ORA IL MOVIMENTO CINQUE STELLE È DAVVERO COME TUTTI GLI ALTRI - PER COMPLETARE LA TRANSIZIONE MANCAVA SOLO IL FINANZIAMENTO PUBBLICO, ULTIMO TOTEM ABBATTUTO IERI CON L’OK ALL’ACCESSO AL DUE PER MILLE - M. FELTRI: “SI SONO ACCORTI CHE FARE POLITICA COSTA, SPECIALMENTE SE HAI UN LEADER NON PIÙ PREMIER A CUI TOCCA PAGARSI ANCHE I TRENI PER ANDARE AI COMIZI. FORSE HA RAGIONE DI BATTISTA: SONO DIVENTATI COME L'UDEUR. MA ANCORA SENZA UN CLEMENTE MASTELLA, PURTROPPO…”

-

Condividi questo articolo


1 - IL GIOCO E LA CANDELA

Mattia Feltri per "La Stampa"

 

GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE

A me questi cinque stelle cominciano a piacere sempre di più e infatti, porca miseria, appena cominciano a piacermi non fanno più notizia. Probabilmente vi sarà sfuggita un'assemblea dei parlamentari grillini che nella tarda serata di giovedì, sotto l'imperiosa guida di Giuseppe Conte, ha deciso a travolgente maggioranza di accedere al due per mille. Cioè al finanziamento pubblico.

 

CONTE TONINELLI CONTE TONINELLI

Già avevo raggiunto l'estasi quando il presidente della Camera, Roberto Fico, si era presentato alla tribuna d'onore dello stadio Olimpico con una scorta da Dott. Ing. Gran. Mascalzon. Lup. Mann. - otto guardie! Persino troppo ma, se serviva per dare il buon esempio, ben fatto.

 

Io sono a favore di tutti i privilegi, compresi quelli non ancora inventati, sebbene non li chiami privilegi ma ovvie dotazioni economiche e di sicurezza che lo Stato garantisce a chi lavora per lo Stato in rappresentanza dei cittadini.

 

BEPPE GRILLO IN COLLEGAMENTO CON CONTE. BEPPE GRILLO IN COLLEGAMENTO CON CONTE.

Ora i cinque stelle si sono accorti che fare politica costa, specialmente se hai un leader non più premier a cui tocca pagarsi anche i treni per andare ai comizi. Non siete convinti? Bè, mi gioco il jolly: l'unico contrario era Danilo Toninelli. In realtà ce n'era pure un altro, un certo Davide Zanichelli che voleva sapere quanto avrebbero incassato, cioè «se il gioco vale la candela».

 

alessandro di battista alessandro di battista

Come dire, non siamo in vendita, fino a un certo prezzo. Forse ha ragione Alessandro Di Battista: sono diventati come l'Udeur. Ma ancora senza un Clemente Mastella, purtroppo. Io però ho pazienza e arriverà il giorno in cui reintrodurranno l'immunità parlamentare, e quel giorno mi iscriverò al Movimento. Corrente mastelliana, naturalmente.

 

2 - CONTE DICE SÌ AI SOLDI DEL 2 PER MILLE NEI CINQUE STELLE CADE UN ALTRO TABÙ

Federico Capurso per "La Stampa"

 

Il rifiuto di ogni tipo di finanziamento pubblico era uno degli ultimi totem del Movimento rimasti in piedi. Ma un partito ha dei costi, le casse languono e per Giuseppe Conte, ormai, si tratta di sopravvivenza: è tempo di «abbracciare la novità del 2 per mille», annuncia ai parlamentari M5S riuniti in assemblea mercoledì, quando è quasi mezzanotte.

GIUSEPPE CONTE E BEPPE GRILLO A MARINA DI BIBBONA GIUSEPPE CONTE E BEPPE GRILLO A MARINA DI BIBBONA

 

«Qualcuno ha espresso qualche dubbio, ma la stragrande maggioranza dei presenti conferma la sua disponibilità», dice il leader dei Cinque stelle, annunciando che tra lunedì e martedì la svolta verrà «affrontata sul web. E la votazione - sottolinea - non solo è opportuna, ma necessaria».

 

E la necessità più forte, in prospettiva, è quella di far fronte a una campagna elettorale. Difficile accedere alla prima tranche di fondi del 2 per mille in arrivo a dicembre. Più probabile che il tesoriere Claudio Cominardi possa vedere entrare qualcosa in cassa solo a giugno 2022. Tardi, in caso di elezioni anticipate.

CLAUDIO COMINARDI CLAUDIO COMINARDI

 

Ma al di là dei calcoli da contabili, resta sul terreno l'ennesimo tabù infranto, un altro vecchio arnese grillino pronto per essere archiviato. «Bisogna essere sinceri ed evitare le ipocrisie», scrolla le spalle l'ex capo politico Vito Crimi.

 

«Ci sarà una forte riduzione di parlamentari dovuta al taglio degli eletti e al calo dei consensi, bisogna prendere atto della necessità di questi fondi». Pragmatismo puro, sporcato da un'illusione finale: «Rimaniamo quello che siamo, un movimento politico».

 

DI BATTISTA TONINELLI DI BATTISTA TONINELLI

Ma la realtà è che di quello che erano i Cinque stelle del 2013 non è rimasto quasi nulla. È finito il tempo dello streaming, del divieto di andare in tv, dell'orizzontalità nelle gerarchie e nelle scelte politiche, del rifiuto delle alleanze, di quel modello «senza sedi, soldi e tesori» che invocava Grillo appena un anno fa.

 

All'interno dei gruppi si prende atto del giro di boa come di un avvenimento inevitabile, perché «le donazioni degli attivisti sono drasticamente calate - ammette un deputato della vecchia guardia -. Anche le restituzioni di deputati e senatori non bastano, la maggior parte di noi è in ritardo con i versamenti e molti non vogliono più restituire perché sanno che non saranno rieletti e magari nemmeno ricandidati».

beppe grillo al mare in sardegna 10 beppe grillo al mare in sardegna 10

 

Fuori, Alessandro Di Battista continua la sua operazione di cannoneggiamento contro il suo ex partito: «Il Movimento votò contro la legge del governo Letta che istituiva il 2x1000 ai partiti sostenendo che fosse un finanziamento pubblico mascherato, ed era un bel Movimento», scrive sui social. Si contava sulle donazioni degli attivisti, e «i soldi arrivavano perché c'era identità - ricorda l'ex deputato -. Oggi il neo-movimento si avvita su se stesso. Incapace di ottenere donazioni puntando sull'identità, segue la strada di tutti gli altri partiti, che un tempo non avrebbe imboccato nemmeno sotto tortura».-

 

Condividi questo articolo

politica

“IL M5S MANTERRÀ L'IMPEGNO CON DRAGHI E CONTINUERÀ A SOSTENERE IL GOVERNO” – BEPPE GRILLO ACCANTONA L’ANTI-DRAGHISMO DI CONTE E FA CAPIRE AI PARLAMENTARI M5S QUALE SIA LA LINEA – AL CENTRO DELLE DISCUSSIONI ANCHE LE QUESTIONI ECONOMICHE: LE CASSE M5S SONO MEZZE VUOTE E CONTE HA LANCIATO UNA PROPOSTA: INVERTIRE LA QUOTA DESTINATA AL PARTITO (1.000 EURO MENSILI) CON QUELLA DESTINATA ALLE RESTITUZIONI (1.500 EURO MENSILI) - COSÌ IL MOVIMENTO AVREBBE LIQUIDITÀ PER AFFRONTARE LA CAMPAGNA ELETTORALE E GLI ULTIMI MESI DI LEGISLATURA…

“MESTIZIA” SE NE FACCIA UNA RAGIONE: LA LEGA NON VUOLE MOLLARE SULLA CANDIDATURA DI FONTANA – IERI SALVINI E GIORGETTI SONO ANDATI AL PIRELLONE PE RASSICURARE IL GOVERNATORE USCENTE E LANCIARE UN MESSAGGIO AGLI ALLEATI: LA LOMBARDIA È DEL CARROCCIO E NON SI TOCCA -  BERLUSCONI È D’ACCORDO CON LA RICANDIDATURA, E ANCHE LA MELONI È POSSIBILISTA. MA CHE FARE CON LA MORATTI? LA SOLUZIONE POTREBBE ESSERE UN TANDEM CON IL GOVERNATORE. DI SICURO CON L’AUTOCANDIDATURA HA CREATO UN’ALTRA BELLA ROGNA AL “CAPITONE”