LA MEMORIA, QUESTA SCONOSCIUTA! - PAOLO CIRINO POMICINO A DAGOSPIA: “LA STRAGE DI CAPACI QUEST’ANNO E’ STATA RICORDATA NELL’AULA BUNKER DI PALERMO CHE VIDE FALCONE E BORSELLINO PORTARE ALLA SBARRA DECINE DI MAFIOSI. MA NESSUNO HA RICORDATO CHE QUEI MAFIOSI FURONO PROCESSATI E CONDANNATI SOLO GRAZIE AD UN DECRETO LEGGE, FIRMATO DA ANDREOTTI E VASSALLI NEL SETTEMBRE DEL 1989, CHE RADDOPPIÒ IL TEMPO DELLA CARCERAZIONE PREVENTIVA PER GLI IMPUTATI DI MAFIA EVITANDO, COSÌ, LA SCARCERAZIONE, PER DECORRENZA DEI TERMINI. E L’INTERA SINISTRA, A COMINCIARE DAL PCI, VOTÒ CONTRO QUEL DECRETO SOSTENENDO CHE…”

-

Condividi questo articolo


PAOLO CIRINO POMICINO PAOLO CIRINO POMICINO

Paolo Cirino Pomicino per Dagospia

 

Per la nostra Repubblica maggio è un mese di tragici ricordi, l’uccisione di Aldo Moro e la strage di Capaci che mise fine alla vita di Giovanni Falcone, di sua moglie Francesca Morvillo e di gran parte della sua scorta. Questi tragici avvenimenti vengono ogni anno ricordati ma spesso, come quest’anno, con grandi e gravi buchi della memoria. Dimenticanze che offendono la Repubblica e i tanti che hanno perso la vita per servirla.

 

La strage di Capaci quest’anno e’ stata ricordata nell’aula bunker di Palermo che vide Falcone e Borsellino portare alla sbarra decine e decine di capi mafiosi, pezzi da novanta che si sentivano intoccabili e che invece furono condannati o all’ergastolo o a decine di anni di carcere duro.

 

PAOLO CIRINO POMICINO GIULIO ANDREOTTI PAOLO CIRINO POMICINO GIULIO ANDREOTTI

Era presente anche il Capo dello Stato Sergio Mattarella. Nessuno, però ha ricordato che quei mafiosi furono processati e condannati in stato di detenzione solo grazie ad un decreto legge, quello firmato da Andreotti e Vassalli nel settembre del 1989, che raddoppiò il tempo della carcerazione preventiva per gli imputati di mafia evitando, così, la scarcerazione, per decorrenza dei termini, di quei boss che, una volta usciti, sarebbero diventati uccel di bosco.

 

giovanni falcone paolo borsellino giovanni falcone paolo borsellino

Quel decreto legge fu ritenuto da molti un vero e proprio mandato di cattura e sfiorò la incostituzionalità creando qualche  perplessità anche in Francesco Cossiga all’epoca presidente della Repubblica. La posta in gioco era troppo alta per la sicurezza della Repubblica e ci volle l’esperienza ed il coraggio di quel governo e di quella coalizione per poterlo varare.

 

Sergio Mattarella lo ricorda benissimo perché era ministro della pubblica istruzione di quel governo e Andreotti, prima di approvarlo , volle sentire riservatamente il parere dei due ministri siciliani, Calogero Mannino e lo stesso Mattarella, che spinsero con determinazione a che quel decreto fosse subito varato.

 

PAOLO CIRINO POMICINO GIULIO ANDREOTTI PAOLO CIRINO POMICINO GIULIO ANDREOTTI

Oggi Mattarella è l’amato presidente di tutti gli italiani e mai avrebbe ricordato qualcosa che all’epoca divise gli italiani perché l’intera sinistra a cominciare dal PCI votò contro quel decreto sostenendo che i mafiosi “potevano essere controllati anche fuori dalle carceri”(sic)!!

 

 Anche il ricordo di Aldo Moro nell’aula di Montecitorio insieme a quello di tutte le vittime del terrorismo non è stato accompagnato dalla memoria del governo monocolore della DC con la quale nessuno voleva governare in quegli anni, ma tutti vollero che quel partito governasse da solo perché era per tutti la garanzia repubblicana. Ecco quel che oggi manca al paese. Un partito perno dell’intero sistema politico e con esso la memoria di ciò che è stato e che il potere di turno tenta di far dimenticare. Un grande inganno per una democrazia in affanno! 

la cella di tommaso buscetta nell'aula bunker del carcere ucciardone di palermo la cella di tommaso buscetta nell'aula bunker del carcere ucciardone di palermo Sergio Mattarella alla commemorazione a Palermo 2 Sergio Mattarella alla commemorazione a Palermo 2 Sergio Mattarella alla commemorazione a Palermo Sergio Mattarella alla commemorazione a Palermo Sergio Mattarella alla commemorazione a Palermo Sergio Mattarella alla commemorazione a Palermo PAOLO CIRINO POMICINO PAOLO CIRINO POMICINO

 

Condividi questo articolo

politica

TRA I VOLTAGABBANA DEI NOSTRI TEMPI C’E’ ANCHE MASSIMO CACCIARI – OSPITE DI “OTTO E MEZZO”, DOPO I NUMEROSI ATTACCHI AL GOVERNO DRAGHI (ACCUSATO DI ESSERE IL GOVERNO SERVO DEGLI AMERICANI, DEL PENSIERO UNICO, FEROCE OPPRESSORE DELLE NOSTRE LIBERTÀ CON IL GREEN PASS), IL FILOSOFO SI E’ ILLUMINATO ALL’IMPROVVISO: “SENZA DRAGHI NOI NON STAREMMO MEGLIO, STAREMMO 10 MILIARDI DI VOLTE PEGGIO. SENZA DI LUI, L’EUROPA NON CI AVREBBE DATO I SOLDINI E BENE O MALE CI STA PARANDO DALLE VARIE EMERGENZE, PRIMA LA PANDEMIA E POI LA GUERRA” – CHISSA’ SE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DI CACCIARI SI DEVE ALLA DEFLAGRAZIONE DEL M5S A CUI HA TIRATO LA VOLATA NEGLI ULTIMI ANNI…

GRILLO CANCELLA CANCELLERI – IL SOTTOSEGRETARIO GRILLINO NON SARÀ CANDIDATO ALLE PRIMARIE IN SICILIA: IL TEMPO STA PER SCADERE E SENZA DEROGA AL LIMITE AI DUE MANDATI, NON PUÒ SCENDERE IN CAMPO. BEPPE-MAO NON HA INTENZIONE DI CEDERE E LE TRATTATIVE VANNO A OLTRANZA, MA ORMAI LO STESSO CANCELLERI HA CAPITO CHE DOVRÀ FARE PIPPA – L’ELEVATO HA LA MEMORIA LUNGA: “LO CONOSCIAMO, IN PASSATO MI HA ATTACCATO PIÙ VOLTE E IO LO AVEVO ACCOLTO COME UN FIGLIO. DELLA SUA RICANDIDATURA NON SE NE PARLA”

ALTRO CHE MALATTIA: IL VIAGGIO DI BERGOGLIO IN AFRICA È SALTATO PERCHÉ TROPPO PERICOLOSO! – FILIPPO DI GIACOMO: “QUANDO IL PONTEFICE PROGRAMMA UN VIAGGIO, PRIMA CHE LA NOTIZIA VENGA RESA PUBBLICA, I LUOGHI DA VISITARE VENGONO ISPEZIONATI DA UNA COMMISSIONE CHE INCLUDE ANCHE ESPERTI DELLA SICUREZZA. COSA HANNO VISTO DURANTE I LORO SOPRALLUOGHI? IL VIAGGIO, ANNUNCIATO A FINE MARZO E UFFICIALIZZATO A FINE MAGGIO, È STATO SEMPRE ACCOMPAGNATO DALLE NOTIZIE SULLA RIPRESA DELLE OSTILITÀ NELLA REGIONE. POI, SONO ARRIVATI I DOLORI ALLA GAMBA DEL PONTEFICE E LA REALTÀ HA RIAVUTO VOCE...”

POSTA! - CARO DAGO, IL CROLLO DEI VOTI A FAVORE DEI 5 STELLE È L'OVVIA CONSEGUENZA PER QUANTO DIMOSTRATO POLITICAMENTE (NULLA) IN QUESTI ANNI DALL'AVVENTO AL POTERE. LA COSA PREOCCUPANTE È CHE ESSENDO, IL MOVIMENTO, L'ESPRESSIONE DEL CITTADINO COMUNE VUOL DIRE CHE MEDIAMENTE SAPPIAMO TANTO PARLARE MA NULLA FARE. SAI CHE ALLEGRIA! - LA PRESIDENTE DELLA BCE, CHRISTINE LAGARDE: "NON CREDO CHE TORNEREMO A UNA SITUAZIONE DI BASSA INFLAZIONE". È LA STESSA SIGNORA CHE NEL 2021 DICEVA "INFLAZIONE TRANSITORIA, SCENDERÀ NEL 2022"?