NOMEN NOMINE – ALTRO CHE PRESCRIZIONE, RENZI STA CANNONEGGIANDO CONTE PER LE NOMINE! A PALAZZO CHIGI NON È ANCORA STABILITO UN CRITERIO PER LA “GRANDE SPARTIZIONE”: IL PD VORREBBE DIVIDERLE SULLA BASE DEI RISULTATI ELETTORALI, “ITALIA VIVA” INVECE VORREBBE PARI DIGNITÀ TRA LE FORZE POLITICHE E I 5 STELLE SONO RIMASTI FERMI AL 2018 – È IN ATTO UNA GUERRA TRA BANDE GRILLINE PER AGCOM E PRIVACY: ECCO TUTTI I NOMI

-

Condividi questo articolo

1 – LA GUERRA TRA BANDE PER AGCOM E PRIVACY

Dagonews

ANGELO CARDANI ANGELO CARDANI

È passato quasi un anno dalla scadenza naturale del mandato di Agcom e Garante della Privacy. Le due authority lavorano in regime di prorogatio dall’estate dell’anno scorso e la crisi politica agostana prima - e la mancata omogeneità del BisConte poi - hanno di fatto bloccato le procedure per il rinnovo.

 

Per l’autorità garante nelle comunicazioni Camera e Senato devono individuare due membri ciascuno, che poi tra loro eleggono un presidente. Il meccanismo è simile per quella dei dati personali (quattro membri nominati dai due rami del parlamento), a cui va aggiunto il presidente, che viene proposto direttamente dal presidente del Consiglio

 

Nove nomi, su cui da praticamente un anno i partiti e le correnti si scornano. In particolare è in atto una guerra di bande all’interno del Movimento 5 Stelle, con molti deputati e senatori che hanno il proprio cavallo su cui puntare e che non sono disposti a cedere.

 

Questa la “short list” dei nomi e degli sponsor grillini.

 

antonello soro antonello soro

Per la Privacy si fanno i nomi di Genna, Scorza e Fabiano, che sarebbero appoggiati dai deputati D'ippolito, Colletti e Carla Giuliano. I senatori Mantovani, Ugo Garassi e Liuzzi starebbero spingendo per Palmirani, Alvisi e Pollicino. Sull'Agcom in cima alla lista ci sono Gambaro, che piace a Vito Crimi, Corasaniti (con il pressing di D'Ippolito) e Scialdone (Liuzzi-D'Incà). I senatori Maiorino, Mantovani e Airola starebbero invece spingendo rispettivamente per Giomi, Attardi e Capozzi

 

luigi di maio vito crimi luigi di maio vito crimi

 

 

2 – LE NOMINE DELLE PARTECIPATE

Marco Antonellis per Dagospia

 

MATTEO RENZI E GIUSEPPE CONTE COME BUGO E MORGAN MATTEO RENZI E GIUSEPPE CONTE COME BUGO E MORGAN

"Giuseppi" Conte poco prima di mezzanotte, dopo il Consiglio dei ministri a Palazzo Chigi, lo ha detto chiaro e tondo: "Italia viva è al 3%, ma per me non ha importanza. Ha pari dignità". Un messaggio in bottiglia nemmeno tanto velato al leader di Italia Viva Matteo Renzi. Perché quel "pari dignità" può fare la differenza. Pochi sanno infatti che non è ancora stato stabilito un criterio per l'imminente spartizione delle nomine pubbliche, le famose "partecipate", punto d'onore per ogni politico che si rispetti.

conte renzi conte renzi

 

Ci sono state riunioni in merito ma soltanto interlocutori, svela una gola profonda vicinissima al dossier. Il tema è questo: le poltrone d'oro (sono oltre 400 e molte valgono ben più di interi ministeri) verranno assegnate per parti uguali (cioè dividendole equamente tra le forze politiche che compongono la maggioranza) come auspica Italia Viva, oppure verranno suddivise sulla base degli ultimi risultati elettorali (come vuole il Pd, con Iv che a questo punto verrebbe quotata solamente intorno al 3%) oppure, udite udite, sulla base degli attuali rapporti di forza parlamentari come preferirebbero i 5Stelle?

 

ALBERTO AIROLA ALBERTO AIROLA nicola zingaretti giuseppe conte nicola zingaretti giuseppe conte

Insomma, nella grande spartizione delle nomine pubbliche in arrivo, i partiti avranno "pari dignità" oppure no? Più d'uno a Palazzo Chigi indica l'infornata di nomine in arrivo come il vero fattore scatenante della crisi politica in atto. Vuoi vedere che qualcuno dalle parti del Nazareno sperava di non dare pari dignità a tutti i componenti della coalizione?

giuseppe conte nicola zingaretti 1 giuseppe conte nicola zingaretti 1 GOVERNO CONTE BIS BY TERRE IMPERVIE GOVERNO CONTE BIS BY TERRE IMPERVIE

 

Condividi questo articolo

politica

MA DAVVERO? LA RAGGI VUOLE FARE IL BIS AL CAMPIDOGLIO – L’ARCINEMICA LOMBARDI LA STOPPA: LA REGOLA DEI DUE MANDATI NON LO CONSENTE. SI’ ALL’ALLEANZA CON IL PD – VIRGY REPLICA AL VELENO: “C'È CHI AMA PARLARE DI POLTRONE, IO PREFERISCO LAVORARE PER I CITTADINI” - L'OCCASIONE GIUSTA PER ARRIVARE A UNA "DEROGA" PER LA RAGGI PASSA DAGLI STATI GENERALI CHE RISCHIANO DI SLITTARE DOPO L’ESTATE – LE MOSSE DELLA TAVERNA: CERCA UNA SPONDA NELLA SINDACA PER IL PROSSIMO CONGRESSO…