ORA FANNO LA GUERRA PURE SULLA GUERRA - LA MINISTRA TRENTA SCEGLIE IL TEMA DELL''INCLUSIONE'' PER LA PARATA MILITARE DEL 2 GIUGNO, UN BELLO SCHIAFFO ALLA LEGA, TANTO CHE PERSINO SENSI DEL PD PARLA DI ''PATETICO E RIDICOLO CRESCENDO ROSSINIANO CONTRO SALVINI'' - MELONI: ''FANNO VERGOGNOSA PROPAGANDA SULLA PELLE DEI MILITARI''

-

Condividi questo articolo

 

1. FESTA DEL 2 GIUGNO, LA DIFESA SCEGLIE COME TEMA "L'INCLUSIONE"

Lorenzo Vita per www.ilgiornale.it

 

Anche la Festa del 2 Giugno entra nel dibattito politico e rischia di trasformarsi in un nuovo terreno di scontro.

salvini trenta salvini trenta

 

Il ministero della Difesa, guidato dalla pentastellata Elisabetta Trenta, ha comunicato in una nota che il tema della festa della Repubblica - dove le Forze armate sfileranno, come di consueto, per via dei Fori Imperiali a Roma - sarà l'"inclusione". Un tema che, come evidenziato da fonti della Difesa all'Adnkronos, "vuole evidenziare la volontà di non lasciare indietro nessuno, di combattere contro le emarginazioni sociali. Un segno di attenzione agli ultimi per un evento che ha di per sé un carattere inclusivo proprio perché si svolge in occasione della Festa della Repubblica, ricorrenza che unisce tutti gli Italiani".

 

E così, anche la parata militare per il 73esimo anniversario della proclamazione della Repubblica entra di diritto nella sfida politica. Perché è chiaro che questa decisione ha un evidente messaggio politico in un momento in cui la Difesa è al centro di una sfida infinita fra Matteo Salvini e il Movimento 5 Stelle che riguarda, in particolare, il tema dell'immigrazione. E non è un caso che l'opposizione sia già partita all'attacco, con il deputato Pd Filippo Sensi che parla, non senza ragione, di "un polemico e un po' ridicolo crescendo rossiniano contro Salvini" orchestrato dalla titolare del dicastero che guida le Forze armate.

salvini ignora elisabetta trenta salvini ignora elisabetta trenta

 

Lo scontro è ormai all'ordine del giorno. E iniziano a essere preoccupati anche i vertici militari. Le Forze armate sanno di essere al centro di una sfida totalmente interna all'esecutivo giallo-verde. E il pericolo è che arrivi il messaggio sbagliato, ovvero che i militari siano strumento di propaganda. E in molti stanno storcendo il naso alle decisioni assunte dalla Trenta e per l'immagine che si sta dando in queste settimane della Difesa come di un territorio di caccia: non ultimo il generale Marco Bertolini, che in un'intervista ha detto chiaramente che "tutti i militari sono sovranisti" e che i provvedimenti assunti da Trenta sono "pericolosi". E da tempo la Lega ha un pensiero deciso nei confronti di chi debba guidare il ministero: "I militari meritano di più".

 

CONTE E SALVINI CONTE E SALVINI

 

2 GIUGNO: MELONI, DA CONTE VERGOGNOSA PROPAGANDA

 (ANSA) - "Vergognosa propaganda anti militarista del Presidente del Consiglio Conte degna dei 'figli dei fiori'. Ha annunciato che la Difesa rinuncia all'acquisto di cinque fucili per finanziare una borsa di studio sulla pace, aggiungendo strafottente che i militari rimasti senza armi 'andranno nelle retrovie a parlare di pace'.

 

È solo l'ultimo di una serie di episodi analoghi fatti da questo Governo per smantellare e umiliare le nostre Forze Armate: dalla censura del video dell'esercito alla prossima parata del 2 giugno dedicata 'all'inclusione'. Piena solidarietà di Fratelli d'Italia alle nostre Forze Armate che difendono i confini, la libertà e l'indipendenza della Patria, nonostante gli insulti di chi ci governa". E' quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

 

 

salvini e conte guardia di finanza salvini e conte guardia di finanza giorgia meloni giorgia meloni

 

 

Condividi questo articolo

politica