UNA NUOVA SCONFITTA PER CONTE: STEFANIA CRAXI È IL NUOVO PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ESTERI DEL SENATO, AL POSTO DELL'EX GRILLINO VITO PETROCELLI - I VOTI A SUO FAVORE SONO STATI 12 - MENTRE 9 VOTI SONO ANDATI A ETTORE LICHERI (M5S), UNO SI E’ ASTENUTO - PEPPINIELLO APPULO HA CONVOCATO UN CONSIGLIO NAZIONALE STRAORDINARIO DEL M5S DOPO LA SCOPPOLA...

-

Condividi questo articolo


stefania craxi davanti a santa caterina foto di bacco (3) stefania craxi davanti a santa caterina foto di bacco (3)

SENATO: STEFANIA CRAXI PRESIDENTE COMMISSIONE ESTERI 

(ANSA) - Stefania Craxi è il presidente della commissione esteri di palazzo Madama. I voti a suo favore sono stati 12, 9 voti sono andati a Ettore Licheri (M5s) e un astenuto.

 

M5S: CONSIGLIO STRAORDINARIO DOPO ELEZIONI COMM. 
(ANSA) - Convocato un consiglio nazionale straordinario del M5s dopo l'elezione di Stefania Craxi a presidente della Commissione Esteri del Senato. A quanto si apprende lo avrebbe convocato lo stesso Giuseppe Conte per capire le dinamiche che hanno portato il Movimento a perdere la presidenza della commissione.

 

UCRAINA: S.CRAXI, SERVE DUREZZA NECESSARIA PER DIALOGO 

(ANSA) - "Non ho mai fa tto una questione di incarichi. Sono onorata di questa scelta della commissione Esteri. La prima cosa che mi sento di dire è che la politica estera di un grande paese non deve essere un argomento che divide maggioranza e opposizione soprattutto in un momento così delicato della storia del mondo, quindi lavoreremo insieme. Bisogna immediatamente dare dei segnali chiari: c'è una guerra in corso, bisogna usare la durezza necessaria per condurre a un dialogo, la commissione darà segnali in questo senso". Sono le parole di Stefania Craxi appena eletta presidente della commissione esteri di palazzo Madama.

stefania craxi foto di bacco (1) stefania craxi foto di bacco (1) stefania bettino craxi stefania bettino craxi

 

Condividi questo articolo

politica

“TORNA IN MENTE LA FRASE DI DRAGHI SU ERDOGAN ‘DITTATORE DI CUI SI HA BISOGNO’. ORA IL PREMIER LO PROMUOVE A ‘PARTNER, AMICO E ALLEATO’” - TRAVAGLIO FA IL CONTROPELO A MARIOPIO E ALLA SUA VISITA IN TURCHIA: “DOPO LA SCENA VOMITEVOLE DELLE SUFFRAGETTE DI ERDOGAN CHE AD ANKARA STRINGONO MANI INSANGUINATE, FIRMANO AFFARI SULLA PELLE DEI CURDI E SE LA RIDONO ALLE LORO SPALLE, SI SPERA CHE LORSIGNORI NON OSERANNO MAI PIÙ TENERE LEZIONI SU AGGRESSORI E AGGREDITI, LIBERALDEMOCRAZIE E DITTATURE, INVII DI ARMI PER DIFENDERE I VALORI OCCIDENTALI. NON C'È ALCUN VALORE O PRINCIPIO: SOLO BIECHI INTERESSI GEOPOLITICI, STRATEGICI, MILITARI E AFFARISTICI”