NON È DETTA L’ULTIMA CAROLA – IL GRUPPO DELLA SINISTRA UNITARIA EUROPEA VUOLE INVITARE LA CAPITANA DELLA SEA WATCH ALL’EUROPARLAMENTO MENTRE IL COMUNE DI PARIGI LE CONCEDE LA CITTADINANZA ONORARIA: "PERSEGUITATA DALLA GIUSTIZIA ITALIANA" - SALVINI: “NON HANNO NIENTE DI MEGLIO DA FARE?” – L’AVVOCATO DI CAROLA: "TEMIAMO PER LA SUA INCOLUMITÀ. LO SCATENAMENTO DEL DISCORSO DELL’ODIO NON SI CONTROLLA PIÙ” – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

1 – SINISTRA GUE PROPONE DI INVITARE CAROLA RACKETE AL PARLAMENTO UE

Da www.ansa.it

 

CAROLA RACKETE NELLA COPERTINA DELLO SPIEGEL CAROLA RACKETE NELLA COPERTINA DELLO SPIEGEL

Il gruppo della Sinistra Unitaria Europea (Gue) ha proposto di invitare all'Europarlamento la comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete. Lo riferiscono fonti all'Eurocamera. La proposta dovrà ora essere esaminata ed eventualmente approvata nella prossima riunione della commissione per le libertà civili (Libe), la stessa dove la comandante della Sea Watch 3 dovrebbe poi essere ascoltata.

 

CAROLA RACKETE BY OSHO CAROLA RACKETE BY OSHO

"Se si dovesse confermare la proposta della commissione" Libertà civili (Libe) dell'Eurocamera "di invitare al Parlamento Ue la capitana della Sea Watch, Carola Rackete, saremmo in presenza di un gesto vergognoso". Così l'eurodeputato leghista Marco Zanni, capogruppo di Identità e Democrazia. "La nostra eurodeputata che fa parte della commissione Libe, Annalisa Tardino, si è già opposta a questa strumentalizzazione che ha il sapore di una santificazione della Rackete", tuona Zanni. "Non è normale - conclude l'eurodeputato - e non permetteremo che un'istituzione come il Parlamento Ue inviti a presenziare in contesti ufficiali soggetti che hanno deliberatamente violato le leggi di uno Stato membro".

Marco Zanni Marco Zanni

 

2 – CAROLA RACKETE PREMIATA DA PARIGI: "PERSEGUITA DALLA GIUSTIZIA ITALIANA"

Da www.quotidiano.net

 

La città di Parigi ha concesso la cittadinanza onoraria alle due comandanti della Sea Watch 3 Carola Rackete e Pia Kemp "per la loro azione umanitaria".

 

matteo salvini matteo salvini

MEDAGLIA GRAND VERMEIL - Lo ha reso noto "Generation.s" (gruppo politico ispirato ai valori dell'ambientalismo e della democrazia, ndr) che aveva proposto in Consiglio comunale, dove è rappresentato, il conferimento della cittadinanza alle due donne "di fronte alla crisi dell'accoglienza in Europa e per sottolineare l'azione importante delle organizzazioni umanitarie per aiutare i migranti". Le due giovani riceveranno la medaglia Grand Vermeil, massima onorificenza del Comune parigino, per "aver salvato migranti in mare".

 

CAROLA RACKETE - FOTO REPUBBLICA CAROLA RACKETE - FOTO REPUBBLICA

"PERSEGUITE DALLA GIUSTIZIA ITALIANA" - La medaglia vuole simboleggiare "la solidarietà e l'impegno di Parigi per il rispetto dei diritti umani" e va alle due operatrici umanitarie tedesche "ancora perseguite dalla giustizia italiana", si legge nel documento.

 

LA REAZIONE DI SALVINI - "Il Comune di Parigi evidentemente non ha di meglio da fare che premiare questi soggetti qua". Così Matteo Salvini, nel corso di una diretta Facebook commenta l'onoreficienza assegnata a Carola Rackete.

MEME - CAROLA RACKETE COME LA ISOARDI IN BRACCIO A SALVINI MEME - CAROLA RACKETE COME LA ISOARDI IN BRACCIO A SALVINI

 

"Un bacione a Carola, nonostante mi voglia chiudere il profilo Fb, questa potrebbe essere l'ultima diretta - afferma il vicepremier - in fin da conti le vogliamo tanto tanto bene, perché ha portato una ventata di simpatia in un paese bello ma strano, che indaga un ministro e libera signorine che attaccano motovedette della Guardia di finanza. Vediamo di renderlo sempre più bello questo Paese e meno strano, accelerando la riforma della giustizia".

 

3 – L'AVVOCATO DI CAROLA A RADIO CAPITAL: "TEMIAMO PER LA SUA INCOLUMITÀ. RICHIESTA SEQUESTRO SOCIAL DI SALVINI? SI SEQUESTRA CIO' CHE SI USA IN MODO DELITTUOSO"

la foto di carola sul profilo vkontakte di giancarmine bonamassa 1 la foto di carola sul profilo vkontakte di giancarmine bonamassa 1

Da “Radio Capital”

 

La querela di Carola Rackete contro Matteo Salvini sta per arrivare. La capitana della Sea Watch dovrebbe presentarla già oggi, e chiedere il sequestro degli account facebook e twitter del ministro dell'Interno, da dove sono partiti quelli che nella denuncia vengono definiti "messaggi d'odio".

 

CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE

Dopo tutto quello che si è detto e scritto, c'è timore per l'incolumità della capitana? "Abbiamo anche questo timore", ammette Alessandro Gamberini, l'avvocato di Carola, in un'intervista a Radio Capital, "Se una persona viene indicata come un'assassina in libertà, come una delinquente, come un personaggio da mettere all'indice, poi non si sa quali sono le reazioni da parte di coloro che, seguendo queste indicazioni, possono adottare comportamenti gravi nei suoi confronti, anche aggressivi dell'incolumità fisica. Io ho questo timore. Lo scatenamento del discorso dell'odio poi non si controlla più. Chiunque istiga a delinquere in quel modo non ha il controllo poi del comportamento di coloro che vengono istigati".

Joe Kaeser Joe Kaeser

 

A proposito del sequestro degli account social, Gamberini ricorda che "ci sono già delle sentenze: non è sequestrabile un quotidiano online con direttore responsabile, che gode delle garanzie dell'articolo 21, ma sono sequestrabili blog e pagine facebook che fanno discorsi diffamatori, che costituiscono reato, quindi non è possibile lasciarle intatte a continuare un'attività che a quel punto è criminosa.

 

CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE MATTEO SALVINI PROVA IL TASER MATTEO SALVINI PROVA IL TASER

Nessuno vuol sequestrare nulla a Salvini: si sequestra ciò che è usato in modo incontinente, aggressivo e quindi delittuoso", specifica l'avvocato, "Nessuno vuole limitare la sua libertà di espressione politica, può fare anche critiche feroci, ma si vuole impedire che possa usare questi strumenti facendo dei reati. Lo si fa a lui come lo si farebbe a qualsiasi altro cittadino. O pensa di avere un privilegio, che lui possa delinquere e altri no?"

 

4 – MINACCE DI MORTE ALL’AMMINISTRATORE DELEGATO DI SIEMENS

Da www.cdt.ch

 

Joe Kaeser 1 Joe Kaeser 1

L’amministratore delegato di Siemens, Joe Kaeser, ha ricevuto minacce di morte con una e-mail proveniente da «adolf.hitler@nsdap.de», chiaramente proveniente da ambienti di estrema destra.

 

La procura della Repubblica tedesca ha aperto un’indagine, senza rilasciare ulteriori informazioni sull’e-mail minatoria oltre al fatto che in essa il manager sarebbe stato identificato come «il prossimo Luebcke», l’amministratore locale della CDU assassinato a inizio giugno da un neonazista in Germania.

MATTEO SALVINI BY LUGHINO MATTEO SALVINI BY LUGHINO

 

Secondo «Wirtschaftswoche», a scatenare le minacce sarebbero stati i tweet che il manager aveva scritto durante la vicenda della Sea Watch a sostegno della comandante Carola Rackete. L’indirizzo da cui è arrivata l’e-mail minatoria è noto alle autorità di sicurezza tedesche: già a marzo era stato usato per inviare una minaccia a un politico. Il server potrebbe trovarsi all’estero.

LA BARCA DELLA GUARDIA DI FINANZA CHE RISCHIAVA DI ESSERE AFFONDATO DA CAROLA RACKETE LA BARCA DELLA GUARDIA DI FINANZA CHE RISCHIAVA DI ESSERE AFFONDATO DA CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE E IL PADRE EKKEHART CAROLA RACKETE E IL PADRE EKKEHART I BACIONI DI MATTEO SALVINI I BACIONI DI MATTEO SALVINI CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE CAROLA RACKETE

 

Condividi questo articolo

politica

CONTE E DI MAIO ALLA GIUGULARE DI SALVINI - DOPO LA SPUTTANESCION DEL PREMIER, CHE HA RIVELATO CHE L’INVITO A SAVOINI E’ PARTITO DAL CONSULENTE DI SALVINI CLAUDIO D’AMICO, ANCHE LUIGINO ASSALTA IL MINISTRO DELL’INTERNO: “QUANDO IL PARLAMENTO CHIAMA, IL POLITICO RISPONDE” - IL LEGHISTA E' FURIBONDO: "CONTE E' STATO SLEARE" - I TIMORI NEL CARROCCIO: “C'È IL RISCHIO CHE I GRILLINI AD UN CERTO PUNTO CI MOLLINO E, NON AVENDO IL CORAGGIO DI ANDARE AD ELEZIONI, FACCIANO UN ALTRO GOVERNO…”

SOVRANISMO ALL'AMATRICIANA – SALLUSTI: “CON PUTIN MA ANCHE CON IL SUO RIVALE TRUMP; CON TRUMP MA ANCHE CON LA SUA ACERRIMA NEMICA CINA, ALLA QUALE ABBIAMO APERTO LA VIA DELLA SETA; CONTRO L'EUROPA MA ANCHE CON L'EUROPA QUANDO SI TRATTA DI SPARTIRE LE POLTRONE. UNA NAZIONE CHE NON HA UNA POLITICA ESTERA NON PUÒ AVERNE UNA INTERNA: MORTE AI BENETTON IN AUTOSTRADE MA ANCHE VIVA I BENETTON IN ALITALIA; MAI TAV MA ANCHE SÌ TAV, E VIA DICENDO. CONTRADDIRSI È L'UNICA COERENZA DI QUESTO GOVERNO”