SOTTO SOTTO UN DIALOGO USA-RUSSIA C’E’ E SERVE A SCONGIURARE L'EMERGENZA ALIMENTARE NEL MONDO - L’OBIETTIVO E’ RIATTIVARE LE ESPORTAZIONI DI GRANO ATTRAVERSO CANALI UMANITARI PER IMPEDIRE CHE LA CRISI ALIMENTARE VADA FUORI CONTROLLO - L'UCRAINA ERA LA “RISERVA DEL PANE” PER I PAESI IN VIA DI SVILUPPO, CON IL PROGRAMMA ALIMENTARE MONDIALE (PAM) CHE ACQUISTAVA IL 50% DEL GRANO DALL'UCRAINA MA DA QUANDO LA RUSSIA HA INIZIATO A BLOCCARE L'ACCESSO AI PORTI STRATEGICI DISTRUGGENDO LE INFRASTRUTTURE CIVILI E I SILOS DI GRANO, LA SITUAZIONE ALIMENTARE IN AFRICA E IN MEDIO ORIENTE E’ GRAVE…

-

Condividi questo articolo


Francesco Semprini e Alberto Simoni per “la Stampa”

 

VLADIMIR PUTIN JOE BIDEN - ILLUSTRAZIONE TPI VLADIMIR PUTIN JOE BIDEN - ILLUSTRAZIONE TPI

Riattivare le esportazioni di grano attraverso canali umanitari per impedire che la crisi alimentare assuma dimensioni macroregionali e affrontare altre questioni "tecniche", dai corridoi umanitari sino al controllo dei porti e altre quasi residuali nel grande puzzle ucraino: sono questi gli elementi attorno ai quali canali di dialogo sono attivi fra Usa e Russia. Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha anche precisato che «non ci sono contatti ad alto livello» e che la linea americana poggia su due pilastri, sostegno economico e militare all'Ucraina e imposizione di costi massicci.

 

dopo la guerra crisi del grano ucraino 1 dopo la guerra crisi del grano ucraino 1

La combinazione di questi due elementi - ha ragionato Price - «speriamo generino le condizioni per il dialogo». L'Amministrazione Usa ha un appoggio molto forte anche al Congresso dove il capo dei repubblicani Mitch McConnell ha detto di sostenere l'invio di nuove armi, «anche più letali». Domani a Washington arriveranno il presidente finlandese Sauli Niinisto e la premier svedese Magdalena Andersson.

 

PUTIN BIDEN PUTIN BIDEN

Il primo punto di contatto con Mosca avviene comunque sul tema degli aiuti umanitari e sull'export del grano bloccato nei porti ucraini. Di questo parleranno oggi e domani all'Onu, Blinken, il ministro degli Esteri Luigi di Maio e altri leader.

 

«Ci sono discussioni in corso in questo momento per sbloccare i corridoi umanitari alimentari - spiega Linda Thomas-Greenfield rispondendo a una domanda de La Stampa -. Sappiamo che i russi hanno minato i tratti costieri del Mar Nero impedendo alle navi di procedere in entrata o uscita, questo è un tema che il segretario generale Guterres ha affrontato con Mosca, ragionando al contempo su come si possa lavorare per portare sul mercato parte del prodotto disponibile in Ucraina».

 

dopo la guerra crisi del grano ucraino 3 dopo la guerra crisi del grano ucraino 3

La situazione alimentare in Ucraina si sta deteriorando, i civili fanno la fila per il pane, «e questo non è qualcosa di normale per loro. Ci stiamo adoperando affinché si eviti il collasso della loro economia e dei loro mercati».

 

L'Ucraina era la «riserva del pane» per i Paesi in via di sviluppo, con il Programma alimentare mondiale (Pam) che acquistava il 50% del grano dall'Ucraina «ma da quando la Russia ha iniziato a bloccare l'accesso ai porti strategici distruggendo le infrastrutture civili e i silos di grano, la situazione alimentare in Africa e in Medio Oriente sta diventando ancora più grave», ha detto Thomas-Greenfield.

dopo la guerra crisi del grano ucraino 4 dopo la guerra crisi del grano ucraino 4

 

La crisi alimentare è uno dei punti su cui ci potrà essere un dialogo tra Stati Uniti e Russia, che tuttavia rimane «circoscritto e limitato» a quell'argomento come ad altri ricompresi soprattutto nello spettro delle questioni umanitarie, spiegano fonti Onu. Secondo cui un conto è il dialogo mirato e circoscritto, un altro è un negoziato tra Usa e Russia per la pace in Ucraina.

 

dopo la guerra crisi del grano ucraino 5 dopo la guerra crisi del grano ucraino 5

Anche la telefonata tra i ministri delle Difesa, Austin e Shoigu, che peraltro deve essere letta dal prisma del monito più che dell'apertura, rientra in una routine che vede i due apparati in contatto «per evitare gravi incidenti». Dal Pentagono fanno sapere che i russi hanno accettato l'idea di tenere altri incontri sempre in questa cornice. Ciò non esclude tuttavia che, partendo dal dialogo che si svolgerà nelle prossime ore all'Onu, potrebbero aprirsi opportunità di contatto. Ned Price ha sottolineato che qualsiasi discussione sul futuro assetto ucraino spetta a Kiev decidere come e se tenerla, sottolineando che il primo obiettivo ora è porre fine «a un bagno di sangue causato da una non provocata e brutale aggressione». -

grano. grano. UCRAINA - LA PRODUZIONE DI GRANO UCRAINA - LA PRODUZIONE DI GRANO dopo la guerra crisi del grano ucraino 2 dopo la guerra crisi del grano ucraino 2 putin zelensky biden putin zelensky biden

 

Condividi questo articolo

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

“IL DIRITTO ALL’ABORTO NON ESISTE. SI CHIAMA OMICIDIO” – PRENDETEVI CINQUE MINUTI E GODETEVI IL CORPO A CORPO TRA TELESE E ADINOLFI: “CI VUOI PORTARE IN UN MODERNO MEDIOEVO IN CUI GLI INTEGRALISTI DECIDONO PER ALTRI”, “NOVE VOLTE SU DIECI, GIOVANI DONNE RINUNCIANO AI LORO FIGLI PER RAGIONI FUTILISSIME, DICIAMO PURE DEL CAZZO” – “VOI LAICISTI DIFENDETE LA CULTURA DELLA MORTE, MA SIETE BUONI CARINI E LEGITTIMATI. NOI, CHE DIFENDIAMO LA VITA, INVECE, SIANO BRUTTI SPORCHI E CATTIVI. E CON LE CORNA. L’ITALIA SENZA IL DIVORZIO ERA PIÙ BELLA E PIÙ SANA DI QUESTA” (PAROLA DI UN DIVORZIATO…)

“QUESTO SPIEGA PERCHÉ SONO TORNATO A ROMA IERI NOTTE” – MARIO DRAGHI IN CONFERENZA STAMPA HA RACCONTATO IL VERO MOTIVO PER CUI HA LASCIATO IN ANTICIPO IL VERTICE NATO DI MADRID: NON C’ENTRA CONTE, MA L’AUMENTO DEI PREZZI DELL’ENERGIA! – “SONO RIENTRATO A ROMA PER L'OK AL DL BOLLETTE ENTRO OGGI. QUESTI PROVVEDIMENTI DOVEVANO NECESSARIAMENTE ESSERE ATTUATI OGGI, SENZA QUESTO CI SAREBBE STATO UN DISASTRO. LE BOLLETTE SAREBBERO ARRIVATE SENZA AGEVOLAZIONI CON RINCARI FINO AL 35 PER CENTO...”