LE PEN IS ON THE TABLE – ARRIVA LA CONSACRAZIONE DEFINITIVA PER LA NEO-CENTRISTA MARINE: “POLITICO” LE DEDICA UN LUNGO ARTICOLO IN CUI SPIEGA “COME È DIVENTATA RISPETTABILE” – “QUANTO È ‘NORMALE’ LE PEN E IL SUO PARTITO ‘RASSEMBLEMENT NATIONAL’? SI TRATTA DI UN MOVIMENTO POPULISTA DI DESTRA SULLA FALSARIGA DEL GOVERNO DEL PRIMO MINISTRO ITALIANO GIORGIA MELONI, IL CUI ABBAIARE È MOLTO PEGGIORE DEL SUO MORSO?” – LA DUCETTA HA IMBARCATO ZEMMOUR E NON LE PEN PERCHÉ TEME DI PRENDERE MENO VOTI E NON COMANDARE PIÙ IN ECR...

-

Condividi questo articolo


MARINE LE PEN ALLA MARCIA CONTRO L'ANTISEMITISMO A PARIGI MARINE LE PEN ALLA MARCIA CONTRO L'ANTISEMITISMO A PARIGI

FLASH - COME MAI GIORGIA MELONI, CHE PENSAVA DI TIRARE MARINE LE PEN NEL GRUPPO DEI CONSERVATORI EUROPEI, HA PREFERITO IMBARCARE ZEMMOUR, ARCI RIVALE DELLA DUCIONA FRANCESE? - PERCHE' QUANDO HA VISTO I SONDAGGI CHE DANNO MARINE LE PEN VICINA AL 30% ALLE PROSSIME EUROPEE, SOGLIA CHE POTREBBE RAGGIUNGERE ANCHE FRATELLI D'ITALIA, SI E' POSTA L'AMLETICO DUBBIO: SE QUESTA ENTRA IN ECR, CON QUESTA FORZA, POI CHI COMANDA? IO O LEI? - MEGLIO L'UOVO OGGI (ZEMMOUR) DELLA GALLINA DOMANI (LE PEN)

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/flash-come-mai-giorgia-meloni-che-pensava-tirare-marine-pen-384383.htm

 

l'ultimo discorso di jean marie le pen al parlamento europeo 6 l'ultimo discorso di jean marie le pen al parlamento europeo 6

COME LE PEN È DIVENTATA RISPETTABILE (E PERCHÉ NON BISOGNA FARSI INGANNARE)

Estratto dell’articolo di Nicholas Vinocur per www.politico.eu

 

Nel 1987, a un politico strabico, senza labbra e dai capelli biondi di nome Jean Marie Le Pen fu chiesto in un programma radiofonico francese se credeva che 6 milioni di ebrei fossero stati uccisi nelle camere a gas naziste. La sua risposta è stata uno studio sull'incertezza.

 

Ha iniziato a riflettere sulla domanda, come se gli avessero appena chiesto la sua opinione sull'esistenza degli UFO, ha trascorso diversi secondi a cercare le parole giuste, poi ha trovato una formula che sembrava soddisfarlo: la morte di 6 milioni di ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale, dichiarò, era un "point de détail" (un dettaglio minore, un dettaglio tecnico) nella storia più ampia della guerra, nonché un argomento di dibattito tra gli storici.

 

jordan bardella marine le pen jordan bardella marine le pen

Non era certo la prima volta che l'ex paracadutista della guerra d'Algeria si scontrava con l'indignazione. Fino all'inizio degli anni '80, Le Pen si è entusiasticamente definito una sorta di cattivo dei cartoni animati della politica francese, con tanto di benda da pirata.

 

Come leader del partito di estrema destra Front National, nel 1987 era stato ripetutamente dichiarato colpevole di varie accuse di incitamento all'odio razziale, oltre alla sua famigerata difesa dell'uso della tortura da parte delle forze francesi in Algeria. (Negli anni Cinquanta, Le Pen aveva affermato di aver ordinato la tortura dei detenuti, salvo poi ritrattare. La questione se l'abbia fatto o meno è ancora oggetto di una controversia viva). Tuttavia, è stata la battuta "point de détail" che, per qualche motivo, si è insinuata nella coscienza collettiva come una sorta di meme pre-internet.

 

MARINE LE PEN E VLADIMIR PUTIN MARINE LE PEN E VLADIMIR PUTIN

Da bambino cresciuto in Francia, ero troppo giovane per aver sentito Le Pen pronunciare quelle parole in tempo reale. Ma a 8 o 10 anni ero già consapevole del fatto che le avesse pronunciate, così come ero consapevole della sua valenza nella cultura popolare. Informato da uno spettacolo di satira politica a base di pupazzi chiamato Les Guignols de l'Info, io - come milioni di altri francesi - sono cresciuto con l'immagine di Le Pen come un bigotto ringhioso con un morso sotto il naso, uno spauracchio politico che raccoglieva ordinatamente in sé tutte le brutture della storia recente della Francia, dalla collaborazione con i nazisti alla brutale campagna per mantenere l'Algeria francese.

 

GIORGIA MELONI E MARINE LE PEN GIORGIA MELONI E MARINE LE PEN

Una reputazione così radicata che si è facilmente trasmessa alla figlia Marine. Presentata come nuovo presidente del Fronte Nazionale nel 2011, la giovane Le Pen è stata ampiamente considerata come una versione femminile e con i capelli più lunghi del padre. Non guastava il fatto che, all'epoca, molti dei luogotenenti del padre fossero ancora tra i vertici del Fronte Nazionale. E nemmeno il fatto che, come il padre, la giovane Le Pen sembrasse esperta nell'arte di creare indignazione, come nel 2010 quando paragonò le preghiere in strada dei musulmani a una "occupazione" della Francia. (Alla fine è stata assolta dall'accusa di incitamento all'odio razziale per quel commento).

 

MARINE LE PEN GEERT WILDERS MARINE LE PEN GEERT WILDERS

Con il passare degli anni, però, Marine ha imparato a evitare i polémiques - piccoli scandali - che hanno riportato in auge l'associazione con Jean-Marie. Ha preso di mira concetti astratti, come l'Islam fondamentalista, piuttosto che alcuni gruppi di persone. (Ci sono eccezioni, ma la maggior parte degli esempi risale alla metà degli anni 2000).

 

Durante le sue tre candidature alla presidenza, il momento che ha causato alla Le Pen il maggiore imbarazzo politico è stata la sua incapacità di difendere un piano di uscita dall'eurozona durante un dibattito con Emmanuel Macron, non qualcosa che riguardasse le questioni scottanti della guerra culturale che hanno segnato il mandato di suo padre come massimo paria politico del Paese. Nel corso del tempo, la macchia del suo legame con l'anziano Le Pen - e la potenza del meme point de détail - si è affievolita con l'ingresso di nuovi elettori che non avevano esperienza personale dell'orco di Les Guignols. La Le Pen più giovane è diventata qualcosa che il padre 95enne non è mai stato: un po' affermata e un po' noiosa.

 

supporter di marine le pen supporter di marine le pen

Non si tratta di un errore da parte di Le Pen. Nel corso di oltre un decennio, ha compiuto uno sforzo meticoloso per rilanciare il suo partito come un veicolo populista a favore della Francia, che si batte per i più poveri, senza l'indignazione legata a suo padre. La vecchia guardia di accoliti di Jean-Marie è stata messa da parte. Nel 2015, la Le Pen più giovane ha espulso il padre dal partito dopo uno scontro pubblico sulla sua moderazione pubblica. "Mi chiedo: L'hai fatto davvero?". Si è chiesta la Le Pen, secondo quanto ha raccontato alla televisione francese nel 2019. "Perché sembrava così folle. Ma non avevamo scelta. O così o il movimento sarebbe scomparso".

marine le pen emmanuel macron marine le pen emmanuel macron

 

Nel 2018, ha fatto un ulteriore passo avanti cambiando il nome del partito dallo storico "Front National" allo stesso ma diverso "Rassemblement National". Il sostegno del partito è forte tra gli elettori più giovani e Le Pen si è circondata di lealisti che devono la loro carriera a lei, non a suo padre. Infatti, l'attuale presidente del partito, a cui Le Pen ha ceduto il controllo nel 2022, è il 28enne Jordan Bardella.

 

In un certo senso, almeno per quanto riguarda l'accusa di antisemitismo, gli sforzi della Le Pen hanno raggiunto una pietra miliare alla fine dello scorso anno, quando si è unita a una marcia contro l'antisemitismo tenutasi sulla scia dell'attacco di Hamas a Israele il 7 ottobre.

 

jean marie e marine le pen 2 jean marie e marine le pen 2

Mentre il partito di sinistra La France Insoumise ha invocato la presenza della Le Pen alla manifestazione come ragione per non partecipare, e anche il Presidente Macron era assente, la presenza della figlia di Jean-Marie Le Pen non ha suscitato grandi proteste. Al contrario: un ex ministro dell'Istruzione di centro-destra, Luc Ferry, si è spinto a proclamare che RN è ora un partito "repubblicano", cioè non più al di fuori di ogni logica.

 

"La maggior parte degli attivisti e gran parte dell'elettorato non ricordano l'epoca di Jean-Marie Le Pen", ha dichiarato Jean-Yves Camus, specialista dei movimenti di estrema destra in Europa per il think tank IRIS. "Gli eventi che lo hanno plasmato sono stati la Seconda Guerra Mondiale e la Guerra d'Algeria. Ma questi vecchi riferimenti dell'estrema destra sono ormai storia antica. Non ha senso accusarla di essere a capo del partito di Jean-Marie Le Pen".

MARINE E MARIE CAROLINE LE PEN MARINE E MARIE CAROLINE LE PEN

 

Parlando ai giornalisti durante una conferenza stampa annuale a gennaio, Le Pen ha suggerito che, in questa fase, continuare a invocare la storia del partito e il ruolo di suo padre in esso quando si discute delle sue politiche è "inelegante".

 

"Sono anni che frequentiamo i nostri colleghi legislatori in modo proficuo e rispettoso", ha detto. "Chi si ostina a continuare a chiamarci Fronte Nazionale dimostra di non avere molto da dire su di noi". Le circa tre dozzine di giornalisti non hanno posto domande su questo aspetto del suo discorso.

MARINE LE PEN E VLADIMIR PUTIN MARINE LE PEN E VLADIMIR PUTIN

 

 

Meloni 2.0?

E così sia. Tredici anni dopo aver rilevato il vecchio Front National dal padre, e 18 mesi dopo aver ceduto la presidenza del Rassemblement National a Bardella, la Le Pen è riuscita a tagliare i ponti con il suo occhiuto predecessore, o almeno a renderlo irrilevante nella politica quotidiana. Benjamin Haddad, un legislatore del partito Renaissance di Macron, concorda con Camus sul fatto che non ha più senso politico trattare la Le Pen più giovane come un'entità al di fuori della realtà - o svergognare i suoi milioni di seguaci con ammonimenti sulla presunta mancanza di valori repubblicani.

 

ELEZIONI FRANCESI VISTE DA GIANNELLI ELEZIONI FRANCESI VISTE DA GIANNELLI

"È un partito che combattiamo", ha detto. "Combattiamo la sua piattaforma e i suoi valori. Crediamo che i suoi piani siano pericolosi per il Paese e per l'Europa. Ma non credo che dovremmo combatterlo con un approccio moralizzante perché non funziona. Fare riferimenti alla storia è meno efficace che dire cosa c'è nel loro programma e argomentare contro di esso, punto per punto".

 

Ma per molti francesi e non pochi stranieri che guardano dall'estero, la domanda rimane: Quanto è davvero "normale" la Le Pen e il suo partito del Rassemblement National? Si tratta, in fondo, di un'organizzazione di estrema destra che, se raggiungerà il potere, scatenerà l'inferno sui gruppi di minoranza in Francia, oltre a far saltare i legami della Francia con l'UE e la NATO? Oppure si tratta di un movimento populista di destra sulla falsariga del governo di coalizione del Primo Ministro italiano Giorgia Meloni, il cui abbaiare è molto peggiore del suo morso?

 

La questione è più urgente ora che il Rassemblement National, guidato da Bardella, sembra pronto a raggiungere un'altra pietra miliare nella sua lunga marcia verso il potere. In vista delle elezioni del Parlamento europeo che si terranno a giugno, i sondaggi indicano che il partito otterrà fino al 28% dei voti, superando di gran lunga la coalizione di centro e centro-destra guidata da Renaissance di Macron, che dovrebbe ottenere solo il 19%, secondo il sondaggio di POLITICO. Non solo Le Pen e Bardella potrebbero mettere in imbarazzo il campo presidenziale, ma potrebbero anche superare il loro precedente risultato massimo del 23% alle elezioni europee del 2019.

 

La Francia stessa è divisa sulla questione della rispettabilità della Le Pen. Mentre l'agenzia di stampa nazionale, Agence France-Presse, e i quotidiani continuano a descrivere il RN come "estrema destra", altre testate hanno aggiornato il loro vocabolario a "destra populista" o "destra nazionalista".

 

MARINE LE PEN CONTESTATA ALLA MARCIA CONTRO L'ANTISEMITISMO A PARIGI MARINE LE PEN CONTESTATA ALLA MARCIA CONTRO L'ANTISEMITISMO A PARIGI

Nel 2022, un giornalista della televisione pubblica francese, Valery Lerouge, ha dichiarato a RTBF: "Il termine che usiamo più comunemente [per parlare del RN] è destra nazionalista. Perché se si guarda alla storia dell'estrema destra, si parla di un partito razzista, antisemita e omofobo. L'estrema destra si rifà al fascismo, e non siamo più a quel punto", ha detto.

 

Camus, lo specialista dell'estrema destra, è della stessa idea. "Il RN non sta preparando un ritorno al fascismo", ha detto. "È un partito che agisce in un contesto repubblicano. Accetta la Repubblica. Rispetta la legge. Partecipa attivamente alla vita democratica. In questo senso, sì, è un partito repubblicano". Per molti aspetti, aggiunge, Eric Zemmour, capo del partito di estrema destra "Reconquest", è "molto più radicale di Le Pen".

matteo salvini e marine le pen a pontida matteo salvini e marine le pen a pontida

 

Tuttavia, Camus si qualifica sottolineando che su alcuni aspetti della sua piattaforma, il partito di Le Pen mantiene una linea diretta con i giorni di Jean-Marie. Tra questi, il più importante è La promessa di istituire una politica di "priorità nazionale", in base alla quale i cittadini francesi avrebbero un accesso preferenziale a posti di lavoro, sussidi e alloggi sociali rispetto agli stranieri, anche a quelli che pagano le tasse in Francia. "Questo non rientra nella tradizione repubblicana della Francia", ha detto. "Sta creando una distinzione tra cittadini francesi e altri che va contro la Costituzione".

 

vistor orban marine le pen vistor orban marine le pen

Su questo punto, le truppe di Macron sono in difficoltà. Alla fine dell'anno scorso, il partito del presidente ha presentato una legge sull'immigrazione che assomigliava stranamente, in diverse parti, al programma del Rassemblement National. Il Parlamento ha approvato la legge con il sostegno del partito di Le Pen - un evento raro, vista la consueta posizione di opposizione generalizzata del partito. Il partito di Macron ha fatto del suo meglio per minimizzare l'aiuto della sua ex rivale presidenziale. "Ci preoccupiamo di non dipendere mai dal sostegno del RN per approvare una legge", ha dichiarato Haddad. Ma questo non ha impedito a Le Pen e Bardella di rivendicare la vittoria. "Questo è un trionfo ideologico per il RN", ha detto il primo in TV poco dopo il voto.

 

jean marie marine le pen davanti al loro castello di montretout jean marie marine le pen davanti al loro castello di montretout

Altri sostengono che, sebbene la Le Pen possa aver rotto con l'antisemitismo del padre, i suoi commenti sui musulmani e gli immigrati sfiorano l'islamofobia. I suoi commenti sulle "incessanti richieste delle minoranze" (2021), sul fatto che il velo musulmano sia un marcatore ideologico "pericoloso quanto il nazismo" (2022), sulla fine dell'accesso alla cittadinanza per diritto di nascita e sul rimpatrio forzato dei criminali nati all'estero sono la prova, come minimo, di un'agenda radicale anti-Islam.

 

Secondo l'ufficio statistico nazionale, i musulmani rappresentano circa il 10% della popolazione francese. Non c'è dubbio che, se Le Pen venisse eletta presidente, questa popolazione ne risentirebbe come minimo attraverso restrizioni alle manifestazioni pubbliche di religiosità.

 

MARINE LE PEN CON LA STESSA POSA DI EMMANUEL MACRON MARINE LE PEN CON LA STESSA POSA DI EMMANUEL MACRON

"Se si considerano i commenti di Marine Le Pen... per me non c'è dubbio che appartenga all'estrema destra", ha dichiarato al quotidiano economico Les Echos Cécile Alduy, specialista e ricercatrice linguistica che ha scritto libri sul linguaggio di Le Pen.

 

 "Lei sposa una visione organicista della società in cui l'individuo si piega alle gerarchie sociali tradizionali che sfuggono al suo controllo: il determinismo del sangue, della famiglia e della nazione. Anche se cerca di cancellare l'aspetto stigmatizzante del suo programma nei confronti di alcuni gruppi, ha un'ideologia di estrema destra e i suoi funzionari eletti sono di estrema destra. Suo padre sarebbe in disaccordo con qualche aspetto del suo programma? No".

 

MARINE LE PEN MELONI MARINE LE PEN MELONI

Non aiuta il fatto che Le Pen condivida proprietà politiche con partiti comunemente considerati di estrema destra. Nel Parlamento europeo, appartiene allo stesso gruppo di Alternativa per la Germania, che attualmente sta affrontando massicce manifestazioni contro l'estrema destra in tutta la Germania.

 

Sebbene la Le Pen abbia ripudiato il piano di espulsione dei tedeschi nati all'estero, di cui alcuni esponenti dell'AfD hanno parlato, affermando che ciò sollevava dubbi sulla comune appartenenza dei due partiti al gruppo Identità e Democrazia, non ha ancora tagliato i ponti. Al contrario, Le Pen appare spesso con alleati di estrema destra in Italia, in particolare con Matteo Salvini, capo del movimento della Lega.

 

MATTEO SALVINI - MARINE LE PEN - FRANCESCA VERDINI A PONTIDA 2023 MATTEO SALVINI - MARINE LE PEN - FRANCESCA VERDINI A PONTIDA 2023

La Le Pen ha finalmente raggiunto la normalità politica, scrollandosi di dosso l'eredità del padre? Non c'è dubbio che la sua lunga campagna volta a ripulire la reputazione del suo partito sia stata, in larga misura, un successo.

 

Ma non si è mai spinta fino a ripudiare completamente l'eredità paterna, ad esempio denunciando pubblicamente il razzismo, l'antisemitismo e la xenofobia degli anni precedenti del suo partito. Ha invece cercato di cambiare l'immagine del suo marchio senza mai abbandonare parti fondamentali della sua piattaforma, come il piano di priorità nazionale, o allontanarlo dal suo DNA fondamentalmente nazionalista.

 

Per gran parte della popolazione francese - i musulmani, ma anche i nati all'estero e chiunque cerchi la cittadinanza francese - una presidenza Le Pen rappresenterebbe una minaccia. E per il più ampio ordine occidentale ed europeista, c'è un evidente pericolo nella sua continua simpatia per Putin, che sostiene apertamente la Le Pen e l'ha ricevuta in visita ufficiale nel 2017.

GIORGIA MELONI - VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI - VIKTOR ORBAN

 

Una banca ceco-russa ha anche concesso al suo partito un'ancora di salvezza finanziaria sotto forma di un prestito di 9 milioni di euro. Sul palcoscenico europeo, la Le Pen può aver abbandonato i piani di uscita dall'Unione Europea, ma rimane un potenziale di profonda rottura.

 

Ha giurato di sfidare l'autorità della Commissione europea (che un tempo si era impegnata ad abolire) e di trasformare l'UE in una sorta di conferenza intergovernativa. Unendo le forze con il primo ministro ungherese Viktor Orbán, il primo ministro slovacco Robert Fico e, forse, l'italiana Meloni, non è difficile immaginare come la Le Pen potrebbe neutralizzare efficacemente la funzione esecutiva dell'UE, riducendola a un raduno di leader più simile al G20 che agli Stati Uniti.

 

matteo salvini e marine le pen a pontida matteo salvini e marine le pen a pontida

La Le Pen non sarà l'orco politico che era suo padre, ma incarna comunque una forma di politica molto più radicale e trasgressiva di quanto vorrebbe far credere. Per i suoi avversari, l'apparenza morbida della Le Pen rende il compito di affrontarla politicamente sempre più impegnativo. "Stiamo combattendo contro di loro", aggiunge Haddad. "Ma è importante essere sempre rispettosi degli elettori. Il controesempio sono i 'deplorevoli' di Hillary Clinton".

 

Con l'avvicinarsi delle elezioni europee, la questione della normalizzazione di Le Pen non è più un argomento che attirerà molti commenti sulla stampa francese. La figlia di Jean-Marie non deve più rispondere del padre e ha lasciato le operazioni del partito a Bardella.

 

Si dice che stia preparando una nuova candidatura alla presidenza nel 2027, la sua ultima. Cosa penserebbe suo padre? A 95 anni, l'anziano Le Pen si è finalmente ritirato dalla vita pubblica, abbandonando il suo video blog dopo un evento cardiaco l'anno scorso. L'agitazione per la rottura pubblica con Marine è acqua passata. A livello personale, almeno, padre e figlia sembrano più vicini che mai.

 

OCEAN VIKINGS - MEME BY CARLI OCEAN VIKINGS - MEME BY CARLI marine le pen a gennevilliers marine le pen a gennevilliers emmanuel macron marine le pen emmanuel macron marine le pen MARINE LE PEN CON SLOGAN 'PER TUTTI I FRANCESI' MARINE LE PEN CON SLOGAN 'PER TUTTI I FRANCESI' marine le pen emmanuel macron marine le pen emmanuel macron MARINE LE PEN MARINE LE PEN marine le pen contro macron per la sua visita ai caraibi marine le pen contro macron per la sua visita ai caraibi marine le pen nel video del partito renaissance di macron marine le pen nel video del partito renaissance di macron MATTEO SALVINI CON MARINE LE PEN A PARIGI MATTEO SALVINI CON MARINE LE PEN A PARIGI MARINE LE PEN - MARION LE PEN MARINE LE PEN - MARION LE PEN marine le pen accusata di razzismo 2 marine le pen accusata di razzismo 2 marine le pen jordan bardella marine le pen jordan bardella

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO