MI SI VOTA DI PIÙ SE PARLO E ME NE STO IN DISPARTE O SE NON PARLO PER NIENTE? - FRA TATTICA E SCARAMANZIA, C’È UNA PATTUGLIA DI SEI IRRINTRACCIABILI E SILENZIOSI CANDIDATI AL QUIRINALE CHE SONO TERRORIZZATI DI BRUCIARSI LE CHANCE, E QUINDI SI NASCONDONO DAI GIORNALISTI -  CASINI, AMATO, FRATTINI, MORATTI, CASELLATI E CARTABIA: SANNO CHE, DOPO IL PASSO INDIETRO DI BERLUSCONI, DA ADESSO IN POI IN QUALSIASI MOMENTO POSSONO VERIFICARSI INCASTRI IMPENSABILI…

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Roncone per il “Corriere della Sera

 

pier ferdinando casini pier ferdinando casini

Per prudenza. Per tattica. Per bruciante scaramanzia. Quei sei, tacciono. Sanno che sulla salita al Quirinale incombe l'identico sortilegio che, da secoli, condiziona la salita al soglio di Pietro: chi entra in Conclave candidato da Papa, esce di certo vestito da cardinale.

 

pier ferdinando casini pier ferdinando casini

L'altro pomeriggio, sotto la luce giallognola dei lampioni, sotto una pioggerella fitta, nella deserta via degli Staderari ecco che viene avanti Pier Ferdinando Casini. Muro muro. Lo sguardo sulle punte delle Church's. Un cronista lo riconosce, lo chiama: «Senatore!». Ma Casini, niente. S’ingobbisce, e allunga il passo.

 

GIULIANO AMATO GIULIANO AMATO

«Senatore! Senatore!». Allora l'ex presidente della Camera - nato forlaniano, un passato forte nel berlusconismo, ma poi l'ultima volta eletto con i voti del Pd - rallenta di botto, si gira con l'aria di dire: «Scusi, Casini chi? Io non sono Casini, non conosco nessun Casini», ma in realtà resta a labbra serrate e subito riprende a camminare, imbocca via della Dogana e s'infila in uno di quei misteriosi portoni di Palazzo Madama. Inghiottito nel nulla.

 

franco frattini franco frattini

Lui e Giuliano Amato, Franco Frattini e Letizia Moratti, Maria Elisabetta Casellati e Marta Cartabia: sono ormai da giorni senza parole e, di fatto, irrintracciabili (la ministra Cartabia ha dovuto presenziare all'inaugurazione del nuovo anno giudiziario: ma non ha aggiunto mezza frase a quelle strettamente necessarie, neppure un sospiro che potesse essere frainteso).

 

maria elisabetta alberti casellati maria elisabetta alberti casellati

Più facile farsi invitare a cena da Mina e poi intervistarla, che riuscire a parlare con uno di quei sei candidati al Colle (il settimo è Mario Draghi, ma - come noto - fa corsa a sé). Le proviamo tutte. Uno ha chiamato Amato facendogli comparire - vecchio trucco - «numero privato» sul cellulare.

 

paola severino marta cartabia maria elisabetta alberti casellati quirinale by macondo paola severino marta cartabia maria elisabetta alberti casellati quirinale by macondo

Al terzo tentativo, il dottor Sottile (copyright, Eugenio Scalfari) c'è cascato. «Pronto?». L'unica parola è stata questa. Poi ha riattaccato. Sono tutti personaggi di antica liturgia politica - Amato entrò per la prima volta in Parlamento nel 1983: nei cinema davano «Sapore di sale» dei Vanzina - conoscono esorcismi e dinamiche.

 

LETIZIA MORATTI LETIZIA MORATTI

E sanno che, da adesso in poi, dopo il passo indietro di Berlusconi, in qualsiasi momento possono verificarsi incastri impensabili (per i boomakers la quota di Draghi al Colle era di 1,88: ma stanno rifacendo, velocemente, i calcoli).

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


politica

ORA D’ARIA? ORA D’AMORE! - ANCHE I DETENUTI HANNO BISOGNO DI SCOPARE! IL GOVERNO NON RIMANE INDIFFERENTE E STANZIA 28,3 MILIONI DI EURO PER LE “RELAZIONI AFFETTIVE DEI CARCERATI” (ORA SI CHIAMANO COSÌ). IL FINANZIAMENTO SERVIRÀ PER METTERE UN PREFABBRICATO IN UNA CASA CIRCONDARIALE DI OGNI REGIONE: VENTI “CASETTE DELL’AMORE” DOVE I DETENUTI SARANNO LIBERI DI SFOGARE I PROPRI ISTINTI CON LA PROPRIA CONSORTE O AMANTE (ANCHE OCCASIONALE). INSOMMA, UNA SPECIE DI CASINO LEGALIZZATO…

PURGHE PUTINIANE – “MAD VLAD” È SEMPRE PIÙ INCAZZATO PER GLI SCHIAFFONI CHE STA RIMEDIANDO IN UCRAINA, E HA TROVATO I CAPRI ESPIATORI PERFETTI: I GENERALI! GLI ULTIMI A ESSERE FATTI FUORI SONO SERGEJ KISEL, COMANDANTE DELLE FORZE OCCIDENTALI, ACCUSATO DEL RITIRO DA KHARKIV, CHE SAREBBE STATO DESTITUITO O ADDIRITTURA ARRESTATO, E L’AMMIRAGLIO IGOR OSIPOV, COMANDANTE DELLA FLOTTA DEL MAR NERO E RESPONSABILE DELLA FIGURA DI MERDA DELL’AFFONDAMENTO DELL’INCROCIATORE MOSKVA - IL PROSSIMO SARÀ IL CAPO DI STATO MAGGIORE GERASIMOV?