MON DIEU! L’AFRICA FRANCESE È ANDATA IN PEZZI! – QUELLO IN GABON È IL DECIMO COLPO DI STATO NEL CONTINENTE NERO, NEGLI ULTIMI QUATTRO ANNI. UN BRUTTO COLPO PER IL “SOVRANO” MACRON: È LA FINE DELL’ERA DELLA “FRANCAFRIQUE”, L’AREA FRANCOFONA, A COMINCIARE DALLA CINTURA DEL SAHEL – LA GRAN PARTE DEI GENERALI “RIBELLI” SI È FORMATA IN OCCIDENTE, TRA EUROPA E USA – I CASI DEL MALI E DEL BURKINA FASO, FINITI SOTTO L’ALA DELLA RUSSIA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Fausto Biloslavo per “il Giornale”

 

colpo di stato in gabon 4 colpo di stato in gabon 4

Quello in Gabon è il decimo colpo di stato africano dal 2019. Un’epidemia di golpe che ha fatto a pezzi la «Françafrique», l’area francofona, a cominciare dalla cintura del Sahel. Ben sei paesi sono finiti nella mani dei militari da una parte all’altra del continente, collegando l’Oceano atlantico al Mar Rosso. Spesso gli ufficiali che hanno preso il potere fanno parte di un’élite che si è formata all’estero, anche negli Usa, e ha deposto i presidenti civili chiamati a proteggere fino alla morte.

 

Adesso è toccato al Gabon, più a sud rispetto al Sahel, altra ex colonia francese con rapporti molto stretti con Parigi, e che ieri è stata sospesa dall’Unione Africana, che condanna il golpe. Ali Bongo, malato e discusso capo di stato per eredità, è stato destituito, come in Niger, dal comandante della Guardia presidenziale, il generale Brice Oligui Nguema.

 

emmanuel macron fischiato alla parata del 14 luglio emmanuel macron fischiato alla parata del 14 luglio

[…]  Il generale è originario della provincia di Haut-Ogooué, roccaforte della famiglia Bongo, che governava il paese dall’indipendenza. L’ufficiale è pure cugino del presidente che ha deposto e come altri golpisti degli ultimi anni si è formato all’estero nell’accademia militare reale Meknes in Marocco.

 

Aiutante di campo del padre del capo di Stato rovesciato è stato addetto militare a Rabat e in Senegal. Uomo che non disdegna gli affari all’africana sarebbe intestatario di un paio di case comprate per un milione di dollari vicino a Washington. Nel 2019 è tornato in patria per riorganizzare i servizi segreti.[…]

 

colpo di stato in gabon 1 colpo di stato in gabon 1

In Niger, penultimo golpe, il suo omologo, generale Abdourahamane Tchiani, che ha deposto il capo dello Stato eletto, Mohamed Bazoum, è alla guida della giunta. Ieri i golpisti hanno tolto l’immunità diplomatica all’ambasciatore francese, Sylvain Itté, che si era rifiutato di lasciare il paese entro 48 ore dopo essere stato dichiarato persona non grata. La giunta ha ordinato alla polizia di procedere all’espulsione, ma l’ambasciata è presidiata da una sessantina di commando francesi.

 

colpo di stato in gabon 8 colpo di stato in gabon 8

Alle spalle di Tchiani, l’uomo forte è il generale Salifou Modi, nominato vicepresidente. Ex capo di stato maggiore, è stato addetto militare in Germania e ambasciatore in Arabia Saudita. Un altro golpista di rilievo è il generale Moussa Barmou, «allevato» da anni dal Pentagono. A Washington ha frequentato il prestigioso National Defense College ed è stato addestrato a Fort Benning, la base delle forze speciali Usa.

 

Anche in Mali e Burkina Faso, finiti sotto l’ala della Russia, i golpisti erano stati formati in Occidente. Il colonnello Asimi Goita, che guida il Mali, è stato addestrato negli Stati Uniti, in Francia e in Germania. Gli americani avevano puntato su di lui come comandante delle forze speciali per combattere i gruppi jihadisti.

 

NIGER - I GOLPISTI ACCLAMATI ALLO STADIO ALLA FOLLA NIGER - I GOLPISTI ACCLAMATI ALLO STADIO ALLA FOLLA

[…] I francesi sono ancora presenti in Ciad dove il colpo di stato è scattato per successione familiare. La morte in battaglia contro i ribelli che hanno i santuari in Libia, del padre-padrone del paese, il «maresciallo» Idriss Deby Itno, ha portato al potere nel 2021 il figlio Mahamat.

emmanuel macron parata 14 luglio emmanuel macron parata 14 luglio NIGER - I GOLPISTI ACCLAMATI ALLO STADIO ALLA FOLLA NIGER - I GOLPISTI ACCLAMATI ALLO STADIO ALLA FOLLA colpo di stato in gabon 9 colpo di stato in gabon 9

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)