NON SOLO EMILIA ROMAGNA, CONTINUA LA MARCIA DI SALVINI SU ROMA: DOPO IL 26 GENNAIO PARTIRA' “L'OPERAZIONE CAPITALE” - E’ PRONTO UN NUOVO TOUR PER STRADE E QUARTIERI PER SFRATTARE VIRGINIA RAGGI PRIMA DEL TEMPO - LA STRATEGIA DEL LEGHISTA È CHIARA: SE VINCE LA BORGONZONI, PUNTERÀ SUBITO ALLA CONQUISTA DEL CAMPIDOGLIO…

-

Condividi questo articolo

salvini raggi salvini raggi

Marco Antonellis per Dagospia

 

"Autobus che prendono fuoco, metropolitane ferme da mesi, e adesso l'incredibile Raggi ferma pure le automobili. Salviamo Roma e i Romani da questi incapaci!!!". Questa una delle ultime dichiarazioni del Capitano leghista Matteo Salvini. Già, perché nell'attesa di riuscire ad espugnare il fortino rosso dell'Emilia Romagna, il leader di via Bellerio non ha certo dimenticato la Capitale.

 

salvini raggi 3 salvini raggi 3

E, sotto sotto, sta facendo campagna acquisti dalle parti del centrodestra: "Purché sia gente con i voti" spiegano in Transatlantico. Ovvero, politici di lungo corso in grado di spostare realmente le intenzioni di voto dei romani. Ed ecco infatti che negli ultimi giorni sono passati sotto le insegne della Lega (lasciando Forza Italia) Fabio e Stefano de Lillo, due nomi elettoralmente pesanti per chi conosce le dinamiche elettorali capitoline. Ma non è finita qui perché molto riservatamente il capo della Lega sta sondando diversi nomi eccellenti. E sta preparando un nuovo tour per le strade e le piazze della Capitale: l'obiettivo è portare le insegne leghiste in Campidoglio quanto prima.

 

carlo calenda direzione del pd 4 carlo calenda direzione del pd 4

"Se vinciamo in Emilia Romagna può cadere il governo e a quel punto chiederemo le elezioni anticipate non solo per Palazzo Chigi politiche ma anche per la Capitale". Insomma, la strategia leghista prevede che una volta espugnata l'Emilia tutto venga rimesso in discussione, non solo a livello nazionale, accentuando a dismisura le pressioni affinché il mandato della Raggi finisca anticipatamente. Salvini è pronto: alle ultime Europee la Lega ha raggiunto il 25,7% in citta' - con punte oltre il 30% nelle periferie- andando di fatto a sostituire i 5Stelle.

 

Dario Franceshini e Michela De Biase Dario Franceshini e Michela De Biase

Nel frattempo anche il centrosinistra lavora sottotraccia all'eventuale sfida elettorale, lavorando alle possibili candidature in caso di elezioni anticipate: tra i nomi più gettonati ci sono quelli di Michela Di Biase, compagna di Dario Franceschini e Sabrina Alfonsi presidente del Municipio del centro storico. Resta in pista anche il nome di Roberto Morassut ma il nome preferito dai vertici dem rimane sempre quello di Carlo Calenda.

roberto morassut roberto morassut matteo salvini e virginia raggi 12 matteo salvini e virginia raggi 12

 

Condividi questo articolo

politica

IL GOVERNO TROVERÀ UNA MAGGIORANZA? PER RENZI, NO: “HANNO SBAGLIATO I CONTI. QUELLI CHE SE NE OCCUPANO AVEVANO FATTO CREDERE ANCHE AL PD CHE I NUMERI C'ERANO E CHE IL PREMIER ERA BLINDATO, MA NON È COSÌ E ORA ANCHE I DEM SE NE SONO ACCORTI” - “TUTTI SANNO CHE NON CI SARANNO LE ELEZIONI E QUINDI SI RENDONO CONTO CHE SE ANCHE QUESTO GOVERNO NON CE LA DOVESSE FARE NON SI VA AL VOTO MA SI TROVA UN ALTRO GOVERNO” - L’IDEA DELL’ASTENSIONE “TATTICA” IN SENATO AL MOMENTO DELLA FIDUCIA PER TORNARE IN PARTITA…