NATO SOTTO SATURNO – EMMANUEL MACRON DICHIARA LA “MORTE CEREBRALE” DELL’ALLEANZA ATLANTICA E PUTIN APPLAUDE - L’INTERVISTA ALL’ECONOMIST IN CUI IL TOYBOY DELL’ELISEO SI AUTO-INCORONA ANTI-TRUMP E LANCIA PURE BORDATE ALLA MERKEL E ALL’UE: “ABBIAMO BISOGNO DI PIÙ INVESTIMENTI, LA SOGLIA DEL 3% È UN DIBATTITO DI UN ALTRO SECOLO. LA RUSSIA? HA SVILUPPATO UN PROGETTO ANTI-EUROPEO, MA NON HA SCELTA ALTERNATIVA AL PARTNERARIATO CON L’EUROPA…”

-

Condividi questo articolo

 

 

Leonardo Martinelli per “la Stampa”

 

MACRON PIFFERAIO MACRON PIFFERAIO

«Sul bordo del precipizio»: il titolo campeggia a tutta pagina nella copertina dell' Economist di questa settimana, in edicola da ieri. A parlare è Emmanuel Macron ed è l' Europa, secondo lui, a ritovarsi lì, sul bordo del precipizio. Il Presidente francese (che secondo il settimanale britannico si esprime «in termini apocalittici») non risparmia nessuno, neanche la Nato («in uno stato di morte cerebrale») o la soglia del 3% del Pil per il deficit pubblico («il dibattito di un altro secolo»).

trump e macron 1 trump e macron 1

Secondo Macron, «per la prima volta gli Stati Uniti hanno un presidente che non condivide l' idea del progetto europeo». In sostanza, «gli Usa hanno scaricato l' Europa».

Di questa sottolinea la «fragilità straordinaria» che attribuisce alla Brexit e all' instabilità politica dell' Unione. «Se non si ripensa come una potenza geopolitica in questo mondo, potrebbe scomparire. Una serie di fenomeni ci spingono sul bordo del precipizio». Individua tre rischi maggiori: «l' Europa ha dimenticato di essere una comunità», il progetto europeo «non è più allineato con gli Usa» e, infine, la rivalità con la Cina.

PUTIN MACRON PUTIN MACRON

 

Quanto alla Russia, «ha sviluppato un progetto anti-europeo dovuto al suo conservativismo ma non vedo un' alternativa a lungo termine al partenariato con l' Europa: non ha scelta. Una seconda via avrebbe potuto essere un modello euroasiatico, ma lì c' è un Paese dominante, la Cina: non ci potrà mai essere un rapporto equilibrato».

 

sylvie goulard ed emmanuel macron sylvie goulard ed emmanuel macron

Sulla Nato, Macron è categorico: «Si trova in uno stato di morte cerebrale». «Non si coordinano più le decisioni strategiche tra gli Usa e i suoi partner dell' organizzazione atlantica e assistiamo a un' aggressione portata avanti da un altro partner della Nato, la Turchia, in una zona dove i nostri interessi sono in gioco e questo avviene senza alcuna coordinazione».

 

EMMANUEL MACRON XI JINPING EMMANUEL MACRON XI JINPING

S' interroga sul futuro dell' articolo 5 del trattato Nato, relativo alla solidarietà militare fra i Paesi membri. Ieri la cancelliera Angela Markel ha subito ribattuto su questo punto, definendo «parole drastiche» quelle di Macron. Per lei l' organizzazione atlantica «resta la pietra angolare della nostra sicurezza». Invece, Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo, ha definito quelle del Presidente francese «parole d' oro e sincere». Mentre per Pompeo resta «la più grande alleanza della storia».

MERKEL E MACRON SGHIGNAZZANO MERKEL E MACRON SGHIGNAZZANO

 

Infine Macron se l' è presa con la regola del 3% imposta al deficit pubblico dei Paesi Ue.

brigitte ed emmanuel macron brigitte ed emmanuel macron

«Abbiamo bisogno di più espansionismo, di più investimenti. L' Europa non può essere l' unica area a non farlo». E così «quello sulla soglia del 3% è un dibattito di un altro secolo». Ha puntato il dito contro i tedeschi che si rifiutano a rilanciare l' economia aumentando la spesa pubblica. «Questa situazione non può durare».

ROCCO CASALINO SPIZZA EMMANUEL MACRON ROCCO CASALINO SPIZZA EMMANUEL MACRON PUTIN MACRON PUTIN MACRON EMMANUEL MACRON RENAULT EMMANUEL MACRON RENAULT

 

Condividi questo articolo

politica

FERMI TUTTI! LILIANA SEGRE NON RICEVEVA 200 INSULTI AL GIORNO…PRIMA DELL'ARTICOLO - GLI ATTACCHI ERANO 197 ALL'ANNO, CONTRO DI LEI E ALTRI EBREI FAMOSI. MA SU ''REPUBBLICA'' IL 25/26 OTTOBRE VENGONO MOLTIPLICATI PER 365, COSA CHE HA (COMPRENSIBILMENTE) FATTO INDIGNARE IL MONDO POLITICO, DA CONTE IN GIÙ. SOLO CHE POI L'ODIO E LE MINACCE SONO SCHIZZATI DAVVERO, TANTO DA FAR SCATTARE LA NECESSITA' DELLA SCORTA. UNA PROFEZIA CHE SI AUTO-AVVERA - LA REPLICA DI ''REPUBBLICA'': ''GLI INSULTI CI SONO, C'E' UN ARTICOLO DEL 'FATTO QUOTIDIANO' DEL 2018 CHE LO CERTIFICA''. QUINDI L'INCHIESTA DI DUE SETTIMANE FA NASCE DA UN ARTICOLO DEL ''FATTO'' DEL 2018??