meglio». Rispetto al presidenzialismo «con un processo ampiamente condiviso potrebbe essere un percorso brevissimo. Senza dubbio si può fare entro cinque anni». Oggi il Pd «scopre la Costituzione intoccabile - osserva - mentre io credo lo sia nei principi, ma che vada rivista e riorganizzata».

giorgia meloni va a correre 1 giorgia meloni va a correre 1 giorgia meloni francesco lollobrigida francesco de luca foto di bacco giorgia meloni francesco lollobrigida francesco de luca foto di bacco

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! – IL “BORIS GODUNOV” ALLA SCALA HA “SCONGELATO” IL RAPPORTO BRUXELLES-ROMA: FONDAMENTALE L’INCONTRO TRA VON DER LEYEN E MATTARELLA, NEL QUALE I DUE HANNO PARLATO A LUNGO DEL PNRR - ENTRO DOMANI SARÀ COMUNICATO IL NUOVO ACCORDO SULLA SOGLIA MINIMA PER I PAGAMENTI CON IL POS. L’EUROPA GRADIREBBE CHE IL LIMITE NON SUPERI DIECI EURO, MENTRE IL GOVERNO, COME NOTO, LO VUOLE ALZARE A 60. SI ANDRÀ A UNA MEDIAZIONE E SI TROVERÀ UN COMPROMESSO. NESSUNA INTESA INVECE (PER IL MOMENTO) SUL TETTO AL CONTANTE…

LAZIO, CHE STRAZIO – GIORGIA MELONI NON HA ANCORA DECISO CHI SARÀ IL CANDIDATO GOVERNATORE NELLA SUA REGIONE. IL TEMPO STRINGE: SI VOTA A FEBBRAIO E I “FRATELLI D’ITALIA” SONO SPACCATI SUL NOME DI FABIO RAMPELLI, DETTO “AEROPLANINO”. LA DUCETTA VORREBBE IMPORLO, MA QUELLO DEL VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA, SEPPUR AUTOREVOLE E CONOSCIUTO A ROMA, È UN NOME NON AMATISSIMO (EUFEMISMO) TRA I SUOI – LA SCORSA SETTIMANA “IO SO’ GIORGIA” HA DETTO: “FABIO È IL PIÙ CONOSCIUTO”. E QUALCHE MALIGNO HA AGGIUNTO: “È CONOSCIUTO ANCHE PER LE CATTIVERIE…” - E ALEGGIA LO SPETTRO MICHETTI