MUSTIER? TIÈ! - GROS-PIETRO (INTESA) MANDA A STENDERE LA PROPOSTA DEL CAPO DI UNICREDIT E DEI BANCHIERI EUROPEI: ''NOI NON APPLICHEREMO TASSI NEGATIVI AI CLIENTI, INDIPENDENTEMENTE DALLA CIFRA''. LO STESSO MUSTIER È STATO COSTRETTO A SPOSTARE L'ASTICELLA SUL MILIONE DI EURO (MA IL DANNO ORMAI ERA FATTO) - ANCHE MPS, UBI E BANCO BPM FANNO FINTA DI NIENTE…

-

Condividi questo articolo


Paolo Algisi per l'ANSA

 

MUSTIER ELKETTE MUSTIER ELKETTE

Intesa Sanpaolo non applicherà tassi di interesse negativi sui depositi dei suoi correntisti, piccoli o grandi che siano. Ca' de Sass prende posizione nel dibattito su chi debba pagare i costi della politica monetaria, aperto in Italia dal ceo di Unicredit, Jean-Pierre Mustier, che dopo aver sollecitato la Bce a spingere le banche a scaricare sui depositi dei clienti facoltosi i tassi negativi, ha annunciato che a partire dal 2020 il suo istituto farà pagare i depositanti sopra il milione di euro.

 

"Sui depositi di piccolo ammontare noi di Intesa Sanpaolo non pensiamo di applicare degli interessi negativi e sui grandi depositi il nostro obiettivo è di offrire a questi risparmiatori delle opportunità di investimento che siano apprezzabili e questo si fa non rimanendo esclusivamente limitati al campo strettamente finanziario", ha detto il presidente Gian Maria Gros-Pietro, a margine di un convegno sulla dispersione scolastica, che Intesa ha contribuito a contrastare destinando parte dei 27 milioni con cui il Fondo di beneficenza della banca ha sostenuto progetti no profit nell'ultimo triennio.

 

gian maria gros pietro gian maria gros pietro

 "Noi - ha spiegato - operiamo in una serie di attività nelle startup, nell'innovazione, nei fondi destinati a questo tipo di crescita, sia in campo industriale che nei servizi, e queste sono opportunità di investimento che possono interessare quei risparmiatori che hanno disponibilità importanti". Ai quali verranno dunque offerte alternative di investimento ma senza penalizzazioni per i depositi liquidi. Anche perché, ha spiegato l'economista, "gli interessi negativi trasportati sui conti correnti difficilmente possono indurre" i depositanti "a investire" mentre servono "prospettive di reddito e quindi la soluzione è nella politica dei governi".

 

 Mustier, in qualità di presidente dell'Ebf (l'Abi europea), ha chiesto alla Bce di incentivare il trasferimento ai clienti dei tassi negativi applicati ai depositi delle banche, attualmente pari allo 0,5%. Motivando la richiesta con l'obiettivo di dare efficacia a una politica monetaria che, attraverso penalizzazioni sui depositi, punta a far affluire risorse finanziarie all'economia reale. L'applicazione dei tassi negativi ha raccolto qualche adesione in Europa ma non scalda i cuori delle banche italiane.

 

victor massiah 2 victor massiah 2

Ubi "non ritiene probabile applicare interessi negativi a clienti individuali privati" e anche Banco Bpm e Mps non starebbero considerando misure di questo tipo, che potrebbero costare la perdita di clientela. Ad alzare la voce sono stati i sindacati che hanno definito quella di Mustier "un'iniziativa scellerata che rischia di avere un impatto estremamente negativo su imprese, territori e lavoratori bancari".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”