IL PARTITO TORY DI BORIS JOHNSON SEMBRA IL CAST DI UN B-MOVIE DEGLI ANNI SETTANTA: PARTY SEGRETI, MANINE MOLESTE, ALCOL A FIUMI. L’ULTIMO CASO È QUELLO DI CHRIS PINCHER, COSTRETTO A DIMETTERSI PER AVER AVER PALPEGGIATO DUE IN UN CLUB PRIVATO DI LONDRA – LA MORALE È SEMPRE LA SOLITA: SPESSO CHI IN PUBBLICO FA IL BIGOTTONE, IN PRIVATO NE COMBINA UNA PIÙ DEL DIAVOLO, UNA VOLTA MOLLATI I FRENI INIBITORI

-

Condividi questo articolo


Erica Orsini per “il Giornale”

 

chris pincher chris pincher

Qualcuno lo ha già soprannominato il Weinstein di Poundland, come a dire un molestatore da quattro soldi, con il vizio del bere e la passione per i ragazzi muscolosi. A vederlo, Chris Pincher, ex vice capogruppo parlamentare dei Tories, con quei suoi completini grigi stazzonati e lo sguardo malinconico, non si direbbe proprio nasconda un'anima ambigua. Invece, giovedì sera, quando i tabloid nazionali erano pronti a diffondere la notizia, quest' ometto dall'apparenza innocua ha rassegnato le dimissioni dicendo di «aver messo in imbarazzo se stesso e le persone intorno a lui».

 

chris pincher boris johnson 2 chris pincher boris johnson 2

Che era successo? Lo ha subito raccontato il Sun, il primo giornale a riportare la notizia delle dimissioni. Mister Pincher, mercoledì si trovava al Carlton Club, l'esclusivo club riservato ai membri del partito, dove, in preda ai fumi dell'alcol, ha molestato due persone. Secondo una fonte di Sky News uno è un collega e anche l'altro potrebbe lavorare ai Comuni.

 

Alcuni testimoni hanno poi spiegato alla BBC che il deputato era stato visto «estremamente ubriaco», nella piccola sala dotata di bar in cui si trovavano anche altri parlamentari, ministri e membri dello staff che lavorano nel settore delle pubbliche relazioni. Nella lettera in cui annunciava la sua volontà di andarsene Pincher aveva scritto al Primo Ministro: «la scorsa notte ho bevuto troppo.

 

chris pincher 3 chris pincher 3

Credo che la cosa giusta da fare sia dimettermi, lo devo a te a tutte le persone a cui ho causato disagio». In un primo momento, a Downing Street non è rimasto che rilasciare uno scarno comunicato interlocutorio descrivendo Pincher come «un leale Conservatore che ha riconosciuto la sua malacondotta». Certamente il governo Johnson, già massacrato da diversi scandali di natura sessuale che avevano colpito i suoi deputati, avrebbe preferito glissare sulla questione, ma non c'è stato verso.

 

Gli stessi colleghi conservatori hanno tempestato di telefonate preoccupate le alte sfere e l'opposizione ha colto la palla al balzo per sparare sull'esecutivo. «Mister Johnson ci deve delle risposte - ha dichiarato la vice leader laburista Angela Rayner - su come sia stato possibile che a mister Pincher sia stato dato quest' incarico e come possa rimanere un membro del partito».

 

Alla fine, dopo che erano stati presentati dei reclami formali, il capogruppo dei Tories si è visto costretto a sospendere Pincher dalla sua attività parlamentare in attesa che l'inchiesta interna aperta sul caso sia conclusa. Un epilogo ormai quasi scontato, visto che non è la prima volta che il deputato eletto nel collegio di Tamworth nello Staffordshire, si caccia in guai simili.

chris pincher 2 chris pincher 2

 

Nel novembre 2017 infatti, aveva lasciato lo stesso ufficio e si era autodenunciato alla commissione parlamentare preposta e alla polizia, dopo aver fatto delle avances troppo spinte a Alex Story, ex vogatore olimpionico e attivista del partito. La storia era accaduta nel 2001, ma il campione sportivo l'aveva raccontata dalle colonne del Mail on Sunday soltanto 16 anni dopo, nell'ambito di alcune testimonianze sulla disinvolta condotta sessuale di alcuni deputati a Westminster. Una condotta a cui Pincher sembra non aver mai rinunciato.

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA