MINCHIA, CHE CAOS! – IL RITIRO DI MUSUMECI DALLA CORSA ALLE REGIONALI IN SICILIA CAUSA UNO PSICODRAMMA NEL CENTRODESTRA! LA MELONI CONTINUA A DIRE CHE “PA-NELLO” “È IL CANDIDATO MIGLIORE” E ATTACCA LA PRESTIGIACOMO, SU CUI ERA STATO TROVATO L’ACCORDO TRA LEGA E FORZA ITALIA: “NON POSSIAMO SOSTENERE UN CANDIDATO CHE SALIVA SULLA SEA WATCH CON IL PD”. L’ALLEANZA SI SPACCA O RIUSCIRANNO A TROVARE UNA QUADRA?

-

Condividi questo articolo


1 - SICILIA: MELONI, MUSUMECI RIMANE CANDIDATO MIGLIORE

nello musumeci foto di bacco (2) nello musumeci foto di bacco (2)

(ANSA) - "Abbiamo sempre difeso l'unità del centrodestra e continueremo a farlo, anche in Sicilia, dove il candidato migliore per noi rimane Nello Musumeci. Una cosa, però, non ci si può chiedere: sostenere un candidato che saliva sulla Sea Watch con il Pd". Così Giorgia Meloni, sul suo profilo Twitter.

 

2 - SICILIA: MUSUMECI SI RITIRA. FI E LEGA SU PRESTIGIACOMO. MELONI: «NON LA SOSTENIAMO, SALÌ SULLA SEA WATCH»

Ivano Lettere per www.corriere.it

 

«Basta con questo interminabile mercato nero dei nomi. Cercatevi un candidato che risponda alle vostre esigenze. Mi rendo conto di essere un presidente scomodo. Ringrazio di vero cuore Giorgia Meloni e Ignazio La Russa per il convinto e tenace sostegno datomi. Torno a fare il militante». Il governatore siciliano Nello Musumeci affida a Facebook le parole con cui, di fatto, si chiama fuori dalla corsa per le elezioni regionali in programma il 25 settembre .

 

GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI

A caldo arriva il commento di Ignazio La Russa: «Ancora adesso continuo a non capire questo ostracismo verso il miglior candidato possibile per il centrodestra — afferma il senatore di FdI all’AdnKronos — credo che Fratelli d’Italia debba ringraziare Nello Musumeci per quello che ha fatto ed anche per questo gesto di signorilità e lo spirito di coalizione con cui facendosi da parte ha risposto ad una perdurante e ingiustificata aggressione da parte di fuoco amico che tale evidentemente non è». «La coalizione — aggiunge — dovrà ora scegliere un candidato che abbia la fiducia di tutti i partiti del centrodestra, compresi autonomisti e centristi. Evidentemente in tutta questa situazione si è più badato a... meglio non dir nulla...».

 

Gianfranco Micciche Stefania Prestigiacomo Gianfranco Micciche Stefania Prestigiacomo

Con la rinuncia di Musumeci, la coalizione dovrà dunque decidere chi correrà per le elezioni regionali. Ma un accordo, in realtà, è già stato preso. Lega e Forza Italia hanno raggiunto l’intesa sul nome di Stefania Prestigiacomo.

 

L’annuncio è arrivato dal commissario regionale di Forza Italia in Sicilia, Gianfranco Miccichè. «La nostra candidata Stefania Prestigiacomo è la persona migliore per sfidare i mille problemi atavici di questa Regione e per gestire con intelligenza ed equilibrio i rapporti con tutti i partiti dell’alleanza». Il presidente dell’Ars ha inoltre ringraziato la Lega per «la disponibilità mostrata nei confronti di un candidato di Forza Italia alla Presidenza della Regione siciliana, che ci consente di uscire dall’impasse».

nello musumeci si dimette 5 nello musumeci si dimette 5

 

Una scelta, quella della deputata di Forza Italia ed ex ministra, che ha provocato l’immediata reazione di Giorgia Meloni: «Abbiamo sempre difeso l’unità del centrodestra e continueremo a farlo, anche in Sicilia, dove il candidato migliore per noi rimane @Nello_Musumeci», twitta la presidente di FdI. «Una cosa, però, non ci si può chiedere — aggiunge —: sostenere un candidato che saliva sulla Sea Watch con il Pd ».

 

STEFANIA PRESTIGIACOMO SULLA SEA WATCH STEFANIA PRESTIGIACOMO SULLA SEA WATCH

Forti perplessità emergono anche dalla dichiarazione di La Russa, per il quale «risulta incomprensibile perché tra tutti i possibili candidati, Forza Italia voglia indicare proprio l’onorevole Prestigiacomo che, al di là del rispetto dovuto alla persona, dopo la sua presenza con l’onorevole di estrema sinistra Fratoianni sulla Sea Watch nella vicenda dello sbarco dei clandestini che costò l’imputazione a Matteo Salvini, risulta essere sicuramente la meno indicata a rappresentare tutto il centrodestra».

GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI GIORGIA MELONI NELLO MUSUMECI

 

 Il senatore si rivolge poi agli alleati: «Ci devono infine dire se concordano con le farneticanti dichiarazioni di Micciché — scrive — che intima “o Fratelli d’Italia è d’accordo sulla nostra scelta oppure rompiamo la coalizione”, mettendo così veramente a rischio quell’unità del centrodestra a cui Giorgia Meloni e tutto FdI stanno dedicando, anche a livello nazionale, ogni sforzo».

nello musumeci si dimette 4 nello musumeci si dimette 4 STEFANIA PRESTIGIACOMO, NICOLA FRATOIANNI E RICCARDO MAGI IN GOMMONE VERSO LA SEA WATCH STEFANIA PRESTIGIACOMO, NICOLA FRATOIANNI E RICCARDO MAGI IN GOMMONE VERSO LA SEA WATCH nello musumeci maurizio gasparri foto di bacco (2) nello musumeci maurizio gasparri foto di bacco (2)

 

STEFANIA PRESTIGIACOMO SULLA SEA WATCH STEFANIA PRESTIGIACOMO SULLA SEA WATCH

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA