MOVIMENTO CINQUE SCISSIONI – MICHELE SERRA: “È QUASI IMPOSSIBILE TROVARE UNA MOTIVAZIONE ‘POLITICA’ DELL’ADDIO DI DINO GIARRUSSO AL MOVIMENTO, O A CIÒ CHE NE RESTA. SI IMMAGINANO L'AMAREZZA, L'ANIMOSITÀ, LE NOTTI INSONNI. TUTTO MOLTO RISPETTABILE. MA QUALCUNO SAPREBBE DARE UNA LETTURA POLITICA DELLA MEZZA DOZZINA DI SCISSIONI IN CORSO TRA I GRILLINI?” – SEBASTIANO MESSINA: “GIARRUSSO FONDERÀ UN MOVIMENTO DI EX GRILLINI: SARÀ IL DODICESIMO. PERÒ LUI LO FARÀ ‘CON I CITTADINI’. NON CON LE CAPRE, GLI ELEFANTI MARINI O I MUFLONI. NO, NO: CON I CITTADINI. CONTA SUL FATTORE SORPRESA…”

-

Condividi questo articolo


dino giarrusso canta a un giorno da pecora dino giarrusso canta a un giorno da pecora

1 - CUCÙ

Sebastiano Messina per “la Repubblica”

 

Dino Giarrusso si è dimesso dal M5S: come i 117 eletti che l'hanno preceduto. Non si schioderà dal seggio: come tutti quelli che proponevano l'esilio per i voltagabbana.

 

Fonderà un movimento di ex grillini: sarà il dodicesimo. Però, attenzione: lui lo farà «con i cittadini». Non con le capre, gli elefanti marini o i mufloni. No, no: con i cittadini. Conta sul fattore sorpresa.

paola taverna dino giarrusso luigi di maio foto di bacco (2) paola taverna dino giarrusso luigi di maio foto di bacco (2)

 

2 - IL PESO DELLA VANITÀ

Michele Serra per “la Repubblica”

 

Da giovane pensavo che la lotta di classe fosse l'unico vero motore del mondo, oggi mi sembra che il peso della vanità incida, nelle vicende umane, almeno altrettanto. In molti dei sommovimenti politici, degli odii e delle scissioni, in molti addii e abiure, leggo sempre la stessa cosa: "Non mi amano abbastanza, non mi valutano abbastanza, dunque me ne vado da un'altra parte".

 

(Tra parentesi: molti dei passaggi da sinistra a destra, anche recenti, hanno esattamente questo innesco. Non mi avete fatto ministro, segretario del partito, direttore di rete, direttore di giornale? Peggio per voi, vado da quegli altri, che sicuramente mi sapranno capire meglio. Chiusa la parentesi).

 

IL POST DI DINO GIARRUSSO DOPO L ASSOLUZIONE DI VIRGINIA RAGGI IL POST DI DINO GIARRUSSO DOPO L ASSOLUZIONE DI VIRGINIA RAGGI

Pure i grillini, che pure di sinistra non sono anche quando ce la mettono tutta, confermano la regola. Prendete l'eurodeputato Giarrusso. Come altri protagonisti e comprimari dell'implosione di quel partito è quasi impossibile, per i non addetti, ammesso che qualcuno di soffermi su notizie così minime, trovare una motivazione "politica" del suo addio al Movimento, o a ciò che ne resta.

 

Le liti sulle regole interne hanno la stessa rilevanza di una bega condominiale, e zero interesse per chi non partecipa all'assemblea di quel condominio. Si capisce, piuttosto, che Giarrusso è travolto da passioni personali: proclama "la delusione di tantissime persone che mi chiedono di non mollare", e "la gioia di tanti che nel Movimento mi hanno sempre combattuto".

dino giarrusso dino giarrusso

 

 Si immaginano l'amarezza, l'animosità, le notti insonni. Tutto molto rispettabile. Ma la politica? A partire dallo stesso Giarrusso, qualcuno saprebbe dare una lettura politica della mezza dozzina di scissioni in corso tra i grillini?

dino giarrusso a l'aria che tira 8 dino giarrusso a l'aria che tira 8 LORENZO FIORAMONTI DINO GIARRUSSO LORENZO FIORAMONTI DINO GIARRUSSO paola taverna dino giarrusso foto di bacco (1) paola taverna dino giarrusso foto di bacco (1) DINO GIARRUSSO AI TEMPI DI FEISBUM DINO GIARRUSSO AI TEMPI DI FEISBUM dino giarrusso 9 dino giarrusso 9 giarrusso litiga con un operaio del sulcis a popolo sovrano 3 giarrusso litiga con un operaio del sulcis a popolo sovrano 3 paola taverna dino giarrusso foto di bacco (2) paola taverna dino giarrusso foto di bacco (2)

 

Condividi questo articolo

politica

È STATA LA MANO DI CRISTINA – TERREMOTO IN ARGENTINA: SI È DIMESSO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA MARTÍN GUZMÁN, AFFONDATO DAI CONTINUI ATTACCHI DELLA VICEPRESIDENTE, LA PLURIINDAGATA PER CORRUZIONE CRISTINA KIRCHNER, CHE PUNTA A TORNARE AL POTERE – ORA IL PAESE RISCHIA UN DEFAULT PEGGIORE DI QUELLO DEL 2001: IN QUESTI GIORNI L'ORMAI EX MINISTRO GUZMÁN AVEVA UN APPUNTAMENTO PER RINEGOZIARE CON IL FMI UN PRESTITO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI – LA TERZA ECONOMIA DELL'AMERICA LATINA HA IL SECONDO TASSO DI INFLAZIONE PIÙ ALTO TRA LE GRANDI ECONOMIE, PARI AL 60%, IN CONTINUA CRESCITA…

TORTURA E MORTE: RIEDUCAZIONE PUTINIANA – LO SCIENZIATO RUSSO DMITRIJ KOLKER, MALATO TERMINALE AL QUARTO STADIO DI CANCRO AL PANCREAS, È MORTO IN UN OSPEDALE CARCERARIO, LONTANO DA FAMILIARI E AMICI –  ERA ACCUSATO DI ESSERE UNA SPIA AL SERVIZIO DELLA CINA – SECONDO IL FIGLIO SI SAREBBE RIFIUTATO DI TESTIMONIARE CONTRO DUE COLLEGHI DELL’UNIVERSITA' E PER QUESTO SAREBBE STATO CONDANNATO – KOLKER NON È IL PRIMO CASO DI SCIENZIATO INCARCERATO DA PUTIN CON FANTOMATICHE ACCUSE DI SPIONAGGIO

“MA CHI VOLETE PRENDERE PER IL CULO?” – L’IRONIA DI LUCA BOTTURA SU PAOLETTA TAVERNA E STEFANO PATUANELLI, CHE SUI SOCIAL PRIMA LANCIANO IL SASSO POI TIRANO INDIETRO LA MANO: “DICONO CHE È UN ERRORE DELLO STAFF. L'ANALISI SORGE SPONTANEA: MA DAVVERO PENSATE CHE SIAMO VENUTI GIÙ DALLA MONTAGNA DEL SAPONE? MA NON VI VERGOGNATE A TRATTARE I VOSTRI ELETTORI E GLI ITALIANI IN GENERE COME UNA MASSA DI DEMENTI CHE SI BEVE LA QUALUNQUE? VI MERITERESTE DI ESSERE GLASSATI COL MIELE IN UN BOSCO MARSICANO AFFOLLATO DI…”