IL PASSATO TI TRAPASSA – LA “BILD” HA SCOVATO VECCHI DOCUMENTI CHE RIVELANO CHE IL NONNO DI ANNALENA BAERBOCK, MINISTRO DEGLI ESTERI TEDESCO, ERA UN NAZISTONE CONVINTO – LA 43ENNE, LEADER DEI VERDI E ACCESA ANTAGONISTA DELL’ESTREMA DESTRA, E’ IN IMBARAZZO: “NON LO SAPEVO” – WALDEMAR BAERBOCK ERA UN INGEGNERE, E POI UN UFFICIALE IN UN’UNITÀ CHE RIPARAVA CANNONI CONTRAEREI DIETRO IL FRONTE ORIENTALE, NELLA CAMPAGNA DI RUSSIA: NEL 1944 GLI VENNE CONFERITA LA CROCE PER "MERITI DI GUERRA". COSA HA FATTO PER MERITARLA?

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Mara Gergolet per il “Corriere della Sera”

ANNALENA BAERBOCK CON IL NONNO WALDEMAR ANNALENA BAERBOCK CON IL NONNO WALDEMAR

 

Cosa sanno i nipoti dei propri nonni, anche quando sono molto amati? Quanto devono conoscerli? E cosa deve sapere, e raccontare, una ministra degli Esteri tedesca, il cui nonno ha combattuto nelle file naziste? È la domanda che dovrà affrontare la ministra Annalena Baerbock, 43 anni, che al nonno Waldemar — morto a 103 anni — era molto legata, tanto da citarlo spesso nei suoi discorsi. Il settimanale Bunte — ripreso dalla Bild in prima pagina — ha avuto accesso ai dossier del nonno di Baerbock nella Wehrmacht. E quegli anni passati nell’esercito, di cui si era sempre rifiutato di parlare, potrebbero essere più oscuri di quel che i nipoti sospettavano.

 

annalena baerbock annalena baerbock

Waldemar Baerbock era un ingegnere, e poi un ufficiale in un’unità che riparava cannoni contraerei dietro il fronte orientale, nella campagna di Russia. Nel suo file si legge che era «un nazionalsocialista convinto», e ancora «che si trovava completamente sulle posizioni del nazionalsocialismo».

 

Ora, è vero come nota anche la Bild che le cartelle degli ufficiali comprendono quasi sempre annotazioni simili, a meno che non fossero stati puniti o declassati. Non sono invece usuali la carriera che ha fatto il nonno e le decorazioni che ha ricevuto. Nel 1944, a Waldemar Baerbock è stata conferita la Croce per Meriti di guerra […] Lo sapeva la ministra?, chiede la Bild . La risposta del suo ufficio: «Questi documenti non le erano noti».

 

la ministra tedesca degli Esteri Annalena Baerbock la ministra tedesca degli Esteri Annalena Baerbock

Con le interrogazioni si potrebbe continuare: quando è che l’ufficiale Baerbock aderisce alle idee e al movimento hitleriano? Era già un nazionalsocialista degli anni Venti e Trenta? Sono domande che si pone quasi ogni famiglia tedesca. Nel caso di Baerbock, ministra su posizioni idealiste e intransigente sostenitrice dei diritti umani come metodo di politica estera […] sono tanto più pertinenti. Lei è nota per il totale ripudio delle idee di estrema destra. Ha partecipato in prima fila alle manifestazioni anti-Afd.

 

E in casa? Si sa che il tema del passato era una questione aperta in famiglia. Il padre di Annalena Baerbock aveva litigato per decenni con il suo genitore Waldemar, perché non voleva parlare di sé e della guerra. Fu solo alla fine degli anni Novanta […] che anche il nonno di Annalena ammise: «Ero nella Wehrmacht». Annalena Baerbock diventa candidata cancelliera dei Verdi, e poi ministro degli Esteri, nel 2021. Nonno Waldemar non c’è più da cinque anni.

la ministra tedesca degli Esteri Annalena Baerbock la ministra tedesca degli Esteri Annalena Baerbock

 

Ciononostante, nel libro “Ora” con cui di fatto Annalena Baerbock si presenta a 41 anni alla Germania, un’ambizione incommensurata rispetto all’esperienza maturata, nonno Waldemar è ben presente. […] Nonno Waldemar […] non spiega se quel servire nell’esercito fosse un atto «obbligato», o se il trasporto per Hitler fosse vero. Né cosa avesse fatto in suo nome. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…