MELONI PER TUTTI! - "GIORGIA MELONI È AVANTI IN TUTTI I SEGMENTI SOCIALI" - L’ANALISI DEI FLUSSI ELETTORALI DI IPSOS: FDI PIACE AI PIÙ RICCHI MA ANCHE AI PIÙ POVERI, A CHI È PIÙ ISTRUITO MA ANCHE A CHI LO È MENO - LA SINISTRA ORAMAI NON BECCA PIÙ UN VOTO DAGLI OPERAI - LO ZOCCOLO DURO DELLA LEGA (PICCOLI E MEDI IMPREDITORI) NON SI FIDA PIÙ DI SALVINI E SI BUTTA SULLA DUCETTA - SORPRESA: I DISOCCUPATI VOTANO M5S! I GRILLINI PIACCIONO MOLTO ANCHE AI GIOVANI

-

Condividi questo articolo


Claudio Bozza per il "Corriere della Sera"

 

FLUSSI ELETTORALI IPSOS FLUSSI ELETTORALI IPSOS

«Queste elezioni, ancora più delle precedenti, hanno evidenziato come siano venuti meno i tradizionali gruppi di riferimento di ciascun partito». Nando Pagnoncelli, numero uno di Ipsos, ha sotto gli occhi una dettagliata fotografia con l'identikit degli elettori di ciascuna forza politica. E il primo dato sottolineato dal sondaggista è come Fratelli d'Italia, conquistando quasi 6 milioni di consensi in più rispetto al 2018, «sia diventato il partito più votato dagli operai (34,6%). A ruota, tra le tute blu, ci sono poi il M5S (16,4%) e la Lega (13,4%), mentre solo al quarto posto c'è il Pd, che sarebbe l'erede storico della sinistra».

CONFRONTO ELEZIONI IPSOS CONFRONTO ELEZIONI IPSOS

 

Tra i disoccupati la forza più votata è il Movimento, che pur avendo perso 6,4 milioni di voti rispetto alle precedenti Politiche ha conquistato il 15,6% grazie alla martellante campagna del leader Giuseppe Conte, che negli ultimi 15 giorni ha fatto 25 tappe al Sud, concentrandosi sul sostegno con reddito di cittadinanza e salario minimo.

GIORGIA MELONI DOPO I RISULTATI ELETTORALI GIORGIA MELONI DOPO I RISULTATI ELETTORALI

 

Analizzando il crollo della Lega (circa 3,2 milioni persi), il dato più interessante che emerge è il drastico ridimensionamento dei voti raccolti tra commercianti e artigiani (solo il 4,7%), finora zoccolo duro del Carroccio. Un capitale enorme, quest'ultimo, passato quasi in blocco a Meloni, che incassa appunto il favore più alto tra i commercianti: 30,2%.

 

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

FdI è il partito più votato da chi ha redditi medi e bassi, ma anche dal ceto più ricco (23,4%): «Fino a poche settimane fa questo primato era del Pd - osserva Pagnoncelli -, poi c'è stato l'effetto novità di Meloni a fare da traino. Si tratta dell'effetto più rilevante degli ultimi anni, da Renzi a Salvini passando per Di Maio, che ha innescato grandi exploit e crolli abbastanza rapidi. Meloni, in questa rilevazione, è avanti in tutti i segmenti sociali», anche in quello di imprenditori e manager.

Sul fronte socioculturale sorprende poi un'altra novità: FdI è la forza più votata da impiegati e insegnanti, da sempre roccaforte dem (quota scesa al 21%).

 

MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

Altro dato interessante riguarda gli elettori tra i 18 e i 34 anni: i due partiti più votati sono M5S (20,9%) e Pd (18,7%). «I Cinque stelle vanno forte tra i giovani, tra i quali va considerato come la prospettiva occupazionale rappresenti un miraggio - spiega ancora Pagnoncelli -. Perciò una forza che mette al centro del programma "reddito" e salario minimo diventa molto attrattiva». Rilevante, però, è il fatto che i ragazzi rappresentino anche la fetta più ampia (42,7%) di chi non è andato a votare alla tornata con l'affleunza più bassa della storia: 63,8%. Sempre sul fronte anagrafico, FdI incassa il primato dell'elettorato over 65 (28,2%), seguito a ruota da Pd (25,2%) e Lega (9,2%).

MATTEO SALVINI AL SEGGIO ELETTORALE MATTEO SALVINI AL SEGGIO ELETTORALE

 

Meloni potrebbe essere la prima premier donna della Repubblica, ma il voto femminile per FdI (24,2%), seppur di poco, è rimasto inferiore a quello maschile 27,8%, per il fatto che metà dell'elettorato in ingresso arriva dalla Lega, che tradizionalmente vanta più uomini. Per quanto riguarda il livello di istruzione, il partito più votato dai laureati si conferma il Pd (24,8%), seguito da Fratelli d'Italia, che però riceve il maggior numero di consensi anche da chi ha livelli di scolarità minimi (29%). Riguardo la joint venture tra Azione e Italia viva, Pagnoncelli rileva: «Analizzando i flussi elettorali, emerge chiaramente come questa forza abbia pescato più nel centrosinistra.

 

ENRICO letta piazza del popolo ENRICO letta piazza del popolo

Qualche voto al centrodestra è stato sottratto, ma senza danneggiarlo in maniera rilevante. Il Terzo polo è stato un po' quello che fu Scelta civica: elettorato più istruito e buon appeal tra giovani e ceti più dinamici. In realtà Azione e Italia viva non sono riusciti a sfondare perché avrebbero avuto bisogno di una campagna più lunga per farsi conoscere». Mentre Forza Italia, pur avendo perso 2,3 milioni di voti rispetto al 2018, ha resistito con discreto successo proprio all'assalto del tandem Calenda-Renzi: «Perché all'interno del centrodestra è considerata la forza più moderata e in grado di bilanciare le posizioni più estreme, specie per garantire un buon rapporto con l'Europa».

giuseppe conte chiusura campagna elettorale m5s 9 giuseppe conte chiusura campagna elettorale m5s 9 ENRICO letta piazza del popolo ENRICO letta piazza del popolo GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE

 

Condividi questo articolo

politica

“I BARBARI HANNO ESPUGNATO IL TEMPIO E SI CAPISCE CHE INTENDONO RESTARCI” – LA CRONACA DELLA PRIMA “PRIMA” ALLA SCALA DELLA DESTRA AL POTERE, BY ALBERTO MATTIOLI: “IN PLATEA, LA GIÀ DEPRECATA ÉLITE DELLA ZTL NON SEMBRA OSTILE: UN'EDUCATA INDIFFERENZA MAGARI INCURIOSITA MA NON NEGATIVA, MENTRE GLI APPLAUSI SONO TUTTI PER SERGIO MATTARELLA” – “NELLA TONNARA DEL FOYER, SEMBRANO TUTTI SODDISFATTISSIMI. VIENE IN MENTE LEONE X MEDICI, CHE DIVENTÒ PAPA DICENDO: ‘DIO CI HA DATO IL PONTIFICATO, GODIAMOCELO’” – “E DIRE CHE C'ERA STATO UN MOMENTO DI PANICO QUANDO SI È SCOPERTO CHE IL RUBINETTO DELLA TOILETTE PRESIDENZIALE NON FUNZIONAVA…”

“MEYER DICE CHE FACCIO PENA? VUOL DIRE CHE È MALEDUCATO” – VITTORIO SGARBI A “LA ZANZARA” REPLICA AL SOVRINTENDENTE DELLA SCALA: “I MANDATI FINISCONO, NON SONO ETERNI. MEYER DECADRÀ E IO SPERO CHE CI VADA UN ITALIANO” – “ALLA PRIMA MI SEMBRAVA MEGLIO NON ANDARE. MI HA INVITATO FONTANA, MA L’ANTIPATIA DI SALA È TALE CHE NON PUOI ANDARCI OSPITE DELLA REGIONE. POI HANNO RAGIONE I SINDACATI NON PUOI SPENDERE DUE MILIONI DI EURO DI REGIA E DARE MENO SOLDI ALLE MAESTRANZE” – “SAN SIRO? FIN A QUANDO CI SARÒ IO NON SARÀ MAI ABBATTUTO. CINESI E AMERICANI VOGLIONO SOLO SPECULARE”

“CON I TAVOLI NON SI PAGANO LE BOLLETTE E NON SI MANGIA” – GIORGIA MELONI NON È RIUSCITA A CONVINCERE CGIL E UIL: I DUE SINDACATI ESCONO INSODDISFATTI DALL’INCONTRO CON LA PREMIER E SI PREPARANO A UN’ONDATA DI SCIOPERI. LA CISL INVECE SI SMARCA E RILANCIA LA POSSIBILITÀ DI UN NUOVO CONFRONTO – LA RISPOSTA DELLA DUCETTA ALLE RIVENDICAZIONI DI LANDINI E BOMBARDIERI: “SPETTA AL GOVERNO LA RESPONSABILITÀ DI FARE LE SCELTE E SE METTESSIMO IN FILA TUTTE LE RICHIESTE NON CI SAREBBERO MAI LE RISORSE PER FARE TUTTO…”