NEL PAESE DEI CONTE, ANCHE DI MAIO SEMBRA UN RE – MENTRE IL MOVIMENTO 5 STELLE IMPLODE TRA TABÙ CHE CADONO E CONSENSI CHE CROLLANO, L’IMMAGINE DI LUIGINO RIMANE INTONSA. ANZI, MIGLIORA: SI DICE CHE DRAGHI LO STIMI, E AI CONSIGLI DEI MINISTRI LUI SI ATTEGGIA A TECNICO E DISPENSA CONSIGLI DA STATISTA – DA MANETTARO A GARANTISTA, DA GILET GIALLO A FAN DEL TRATTATO DEL QUIRINALE: LA TRASFORMAZIONE DELL’EX BIBITARO, CHE MENTRE CONTE ARRANCA, È L'UNICO CHE TOCCA PALLA SULLE NOMINE (VEDI ALLA VOCE RAI)

-

Condividi questo articolo


Susanna Turco per “L’Espresso”

 

LUIGI DI MAIO ALLA FIRMA DEL TRATTATO DEL QUIRINALE - MEME BY OSHO LUIGI DI MAIO ALLA FIRMA DEL TRATTATO DEL QUIRINALE - MEME BY OSHO

In piena contraddizione con le sue origini (il Vaffa), in controtendenza rispetto a un tempo in cui tutto si sperpera e disfa, pure le reputazioni, Luigi Di Maio è impegnato da mesi in una clamorosa operazione da formichina - condotta in buona parte sulla pelle di Giuseppe Conte - consistente anzitutto in una dissimulazione nella quale il ministro degli Esteri si rende identico al colore di pareti, arazzi o poltrone sui quali transita o siede.

giuseppe conte e luigi di maio con la card del reddito di cittadinanza giuseppe conte e luigi di maio con la card del reddito di cittadinanza

 

Figurarsi che in Consiglio dei ministri, cui partecipa per la terza volta in tre governi, riesce persino nell'impresa di atteggiarsi a tecnico. Si comporta cioè come uno che sia stato chiamato lì come esperto della materia: l'unica cosa, tra tante, che di certo non è.

 

luigi di maio a porta a porta luigi di maio a porta a porta

Funziona, comunque, lo fa allegro: per quanto gli resti incrostato qualcosa d'un Angelino Alfano, non c'è nessuno che se la passi così bene. Nei Cinque Stelle sicuro. Forse anche fuori. In questa specie di anno zero che è la coda del 2021, sembra aver moltiplicato le forze.

 

LUIGI DI MAIO IN VERSIONE CAVALIERE DELLA GRAN CROCE DI ISABELLA LA CATTOLICA LUIGI DI MAIO IN VERSIONE CAVALIERE DELLA GRAN CROCE DI ISABELLA LA CATTOLICA

Azzimato e felice come un jack da Burraco in viaggio di Stato a Madrid, a cena a Palazzo reale e insignito - come già Andreotti e Casini - con la fascia gialla da Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica. Mondano e a suo agio come un Bruno Vespa, al lancio della sua autobiografia di trentacinquenne, quando spiega (per la gelosia di Salvini) che con Giorgetti mangia la pizza una volta al mese.

 

Dolente come una prefica quando a maggio si scusò col sindaco di Lodi, Uggetti, proclamando «grottesche e disdicevoli» le gogne mediatico-giustizialiste a suo tempo inscenate. Proprio lui, già campione del «parliamo di Bibbiano». La metamorfosi era cominciata prima del governo Draghi: verso la fine del Conte I. Ha contato non poco il torcersi dello sguardo internazionale.

 

augusto rubei laura luigi di maio virginia saba augusto rubei laura luigi di maio virginia saba

L'uomo che da ministro dello Sviluppo Economico aveva fatto largo al memorandum d'intesa sulla Nuova via della seta ha con accortezza accantonato gli entusiasmi filo cinesi (ma certo non l'ex ambasciatore a Pechino Ettore Sequi, figura chiave della sua Farnesina) per volgersi a un fervente atlantismo.

 

Una svolta attribuita anche agli uffici del suo ex portavoce Augusto Rubei, ora passato alle relazioni internazionali di Leonardo, ex Finmeccanica. Ma non è solo questo: basti considerare quanto la sua immagine sia rimasta immutata lungo lo sputtanarsi integrale del Movimento, tra la scatoletta di tonno e l'oggi. L'aiuta non poco la modestia dell'azione di Conte, che dovrebbe rubargli la scena e che invece, come previsto, gliela regala.

LA CENA GIORGETTI-DI MAIO VISTA DA OSHO LA CENA GIORGETTI-DI MAIO VISTA DA OSHO

 

L'avvocato del popolo - oggi «specialista dei penultimatum» - continua in effetti ad incarnare il ruolo in cui lo condannò a febbraio Grillo: nuovo capo di M5S, in teoria. Scelta plaudita da Di Maio il quale, ben ritirato, aveva provveduto per tempo a stringere i rapporti con Mario Draghi (già a giugno 2020), mentre Conte ancora tesseva la vana tela del suo "ter" a Palazzo, con Bettini e Gianni Letta.

 

sergei lavrov luigi di maio sergei lavrov luigi di maio

L'apoteosi è di questi giorni, con la vicenda Rai: l'ex premier s' è lamentato di non aver toccato palla, ma tutti sanno che gli accordi sulle nomine (Monica Maggioni) sono passati per il ministro degli Esteri. Il quale insomma sembrerebbe quasi un genio delle manovre: aiutato però assai dal fatto di muoversi in un «Parlamento di impediti», come direbbe Rino Formica.

GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI LUIGI DI MAIO GIANCARLO GIORGETTI MARIO DRAGHI LUIGI DI MAIO

il libro di luigi di maio il libro di luigi di maio

luigi di maio foto di bacco (9) luigi di maio foto di bacco (9) luigi di maio e bianca berlinguer foto di bacco luigi di maio e bianca berlinguer foto di bacco di maio giorgetti di maio giorgetti myrta merlino luigi di maio foto di bacco (6) myrta merlino luigi di maio foto di bacco (6) luigi di maio. luigi di maio. luigi di maio bianca berlinguer maurizio molinari foto di bacco (6) luigi di maio bianca berlinguer maurizio molinari foto di bacco (6) elisabetta sgarbi luigi di maio foto di bacco (2) elisabetta sgarbi luigi di maio foto di bacco (2) luigi di maio foto di bacco luigi di maio foto di bacco

LUIGI DI MAIO PERDE LA MEMORIA SU BIBBIANO - MEME BY OSHO LUIGI DI MAIO PERDE LA MEMORIA SU BIBBIANO - MEME BY OSHO vincenzo spadafora e luigi di maio vincenzo spadafora e luigi di maio luigi di maio cartabianca luigi di maio cartabianca luigi di maio a uno mattina luigi di maio a uno mattina DARIO NARDELLA E LUIGI DI MAIO DARIO NARDELLA E LUIGI DI MAIO luigi di maio a tg2 post luigi di maio a tg2 post luigi di maio elisabetta belloni luigi di maio elisabetta belloni

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, CHISSÀ SE DOPO L'AVVISO DI GARANZIA AL LORO BENEFATTORE GRILLO, I GRILLINI E TRAVAGLIO SI SCOPRIRANNO "GARANTISTI". NON MI STUPIREI SE INIZIASSERO A PENSARE DI VOTARE BERLUSCONI… - DI FRONTE AGLI IPOCRITI, AI CALCOLATORI, AI FURBASTRI CHE SI ACQUATTANO COME CONIGLI NELLA TANA DEI MESSAGGI CRIPTICI, DELLE ALLUSIONI, DEI TATTICISMI, ECC. ECC. UNO COME BERLUSCONI CHE (PIACCIA O MENO) ROMPE GLI SCHEMI ED ESCE ALLO SCOPERTO ALLA LUCE DEL SOLE APPARE UN LEONE…

 

“CHI È POSITIVO AL COVID DEVE POTER VOTARE”. DA FRATELLI D’ITALIA AI 5 STELLE, SALE IL PRESSING PER FAR VOTARE I GRANDI ELETTORI CONTAGIATI: LE AUTORITÀ SANITARIE POSSONO AUTORIZZARE GLI SPOSTAMENTI DA UN DOMICILIO A UN ALTRO, CON MEZZI SPECIALI PER GARANTIRE LA MASSIMA TUTELA – I DEM CHIUDONO: “NON CI SONO LE CONDIZIONI” – ESCLUSO IL VOTO A DISTANZA, PROPOSTO UN COVID HOTEL DAVANTI A MONTECITORIO PER VOTARE POI NEL CORTILE DELLA CAMERA. ATTUALMENTE I POSITIVI TRA CAMERA E SENATO SONO UNA QUARANTINA…

DATE TUTTO IL CANONE ALLA RAI E NESSUNO ROMPERÀ PIÙ LE PALLE - L'AD DELLA TV PUBBLICA, CARLO FUORTES, È ANDATO A PROTESTARE IN SENATO PERCHÉ LA RAI PERCEPISCE SOLO L'86% DEI 90 EURO CHE NOI PAGHIAMO: "SE NELLE CASSE ARRIVASSE L'INTERO CANONE MOLTI DEI DISCORSI CHE STIAMO FACENDO NON SAREBBERO FATTI E IL RICAVO SAREBBE SUFFICIENTE PER GESTIRE L'AZIENDA" - OGNI ANNO VENGONO REGISTRATE MENO RISORSE, PARI A 240 MILIONI DI EURO - COI NOSTRI SOLDI FINANZIAMO PURE TV, GIORNALI E RADIO COMMERCIALI LOCALI DI CUI IGNORIAMO L'ESISTENZA...