1. LA MUMMIA SICULA IN UN CUL DE SAC – SALVINI HA DECISO DI ROMPERE SOLO QUANDO HA CAPITO DI AVERE UN ALLEATO INASPETTATO: ZINGARETTI – IL SEGRETARIO DEL PD VUOLE IL VOTO ANTICIPATO PER TOGLIERSI DAI COJONI LA ZAVORRA RENZIANA - QUINDI MATTARELLA SI È TROVATO PRIVO DI ALTERNATIVE PER IMPAPOCCHIARE CON IL MANICHINO CONTE UN QUALSIASI GOVERNICCHIO DI TRANSIZIONE CAPACE DI FAR SLITTARE LE ELEZIONI ANTICIPATE INSABBIANDO L’AVANZATA DEL TRUCE – IL SOGNO DEL PIO CONTE È FARSI NOMINARE COMMISSARIO UE...
2. IL VERO TIMORE DELL'ESTABLISHMENT, CON IL NUOVO PARLAMENTO, E' QUELLO DI VEDERE SALIRE AL QUIRINALE IL PRIMO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ELETTO DALLA DESTRA

Condividi questo articolo


CONTE NON SPETTA AL MINISTRO DELL'INTERNO DECIDERE COME SI SVOLGERA LA CRISI

Ugo Magri per "la Stampa"

...........

meme sulla crisi di governo conte e mattarella meme sulla crisi di governo conte e mattarella

Che la crisi stesse precipitando, lo si era gia intuito l' altra sera quando Salvini, da Sabaudia, aveva sganciato la sua <>. Chiedeva una svolta radicale, precisando che non si sarebbe accontentato di qualche ritocco al programma o alla squadra governativa. Ieri mattina la Lega ha rincarato la dose, proprio mentre da Palazzo Chigi filtrava che il premier si stava recando sul Colle. A gettare la spugna, come in altri tempi sarebbe avvenuto, nella speranza magari di ritornare in sella dopo una tortuosa trattativa? Niente affatto: Conte e andato da Mattarella per anticipargli l' intenzione di cadere come un martire del cambiamento. All' ora di pranzo, si trattava ormai solo di definire i modi dello strappo finale. Che una raffica di adempimenti trascineranno piu a lungo di quanto vuole Salvini. < giuseppe conte e mattarella all'inaugurazione della nuova sede dell'intelligence 1 giuseppe conte e mattarella all'inaugurazione della nuova sede dell'intelligence 1

 

Dopodiche, dimissionario o sfiduciato, il governo giallo-verde uscira di scena e non potra nemmeno indicare a Bruxelles il nome del nostro Commissario Ue. Mattarella avviera consultazioni che si annunciano brevi, in quanto M5S e Lega mai tornerebbero insieme, mentre il Pd si dichiara indisponibile a governi tecnici. A quel punto il capo dello Stato ne prendera atto e sciogliera le Camere fissando nuove elezioni per una domenica che potrebbe essere l'ultima di ottobre. E il nuovo governo? Se ne riparlera a Natale.

 

IL BIS -CONTE DIMEZZATO

Valerio Valentini per Il Foglio - stralci

 

..........

LUIGI DI MAIO BY SPINOZA LUIGI DI MAIO BY SPINOZA

Matteo Salvini, ai suoi uomini, lo ripete da settimane: "Dietro a Conte c' e Mattarella, occhio. Le cose che lui dice sono ispirate dal capo dello stato". E non a caso anche ieri pomeriggio, quando gli eventi stavano ormai precipitando verso l' irrimediabile, la sintonia tra il premier e il presidente della Repubblica e tornata a percepirsi: perche il leader della Lega pretendeva da Conte dimissioni immediate da comunicare a Mattarella, al contrario il premier, che al Colle era gia salito in mattinata, ribadiva la necessita di un passaggio formale alle Camere, da riaprire per l' occasione a inizio della prossima settimana.

 

E pero, se pure uguale era l' intento di Conte e Mattarella - chiamare, cioe, Salvini allo scoperto: fargli assumere la piena responsabilita della rottura - diversi erano gli scenari immaginati. Perche mentre Conte, nel silenzio di Palazzo Chigi, si adoperava per guadagnare tempo e ponderare la possibilita di un suo nuovo incarico, magari anche con maggioranze diverse, il capo dello stato, nel rispetto della grammatica costituzionale, vedeva nella parlamentarizzazione della crisi il passo necessario verso la formazione di un nuovo governo che porti il paese alle elezioni. Del resto, questo resta un punto fermo, nella dilagante confusione gialloverde: la volonta di Mattarella di affidare a un governo "di transizione" il compito di traghettare la crisi.

NICOLA ZINGARETTI E MATTEO RENZI NICOLA ZINGARETTI E MATTEO RENZI

 

A tal punto e solida, la certezza, che si vaglierebbe gia il profilo del possibile nuovo premier: che non sarebbe stato individuato nella figura di Giancarlo Giorgetti (che ieri, mentre circolavano indiscrezioni su un suo mandato esplorativo, era a spasso per i sentieri dell' Alpe Motta, in Valchiavenna), ma in quello di Giovanni Tria.

 

Uno scenario, questo, che deve spaventare non poco il leader della Lega, se e vero che, mentre chiedeva ai suoi contabili economici di preparare il budget per la campagna elettorale, dall' altra s' informava con chi gli tiene i conti in Parlamento di possibili ribaltoni parlamentari, venendo a sapere che anche cinque o sei dei suoi sarebbero pronti a tradire e a confluire tra i possibili "responsabili".

 

zingaretti berlusconi di maio zingaretti berlusconi di maio

Il rischio della palude, Salvini, lo avverte: e forse anche per questo nella nota con cui ieri, di fatto, ha sancito la morte del governo gial loverde, ha chiesto tempi rapidi e certi. "An diamo subito in Parlamento per prendere atto che non c' e piu una maggioranza". E insieme alla palude, Salvini teme appunto la nascita di "un governicchio" che non a caso e stato il primo bersaglio della macchina della propaganda di Luca Morisi. Il quale dapprima, quando Salvini e arrivato a Palazzo Chigi per l' incontro decisivo con Conte, ha chiesto ai parlamentari leghisti di stare calmi, di "non allarmarsi", e poi ha sguinzagliato la sua Bestia social ad abbaiare: "Stop governi tecnici". Sintomo di una paura reale, specie perche, in uno scenario del genere, le elezioni nel 2019 sarebbero tutt' altro che scontate, e anzi molto piu probabilmente potrebbero slittare all' estate del 2020.

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

IL CARROCCIO NON RUSSA! L'INCHIESTA CHE INGUAIA ALCUNI LEGHISTI VENETI: VIAGGI E SOGGIORNI A 5 STELLE PER SOSTENERE L'OCCUPAZIONE DELLA CRIMEA DA PARTE DI MOSCA - AL CENTRO DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI DALLA RIVISTA INTERNAZIONALE "OCCRP", IL CONSIGLIERE REGIONALE VENETO DEL CARROCCIO STEFANO VALDEGAMBERI, IL COLLEGA ROBERTO CIAMBETTI E IL SENATORE PAOLO TOSATO. DALL'INDAGINE, CHE IMBARAZZA LA LEGA DI ZAIA E IL CONSIGLIO REGIONALE VENETO, EMERGEREBBE L'OPERA DEI POLITICI ITALIANI A FAVORE DI PUTIN - LA DIFESA DI VALDEGAMBERI: “TUTTE CAZZATE”

DELMASTRO& DONZELLI, TUTTO E’ PERDONATO! GIORGIA MELONI INTERVIENE SUL CASO COSPITO: “NON ESISTE NESSUN PRESUPPOSTO PER LE DIMISSIONI DI DELMASTRO. LE INFORMAZIONI (PASSATE DA DELMASTRO A DONZELLI, NDR) CHE IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA HA CHIARITO NON ESSERE OGGETTO DI SEGRETO, SONO STATE ADDIRITTURA ANTICIPATE DA TALUNI MEDIA” – IL BUFFETTO AI SUOI FEDELISSIMI: “ORA TUTTI ABBASSINO I TONI, COMPRESA FRATELLI D’ITALIA” - LE BORDATE AL PD PER LA VISITA DI ORLANDO, SERRACCHIANI, VERINI A COSPITO

SANGIULIANO, MA DA CHI TI FAI CONSIGLIARE?FRANCESCO GIUBILEI, CONSULENTE DEL MINISTRO DELLA CULTURA, PER ANDARE IN CULO A TUTTI I COSTI ALLA “NUOVA IDEOLOGIA LIBERAL” CHE LO TERRORIZZA, ATTACCA UN ARTICOLO DEL “GUARDIAN” IN CUI L’AUTRICE PARLA DI QUANTO AMI DONARE I LIBRI UNA VOLTA LETTI. GIUBILEI TRAVISA IL SENSO DEL PEZZO PENSANDO CHE IN BALLO CI SIA "L'ESISTENZA DELLE BIBLIOTECHE PRIVATE" MA VIENE SPERNACCHIATO DAI SOCIAL, AUTRICE COMPRESA: “AHAH, CHE STUPIDITÀ, MA NON HANNO UN TRADUTTORE..."